Sos salute
Tre rimedi contro i risvegli notturni

Se i risvegli notturni ti assillano, prima risali alla causa e poi scegli il rimedio naturale che fa per te per ritrovare un sonno ristoratore

Se ti capita di avere frequenti risvegli notturni, puoi ricorrere ad alcuni rimedi naturali molto efficaci. Anticamente in Cina si diceva che chi si risvegliava da un sonno ristoratore affermava di aver fatto “sogni profumati”. In effetti, le piante aromatiche sono tra le più potenti alleate di Morfeo, soprattutto per quelle persone che tendono a svegliarsi nel cuore della notte e poi fanno fatica a riaddormentarsi. Camomilla, valeriana, lavanda: basta una goccia del loro olio essenziale, una capsula del loro estratto secco o un pizzico di pianta in una tazza d’acqua bollente da sorseggiare un’ora prima di coricarsi per addormentarsi bene e prolungare il riposo fino al mattino. Ma attenzione: non tutti i risvegli notturni sono uguali, e le erbe da usare cambiano in base alla causa che può interrompere il sonno.

Leggi anche: insonnia, curala di giorno!

Usa la valeriana se a svegliarti è l’ansia

Secondo gli studi più aggiornati la valeriana sarebbe addirittura in grado di aumentare i livelli di GABA (acido gamma-aminobutirrico) nel cervello: il GABA è un aminoacido dotato di una potente azione sedativa, addirittura simile a quella ottenuta utilizzando farmaci ad azione ansiolitica e sedativa come le benzodiazepine, ma senza avere effetti collaterali. La valeriana è indicata soprattutto se l’insonnia si manifesta in concomitanza con stati ansiosi, dolori addominali e difficoltà digestive. La valeriana si assume sotto forma di estratto secco (una compressa da 300 mg) con mezzo bicchiere d’acqua prima di andare a letto.

Contrasta la sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è la prima causa dei risvegli notturni. In Italia interessa tra il 5 e il 10 per cento della popolazione adulta e si manifesta come la necessità incontenibile di muovere le gambe nel letto o di alzarsi nel cuore della notte per camminare e sgranchirsi i muscoli. Se questi episodi continuano a ripetersi, il sonno diventa sempre più “leggero”. Per chi soffre di questo disturbo, un buon rimedio è la Withania somnifera. L’estratto standardizzato della radice di questa pianta ha un’attività antistress, antiansia e sedativa; migliora anche l’umore e i processi di apprendimento e la memoria.

Scegli il luppolo se sei in menopausa

Il luppolo è un rampicante dotato di eccellenti proprietà calmanti sul sistema nervoso. Ottimo sedativo, ricco di fitoestrogeni, flavonoidi e antiossidanti, è indicato anche per trattare l’insonnia e i risvegli notturni che si manifestano o peggiorano con l’avvento della menopausa, alla sera, bevi un infuso preparato facendo sobbollire in una tazza d’acqua per 10 minuti un cucchiaio di fiori di luppolo e qualche spiga di lavanda; filtra e addolcisci con del miele.

APPROFONDISCI
Guida pratica all'erboristeria

Per conoscere le proprietà delle erbe e come usarle per curare i disturbi

CONSIGLIATO PER TE
La digestione è la fonte della salute

Come eliminare acidità, gonfiori, stipsi e colite, con i rimedi naturali una volta per tutte.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?