Sos salute
C'è una noce che tiene a bada le prime allergie

È un rimedio ayurvedico noto come noce di Malabar: agisce come un antistaminico naturale e risolve tosse, raffreddore e broncospasmo senza effetti collaterali

Nella medicina tradizionale indiana, la noce del Malabar era usata per curare i disturbi respiratori, in particolare tosse e asma. La scienza moderna ne conferma le virtù terapeutiche: oggi si sa che questo piccolo cespuglio tropicale dai fiori bianco rosati ha un fitocomplesso ricco di sostanze dall’azione mucolitica, espettorante e antistaminica, molto efficace per il benessere delle alte vie respiratorie. Viene usata, nel trattamento delle congestioni e delle infiammazioni nasali ed è molto efficace per contrastare le riniti allergiche (i cosiddetti “raffreddori da fieno”), disturbi che compaiono con l’approssimarsi della primavera. La noce di Malabar è dunque un’alleata davvero utile, in particolare, nella stagione dei pollini e delle allergie: decongestiona il naso, calma l’irritazione, libera dal muco e ti aiuta a respirare meglio.

Leggi anche: quando la primavera salta al naso

Rinforza tutto l’albero respiratorio

In questa stagione, naso costantemente chiuso e colante e continui starnuti possono diventare una vera e propria persecuzione per chi soffre di allergie da polline. Studi clinici e di laboratorio hanno dimostrato che gli estratti della noce di Malabar riducono notevolmente i sintomi dell’allergia e aiutano a ristabilire la funzionalità delle vie respiratorie. Questo rimedio contiene soprattutto alcaloidi che esercitano una potente azione antistaminica, inoltre disinfiammano le mucose, riducono il prurito e calmano l’irritazione. La vasicina, in particolare, rilassa i muscoli delle vie aeree e, grazie ai suoi effetti sedativi, attenua la sensazione di dolore che spesso accompagna la respirazione durante gli attacchi allergici.

Scopri i rimedi naturali contro le allergie di primavera

Decongestiona anche gola e bronchi

Grazie al suo potere lenitivo e decongestionante, la noce di Malabar calma le mucose del setto nasale, riduce il rigonfiamento e l’ostruzione prodotti dall’eccesso di secrezioni, fluidifica il muco e stimola l’attività ciliare. Così le secrezioni in eccesso possono essere eliminate più facilmente, dando sollievo al senso di oppressione legato alla reazione allergica. Ed evitando che, oltre al raffreddore, prendano piede faringiti, sinusiti e tonsilliti, che spesso vanno trattate per via farmacologica.

Come utilizzare la noce di Malabar

Abbina noce di Malabar e liquirizia per una tisana anallergica. Metti in infusione in una tazza d’acqua bollente un cucchiaino di liquirizia (radice) e un cucchiaino di noce di Malabar (foglie). Lascia riposare per 5-10 minuti, poi filtra e bevi. Ne puoi prendere fino a 2-3 tazze al giorno.

Aspira i suoi vapori disinfettanti

Usa le foglie in taglio tisana per fare suffumigi. Mettine un cucchiaino in un pentolino d’acqua bollente, insieme a un cucchiaino di timo e uno di eucalipto e aspira i vapori per 10 minuti, coprendoti la testa con una salvietta.

Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?