Erbe e fitoterapia
Stanchezza cronica addio con ginseng, garcinia e rhodiola

Il sistema immunitario, provato dagli stress climatici e ambientali, si rinforza con gli estratti di queste piante nemiche della stanchezza cronica

Potenziare le difese immunitarie è sempre importante, ma quando siamo sottoposti a stress non solo psicologici, ma anche causati da repentini cambi di temperatura, variazioni di luce, inquinamento, lo diventa ancora di più. Per ritrovare l’equilibrio, ricaricare mente e corpo e superare la stanchezza cronica, gli adattogeni naturali sono la soluzione migliore. Si tratta di piante che, come rivela il nome, aiutano il nostro organismo ad “adattarsi” meglio alle condizioni esterne: tra questi vi sono ginseng, rhodiola e garcinia.

Leggi anche: col magnesio via stanchezza e nervosismo

Stanchezza cronica? Il ginseng ti rigenera

La radice di ginseng è uno degli adattogeni più indicati per ottimizzare la nostra capacità di reazione allo stress  e superare la stanchezza cronica. Il suo effetto rigenerante ci aiuta quando ci sentiamo sottotono, sfasati da periodi di intensa fatica o durante i cambi di stagione. È anche un potentissimo riattivante del sistema immunitario. Prendi ogni giorno 2 compresse da 300 mg di estratto secco di ginseng, al mattino e al pomeriggio. Segui la cura per un mese, e ripetila a ogni cambio di stagione.

Usa la rhodiola contro apatia e debolezza

La rhodiola è ideale in caso di debolezza, apatia o leggera depressione, tutte caratteristiche tipiche delle fasi di stanchezza cronica. I suoi estratti stimolano la secrezione di serotonina, l’ormone del buonumore e abbassano quella di cortisolo, l’ormone dello stress. Assumi l’estratto secco standardizzato di rhodiola (2-3 comprese da 300 mg al giorno), la tintura madre (30-40 gocce, 3 volte al giorno), oppure l’infuso (5 g di radici sminuzzate in 150 ml di acqua bollente per 15 minuti).

La garcinia riattiva il metabolismo e scaccia la stanchezza cronica

Questa pianta aiuta ad aumentare la massa magra e a riattivare il metabolismo. I suoi principi attivi, e in particolare l’acido idrossicitrico e l’idrossicitrato, frenano il processo di trasformazione degli zuccheri in grassi mentre accelerano la lipolisi, cioè stimolano la combustione dei grassi per creare energia e liberarsi della stanchezza cronica. Prendi 2 capsule al giorno da 300 mg di estratto secco ai pasti, una a pranzo e l’altra a cena, per un mese.


APPROFONDISCI
Riza Dossier: Perché mi sento sempre stanco?

Le mosse vincenti che ti fanno ritrovare l'energia e la voglia di fare

CONSIGLIATO PER TE
La digestione è la fonte della salute

Come eliminare acidità, gonfiori, stipsi e colite, con i rimedi naturali una volta per tutte.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?