Erbe e fitoterapia
Potentilla, l'erba che placa febbre e dissenteria

Il decotto e la tintura madre di potentilla, pianta conosciuta fin dall'antichità contrastano la febbre, i crampi addominali e le infiammazioni...

Febbre e dolori trovano giovamento grazie alla potentilla, una pianta da sempre considerata una prodigiosa guaritrice. La potentilla (nota anche come tormentilla) appare simile alla pianta della fragola. Cresce soprattutto nelle zone montane soleggiate o lungo i fossi, con i suoi fiori bianchi, gialli o rossi. Le virtù medicinali della potentilla sono note sin dall’antichità: narra una leggenda che durante un’epidemia di peste in Germania nel XIV secolo, dal cielo arrivò una voce che la indicò come una panacea dal fantastico potere curativo...

Leggi anche: l'agrifoglio ti protegge dalla febbre

Potentilla, un grande antinfiammatorio naturale

Le radici e le foglie di potentilla sono ricche di tannini e vengono utilizzate sotto forma di decotto o di sciroppo: la potentilla in effetti è un buon astringente contro la diarrea e funziona da antinfiammatorio contro la febbre e i dolori. Il decotto, preparato con le radici, serve anche per placare le ragadi, le emorroidi, le infezioni gengivali e gli ascessi dentali.

Prepara il decotto di potentilla contro i crampi addominali

Il decotto di potentilla è ideale per regolarizzare la peristalsi intestinale e in caso di crampi. Per preparare il decotto, prendete 15 g di radice essiccata, mettetela in mezzo litro d’acqua fredda e scaldate sino a raggiungere l’ebollizione. Lasciate riposare il tutto per 3-4 ore, filtrate e mettete il decotto in un contenitore. Il decotto di potentilla può anche essere usato anche come lozione locale sulla pelle irritata (2 volte al giorno).

Scegli la tintura dall'effetto antibatterico

La tintura di potentilla si trova in erboristeria e ha un potente effetto antibatterico. Si utilizza in caso di infiammazioni delle mucose del cavo orale attraverso sciacqui e gargarismi o tamponando il palato, le gengive o l’interno delle guance con la lozione non diluita più volte al giorno. In caso di ferite che faticano a cicatrizzarsi, scottature o emorroidi, praticate degli impacchi o eseguite dei semicupi con la tintura.

APPROFONDISCI
Guida pratica all'erboristeria

Per conoscere le proprietà delle erbe e come usarle per curare i disturbi

CONSIGLIATO PER TE
La digestione è la fonte della salute

Come eliminare acidità, gonfiori, stipsi e colite, con i rimedi naturali una volta per tutte.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?