Disbiosi?  Ecco cosa fare
Sos salute

Disbiosi? Ecco cosa fare

La disbiosi è un'alterazione della flora batterica di origine alimentare che si manifesta con gonfiori e irregolarità: per curarla servono i probiotici e...

Questo fastidioso disturbo viene di solito causato da un alimentazione scorretta e/o dall'abuso di farmaci o alcolici, ma può essere innescata da colpi di freddo (in estate da violenti sbalzi di temperatura dovuti all'aria condizionata), dallo stress o da fenomeni infettivi. Quando ha un'origine alimentare, può essere di tre tipi, curabili con i probiotici (ovvero fermenti lattici) specifici, che eliminano gli scarti tossici e migliorano la risposta immunitaria.

 

La disbiosi putrefattiva

 La disbiosi putrefattiva è tipica di chi consuma molti grassi saturi, come carni, salumi, burro, strutto, formaggi stagionati, e poche fibre. Si manifesta con gas, flatulenza, alitosi, meteorismo. Il materiale putrefatto che ristagna nell’intestino produce scorie dannose tra le quali spicca il 5-fecaptene, una tossina cancerogena che va rapidamente eliminata affinché non intacchi i tessuti intestinali. Per combattere la disbiosi putrefattiva, ci vogliono i fermenti del tipo Lactobacillus ramnosus, una dose al giorno per almeno 7-10 giorni.

 

La disbiosi fermentativa

 La disbiosi fermentativa riguarda invece chi consuma molti zuccheri e carboidrati semplici (pane e pasta bianca, zucchero bianco, crackers, dolci da forno…): provoca una crescita eccessiva della flora batterica che scatena gonfiore addominale e si manifesta con alternanza di stispi e colite, pancia tesa e pesante (soprattutto a fine giornata), fame continua di carboidrati. Per curarla, affidati al Lactobacillus paracasei, una dose al giorno per almeno 7-10 giorni.

 

La disbiosi da funghi

Quest’ultima forma è tipica di chi segue una dieta ricca di lieviti (pizza, focacce, brioche ecc.) e di zuccheri raffinati. Il disturbo è rivelato da sintomi come irregolarità intestinale, prurito anale e/o vaginale, cistiti, micosi, dermatiti, allergie cutanee e/o respiratorie e stanchezza cronica. In questi casi, tra i fermenti lattici, preferisci il Lactobacillus acidophilus, una dose al giorno per almeno 7-10 giorni.

 

Se non la curi può provocare altri disturbi

Colon irritabile

 Spesso la disbiosi che coinvolge la flora dell’intestino tenue si estende al colon, scatenando scariche e dissenteria, crampi, gas e cattivo assorbimento. In questi casi, i fermenti lattici da soli non bastano ma vanno associati ai prebiotici: sono fibre (in genere fruttoligosaccaridi) che favoriscono la crescita dei batteri “buoni” e disinfiammano l’intestino, riducendo l’eccessiva motilità.
Fai così: al fermento lattico prescelto puoi per esempio associare una compressa di inulina, una fibra solubile che riduce la formazione di gas addominali e viene estratta dalla cicoria e dal tartufo bianco. Anche una minestra di riso con tarassaco, da gustare tiepida anche 2 volte al giorno, è un toccasana per l’intestino colitico.

 

Candidosi

 La Candida albicans è un fungo che vive sulla mucosa vaginale, nell’intestino, nella bocca e sulla pelle. Se il sistema immunitario si indebolisce, cosa che accade soprattutto quando l’intestino è irritato, la candida diventa “aggressiva” e dà luogo a una serie di disturbi che comprendono secrezioni vaginali biancastre, prurito e bruciore all’atto della minzione. In questi casi un fermento lattico particolarmente indicato è il Lactobacillus casei Shirota (LcS), che ripristina l’equilibrio della flora batterica intestinale.

 

Rimedi naturali candida

Associa ai fermenti lattici la tintura madre di Solidago virga aurea: stimola il drenaggio delle tossine e ha un’azione antibatterica. Se ne prendono 40 gocce al giorno prima dei pasti per 3-4 settimane, anche se la candida è scomparsa.

TAG
DISBIOSI
COLON IRRITABILE
INTESTINO
FERMENTI LATTICI
FLORA BATTERICA
APPROFONDISCI
Riza Dossier: Depura l'intestino
Riza Dossier: Depura l'intestino
Bastano 2 giorni al mese! Rigeneri fegato, cervello o anticorpi
CONSIGLIATO PER TE
Riza Speciale - L'intestino sano ti salva la vita
Riza Speciale - L'intestino sano ti salva la vita

Come proteggere l'organo più prezioso

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?