Erbe e fitoterapia
Lichene islandico: così ti liberi dalla tosse

Grazie alla presenza di zuccheri complessi e sostanze amare, il Lichene islandico agisce come disinfettante, espettorante, tonico e anti nausea contrastando tosse, muco e disturbi digestivi

Il Lichene islandico, Cetraria islandica, chiamato anche Lichene d’Islanda o Lichene artico, e appartenente alla famiglia delle Parmeliaceae, è diffuso nelle regioni fredde boreali dell'Europa e dell’Asia e in particolare nelle distese laviche islandesi, da cui deriva probabilmente il nome. I licheni sono vegetali costituiti dalla simbiosi tra un fungo e un’alga da cui si genera un tallo che si sviluppa aderente al terreno. Il Lichene islandico è fogliaceo di colore verde chiaro nella sommità e biancastro alla base con una consistenza cartilaginea e un’altezza che raggiunge i 10-15 cm. Per l’alto valore nutritivo della lichenina, è utilizzato dalle popolazioni nordiche come alimento, sia per le renne, sia per l'uomo, dopo aver reso commestibili le sostanze amare attraverso la bollitura, o con l’infusione a freddo. Solo nel XVII secolo ne vengono scoperte le proprietà officinali che lo rendono un rimedio ideale come anti nausea, per combattere il catarro, la tosse e per stimolare la digestione.

 

Principi attivi

I principi attivi sono concentrati nel tallo che contiene polisaccaridi, lichenina e isolichenina, acidi lichenici amari, acido usnico, acido cetrarico, acido folico, e vitamine del gruppo B.

 

Proprietà del lichene islandico

Visto il ricco fitocomplesso del Lichene islandico, si può osservare come l'acido usnico svolga un’azione antisettica d’aiuto nelle affezioni renali, respiratorie e gastroenteriche; mentre la cetrarina possieda proprietà ottime per combattere nausea e il vomito, in quanto amaro-tonica, digestiva, antiemetica e regolativa sull’intestino.

Tosse, asma, e mal di gola

Migliorano grazie alla spiccata azione mucolitica, decongestionante e protettiva, della lichenina e delle mucillagini, per le mucose dell'apparato respiratorio. Il Lichene islandico è quindi usato come espettorante e fluidificante delle secrezioni bronchiali, liberando le vie aeree. Ottimo in infuso tintura madre e sciroppo.

Leggi anche: I rimedi naturali per la tosse

Nausea, vomito e difficoltà digestive

Il Lichene islandico svolge un’azione anti-nausea ancien gravidanza e agisce sulle mucose del sistema gastroenterico e di quello urogenitale come disinfettante. Da assumere in infuso e decotto.

Leggi anche: Problemi digestivi e nausea: i rimedi giusti

Acne, piaghe e ferite

Il Lichene islandico è indicato anche per uso esterno per l'attività lenitiva e antisettica, viene inserito come ingrediente di prodotti cosmetici per la pelle grassa in presenza di eruzioni cutanee e come detergente per l'igiene intima e come disinfettante su piaghe e ferite.

 

Formulazioni e uso

Le principali preparazioni erboristiche a base di tali essiccato del lichene islandico sono: estratto secco, infuso, decotto, sciroppo, tintura madre; inoltre è presente in vari detergenti, dentifrici e disinfettanti. Vediamo come prepararle:

  • Infuso: versare 250 ml d'acqua bollente su 2 cucchiaini di Lichene islandico, lasciando in infusione per 10-15 minuti, poi filtrare, e bere 3-4 tazze al giorno
  • Decotto: si prepara con 1 cucchiaio raso di Lichene islandico per ogni tazza d’acqua fredda. Dopo aver portato a ebollizione per qualche minuto, coprire e lasciare in infusione per 10 minuti. Filtrare l’infuso e berlo dopo i pasti
  • Estratto secco: disponibile in compresse, da assumere quotidianamente nella dosi di 500-1000 mg
  • Tintura madre: preparata dal tallo essiccato, di cui assumere 25 gocce per tre volte al giorno

 

Controindicazioni

Sebbene il Lichene islandico sia una pianta sicura, senza particolari controindicazioni, consultare il proprio medico di fiducia prima dell’assunzione. Usare particolare cautela in gravidanza. Si sconsiglia in caso di gastrite ed ulcera per la presenza di principi amari che possono peggiorare i sintomi.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?