Mangiare sano
Legumi, segreto di lunga vita

Riportiamo i legumi sulle nostre tavole, come facevano i nostri nonni! Sono più sani della carne e tengono lontane le malattie neurodegenerative: ecco quali privilegiare

Un tempo la carne si mangiava di rado, non così i legumi. E ancora oggi tra le buone abitudini di chi vive a lungo vi è proprio l’assenza, o la scarsa presenza sulla tavola, di bistecche, salumi e affettati. Le proteine di origine animale sono, in base a quanto sta emergendo dalla ricerca scientifica, una delle componenti meno salutari della nostra dieta. Per essere giovani “di testa” (e non solo) meglio ridurre la carne, in particolare quella rossa e "riammettere" sulle nostre tavole i legumi, troppo speso dimenticati. È questa una delle conclusioni cui è arrivato l’Istituto neurologico Besta di Milano che da tre anni si occupa di studiare quanto ciò che mangiamo influenzi la comparsa di malattie neurodegenerative. Digerire e assimilare le proteine di origine animale inoltre porta alla produzione di tossine acide e cataboliti, che dobbiamo poi smaltire. Un eccesso di queste sostanze di scarto affatica il cervello, rallenta l’intero metabolismo e aumenta la produzione di radicali liberi. Ma in una dieta vegetariana le proteine non mancano di certo. A fornirle sono i legumi, così presenti nell’alimentazione contadina e oggi spesso assenti dalle nostre tavole. 

Ricchi di ferro, i legumi portano ossigeno al cervello

I legumi sono una delle fonti più ricche di ferro, un minerale indispensabile per avere energia e per la sintesi di emoglobina, la proteina specializzata nel trasporto di ossigeno al cervello e a tutto il corpo. Fagioli, lenticchie, cannellini hanno 8 mg di ferro ogni 100 g, il doppio della carne di cavallo, che ne contiene 3,9 mg per 100 g. Per renderlo più assimilabile sottoponi i legumi secchi all’ammollo. 

I legumi regalano anche riflessi più pronti

Dai, nel tuo menu settimanale, un posto d’onore alle lenticchie: questi legumi contengono aminoacidi che servono per produrre norepinefrina, un neurotrasmettitore che garantisce riflessi pronti. 

Il segreto della lunga vita in oriente? La soia

Tra i segreti di longevità delle popolazioni orientali c’è la soia. È uno dei legumi più usati nelle diete vegetariane perché fornisce proteine di buona qualità, insieme a grassi polinsaturi che, a differenza di quelli presenti nella carne, non aumentano il rischio di ictus o infarto. Ci sono diversi modi per consumarla. Dalla soia si ottiene ad esempio il tofu, ma anche il tempeh, una cotoletta ottenuta dai suoi fagioli fermentati, un vero toccasana anche per l’intestino.

APPROFONDISCI
Scegli solo i cibi sicuri

Attento agli additivi e ai conservanti

CONSIGLIATO PER TE
Riza Dossier: Come restare giovani

Le nuove scoperte che ti regalano anni di vita

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?