Integratori
Zinco: il minerale che potenzia le difese immunitarie

Lo zinco è un minerale coinvolto in numerosi processi biologici nel nostro organismo: è utile per la sintesi di ormoni, tra cui l'insulina, rallenta l’invecchiamento cellulare, sostiene le difese immunitarie, migliora la vista e rinforza la memoria

Il zinco è un metallo importante per il nostro benessere e appartiene alla categoria dei “minerali in traccia”, ovvero che sono presenti in piccola quantità nei tessuti corporei. Ha simbolo chimico Zn e in natura è contenuto nelle rocce. Nel corpo umano sta alla base di processi biochimici vitali. La quantità di zinco presente nell’organismo varia tra 1,5 e 2,5 grammi. Si trova principalmente nelle cellule di organi come fegato, pancreas e reni, nella retina degli occhi e nei tessuti di muscoli, epidermide, ossa, unghie e capelli; in concentrazioni minori è presente anche nei neuroni, nello sperma, nel plasma, nei globuli rossi e bianchi. Lo zinco viene assorbito a livello dell’intestino tenue e la sua espulsione avviene tramite le feci e, in parte, con l’urina. Elemento costitutivo della struttura di enzimi che traducono le istruzioni di DNA ed RNA; oltre che nella formazione di proteine indispensabili per alcune importanti funzioni cellulari, come la respirazione, nonché lo sviluppo e la differenziazione delle cellule.

A cosa serve lo zinco nell’organismo

Grazie alla sua potente azione antiossidante, lo zinco è utile a contrastare l’invecchiamento cellulare, proteggendo dall’azione deleteria dei radicali liberi. A livello dell’apparato cutaneo stimola la rigenerazione dell’epidermide e facilita la guarigione di ferite. Lo zinco è quindi indispensabile per la salute della pelle, tanto che può curare acne e brufoli, ma anche dermatiti ed eczemi. Insieme alla vitamina C, infatti, lo zinco è responsabile della produzione di collagene. Lo zinco, inoltre, migliora la capacità visiva, favorendo soprattutto la visone crepuscolare. Favorisce l’assorbimento di alcune importanti vitamine, tra cui quelle del gruppo B e la vitamina A. Le principali funzioni dello zinco riguardano il corretto funzionamento del sistema immunitario (stimolando il corretto funzionamento del timo), soprattutto contro i virus influenzali e le infezioni batteriche. Ecco perché lo zinco è utile per curare sintomi da raffreddamento e affezioni alle vie respiratorie. Lo zinco è indispensabile per il corretto funzionamento di importanti ormoni, tra cui l’ormone della crescita GH, gli ormoni sessuali (come il testosterone), la timulina (prodotta dal timo e implicata della risposta immunitaria) e l’insulina (che regola l’assorbimento degli zuccheri). Essendo implicato nel meccanismo insulinico (in particolare prolungando l’effetto dell’insulina), lo zinco è anche utile nella cura del diabete. Inoltre, lo zinco è una componente di molti enzimi coinvolti nel metabolismo energetico (anche perché aiuta ad eliminare i depositi di colesterolo), per cui aiuta a regolare il controllo del peso,. Lo zinco, poi, aiuta ad avviare il processo di digestione, stimolando l’appetito, oltre che contribuire a mantenere vivi i sensi del gusto e dell’olfatto. Lo zinco è anche un componente di enzimi che attivano l’utilizzo degli zuccheri e dell’alcool (con effetto protettivo sul fegato). Lo zinco nei bambini è fondamentale per avere una crescita equilibrata e nelle donno in gravidanza aiuta per il buon sviluppo del feto. Lo zinco, inoltre, stimola lo sviluppo degli organi sessuali (sia maschili sia femminili) e aumenta la fertilità in entrambe i sessi. In particolare, favorisce il buon funzionamento della prostata, interviene nella produzione di spermatozoi e migliora le prestazioni sessuali maschili. Nelle donne è di fondamentale importanza durante tutta la gestazione e l’allattamento. Lo zinco è anche utile per il buon funzionamento del sistema nervoso centrale e delle funzioni intellettive, come la memoria. Lo zinco aiuta a combattere lo stress.

LEGGI ANCHE Il super integratore d'autunno: uva nera e zinco

Quali sono le conseguenze di una carenza di zinco

Il fabbisogno giornaliero di zinco varia in base all’età e al sesso. Negli uomini è di 11 mg, nelle donne 8 mg, mentre in gravidanza e durante l’allattamento sale fino a 11-14 mg; nei bambini e negli adolescenti il fabbisogno di zinco aumenta: 3-5 mg per bambini di 4-8 anni e 8 mg per 9-13 anni. La mancanza di zinco nell’organismo può essere dovuta a patologie del fegato o malattie infettive croniche. Come anche in individui affetti da anemia falciforme. Anche la dieta vegetariana, carente di proteine vegetali e ricca di cereali, così come pure un’alimentazione monotona, possono determinare un deficit di zinco. Un’alimentazione povera di zinco, inoltre, rende l’intestino più soggetto a infiammazioni, con ripercussioni anche a livello del sistema immunitario. L’assunzione di diuretici e antidepressivi, inoltre, ne aumentano la secrezione. I sintomi legati alla carenza di zinco sono vari: poco appetito, riduzione del senso del gusto e dell’olfatto, sonnolenza, stanchezza, eruzioni cutanee, dermatiti, lenta cicatrizzazione delle ferite, perdita di capelli, alterazione sensoriale di vista e udito, indebolimento del sistema immunitario, aumento di infezioni, diarrea, disfunzioni degli organi sessuali (negli uomini diminuzione del numero di spermatozoi), problemi di fertilità, perdita di memoria e deficit intellettivi. Oltre che provocare una carenza di vitamina A. Nei bambini, una carenza di zinco può dare problemi di crescita. Il deficit di zinco è indagabile attraverso specifici esami del sangue. Per risolverla è necessario assumere integratori alimentari di zinco, che vanno scelti e dosati attentamente in base a prescrizioni mediche. Si tratta di chelato di zinco più facilmente assorbibile dall’organismo. Spesso lo zinco negli integratori è associato ad altri oligoelementi, come zinco-magnesio-vitamina B6 (in un complesso chiamato ZMA), zinco-vitamina B6-triptofano (per regolare il tono dell’umore e contro l’insonnia), zinco-selenio (con funzione antiossidante), zinco-vitamina C (contro i virus influenzali) e zinco-arginina (per curare problemi di fertilità maschile). Attenzione anche all’esubero di zinco, dovuta a un eccessivo consumo di integratori, si possono avere problematiche legate a intossicazione. I sintomi in tal caso sono: nausea, vomito, diarrea, abbassamento del livello di colesterolo buono HDL e febbre.

LEGGI ANCHE Terapia allo zinco, scudo anti virus

Dove si trova lo zinco negli alimenti

Lo zinco è presente in vari alimenti, di cui però l’organismo ne assorbe solo il 20-30%. Se si segue una dieta varia ed equilibrata si arriva a introdurre fino a 10-15 mg di zinco. In generale è contenuto principalmente in cibi di origine animale. Le ostriche ne contengono la concentrazione maggiore (18-182 mg ogni 100 grammi), a seguire gli altri molluschi e il pesce. Anche la carne rossa, soprattutto quella di manzo e agnello, soprattutto nelle frattaglie come il fegato, hanno un buon contenuto di zinco. Si trova poi nell’uovo (tuorlo), nel latte e nei suoi derivati (anche se la presenza di caseina ne limita l’assorbimento). Le fonti vegetali di zinco in ogni caso sono: cereali integrali, legumi (soprattutto fagioli), frutta secca (noci, arachidi), semi oleosi (in particolare i semi di sesamo, a seguire semi di papavero, di zucca e di girasole), lievito di birra, funghi e cacao amaro. Anche i semi di grano tostato e Tra gli ortaggi, la zucca ha un buon contenuto di zinco. Lo zinco presente negli alimenti di origine vegetale risulta però essere meno biodisponibile per l’organismo umano. Questo perché i vegetali contengono sostanze (fitati e fibre), definite anti-nutrienti che formano un complesso insolubile e riducono l’assorbimento di zinzo. Per ovviare al questo malassorbimento dovuto alla presenza di fitati, l’assunzione di cibi fermentati, come il pane può bilanciare e ridurre il rischio di carenza di zinco. Proteine della soia, glucosio e vino rosso, invece, ne favoriscono l’assorbimento.

APPROFONDISCI
Argento, Echinacea e tutti i migliori rimedi naturali

I rimedi efficaci contro virus e batteri

CONSIGLIATO PER TE
Il dizionario dei minerali

Ecco quelli più utili per la tua salute

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?