Erbe e fitoterapia
Olio di Argan, l'elisir per la bellezza di pelle e capelli

Il prezioso “oro liquido” del deserto, usato dalle donne berbere fin dalla notte dei tempi, per proteggere viso e capelli da sole e vento

L’Olio di Argan vanta numerose proprietà, soprattutto per la cura del corpo.
Questo olio dalle straordinarie virtù, si ottiene dalla spremitura dei frutti dell’Argania spinosa, pianta della famiglia delle Sapotacee. Originaria di una regione arida e semi-desertica nel Sud-Ovest del Marocco, la pianura del Souss, l’Argania spinosa cresce in modo spontaneo solo qui, formando delle vere e proprie foreste.
Ogni tentativo di farla crescere altrove è fallito, perché pur essendo una pianta molto resistente è strettamente legata alle condizioni ambientali di questa zona.
Chiamata anche “albero della vita” o “albero del legno ferroso”, è una pianta presente da millenni (fin dal Terziario) che può arrivare fino a 200 anni. Un albero imponente, simile al nostro ulivo, alto fino a 10 metri, con radici molto profonde (fino a 30 metri) che gli garantisco una buona presa sul terreno, evitando che la sabbia venga spostata dal forte vento, e che convogliano l’acqua lì, rendendo così la pianta in grado di resistere alle aspre condizioni ambientali.
Infatti, grazie alle sue radici l’Argania spinosa contrasta l’avanzata del deserto e mantiene il terreno fertile. Per tutti questi motivi l’Argania spinosa è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e la zona (vasta 800mila ettari) in cui cresce è stata decretata Riserva della Biosfera.

Come si ricava l’Olio di Argan

L’Olio di Argan si ricava dalla spremitura delle mandorle contenute nel frutto dell’Argania spinosa. Il frutto è carnoso (drupa) e sembra una grossa oliva, lunga circa 3 centimetri, di colore giallo con sfumature brune.
Al suo interno c’è un nocciolo molto duro, che a sua volta contiene due o tre semi, le mandorle di Argan. Da queste si ricava il prezioso olio, attraverso un procedimento artigianale. In primo luogo, i frutti vengono raccolti a mano, solo quelli caduti a terra e non mangiati dagli animali. Quindi, viene rimossa la polpa carnosa. Poi vengono estratte le mandorle contenute nel nocciolo, schiacciato manualmente colpendolo ripetutamente con due pietre. A seguire le mandorle sono macinate con una pietra rotatoria (arzeg), simile a quella che si usa nella produzione di olio di oliva. Da qui si ricava un amalgama impastato con acqua fredda (il melaxage, che è anche l’ingrediente principale del sapone nero usato negli hammam). Dopodiché, l’olio viene estratto tramite pressatura manuale. Ai giorni nostri, questa parte del processo è stata sostituita dall’utilizzo di presse meccaniche che velocizzano e ottimizzando l’estrazione di olio senza dover aggiungere acqua, migliorando così anche la qualità e la conservazione del prodotto finale. Gli scarti della lavorazione vengono dati in pasto a capre, cammelli e dromedari che ne vanno ghiotti, tanto che si arrampicano sulla pianta stessa. In una sola giornata, con 100 chili di noccioli si produce solo 1 litro di Olio di Argan. Pensare che in un anno un albero di Argania spinosa produce circa 8 chili di semi.

L’Olio di Argan nella tradizione berbera

Le donne berbere usavano questo prezioso olio già centinaia di anni fa, per mantenere la pelle del viso giovane e bella, proteggendola dal vento e dal sole del deserto, oppure per reidratare il corpo con massaggi tonificanti, ma anche per nutrire e dare lucentezza ai capelli inariditi e crespi. Sempre le donne berbere si occupavano della raccolta dei frutti e della spremitura dei noccioli di Argan per ricavarne il prezioso olio. Così come accade anche oggi, dove si riuniscono in cooperative di lavoro. A parte il suo utilizzo nella medicina tradizionale, per le sue proprietà dermatologiche protettive e riparatrici, in Marocco, l’Olio di Argan è sempre stato usato anche a scopi alimentari. Per renderlo commestibile, le mandorle vengono prima tostate. L’Olio di Argan è uno dei fitocomposti più preziosi al mondo e rappresenta un elisir di giovinezza. Chiamato anche “oro del deserto” per il suo colore giallo limpido con riflessi dorati, ma anche per il suo valore commerciale che ha sempre sostenuto l’economia delle popolazioni locali, oltre che avere una valenza socio-culturale. Nella tradizione berbera, l’Olio di Argan viene offerto agli ospiti in segno di buon auspicio. 

Composizione dell’Olio di Argan

L’Olio di Argan è costituito per circa il 99% da acidi grassi essenziali ed è ricco di antiossidanti che svolgono un’azione sinergica nel contrastare l’azione dei radicali liberi, rallentando così l’invecchiamento cellulare. Tra gli acidi grassi polinsaturi, si trovano l’acido alpha-linolenico precursore degli omega 3 e soprattutto acido linoleico precursore degli omega 6, che svolgono un’azione rigenerante a livello cutaneo. Tra gli antiossidanti, l’Olio di Argan è ricco di vitamine A ed E. tutte queste sostanze insieme conferiscono all’Olio di Argan numerose proprietà benefiche per l’epidermide: nutre, protegge, idrata, rigenera, dona elasticità e previene le rughe. L’Olio di Argan vanta proprietà elasticizzanti, grazie soprattutto ai polifenoli in esso contenuti che stimolano la formazione di collagene, proteina che aiuta a previene la comparsa delle rughe, distendendo la pelle. L’Olio di Argan si assorbe facilmente, senza ungere la pelle, ma idrata e nutre tutti gli strati cutanei anche in profondità, tonificando la pelle e donando luminosità all’incarnato.

Olio di Argan sul corpo

Ricco di principi attivi, l’Olio di Argan è un prodotto naturale molto versatile da portare sempre con sé anche in viaggio. Una carezza delicata per il viso, l’Olio di Argan rende la pelle morbida e vellutata, con un effetto anti-age. Protegge la pelle da agenti esterni come vento, raggi ultra-violetti, smog, metalli pesanti e altri inquinanti. Ripara l’epidermide secca, nutrendola in profondità con effetto idratante ed emolliente. Qualche goccia di Olio di Argan va bene anche sulle labbra screpolare per renderle morbide. Il suo potere elasticizzante, oltre che ad attenuare le rughe, è utile anche nel prevenire la formazione di smagliature. In questo caso, unendolo all’olio di mandorle dolci, si ottiene un effetto sinergico. Qualche goccia di Olio di Argan può essere aggiunto all’acqua della vasca prima di immergersi per un bagno rilassante. Oppure messo sul guanto da doccia prima di insaponarsi. Unito a sale oppure zucchero, è ottimo per creare uno scrub fai-da-te. L’Olio di Argan può essere miscelato ad altri oli da usare per massaggi decontratturanti con effetto tonificante, per gli sportivi e per chi trascorre molte ore in piedi, oppure semplicemente per un momento di relax. Su gambe, braccia, spalle e schiena, usato caldo oppure a temperatura ambiente.

In caso di irritazioni

L’Olio di Argan è un portentoso rimedio naturale anche per alleviare eventuali irritazioni della pelle, come piccole abrasioni o scottature, grazie alle sue proprietà cicatrizzanti e antimicrobiche. Va bene anche sulle punture di insetti e sulle piccole cicatrici. La sua azione sebo-normalizzante, inoltre, combatte l’acne e riduce il rossore della couperose. Questo anche grazie alla presenza di acidi grassi omega 3 e omega 6 che gli conferiscono un buon potere di rinnovamento cellulare. Gli uomini lo possono applicare sul viso dopo la rasatura. Può essere usato anche in caso di dermatiti e psoriasi, come supporto alle cure, facendo assorbire una o due gocce di Olio di Argan direttamente sulla parte interessata, con un lieve massaggio per attenuare il prurito. L’Olio di Argan va bene anche sui bambini, per lenire gli arrossamenti del pannolino. In generale, non esistono controindicazioni, tranne che evitare il contorno occhi e non ingerirlo. Va usato con parsimonia, poiché si tratta di un prodotto naturale molto concentrato, ne bastano solo una o due gocce.

Olio di Argan, ideale anche per capelli e unghie

Sulla chioma, l’Olio di Argan ha effetto anti-crespo. Rende setosi e lucenti capelli che prima erano secchi e sfibrati. Due o tre gocce di Olio di Argan dopo lo shampoo, versate sul palmo della mano e distribuite sui capelli ancora bagnati, partendo dalle punte per tutta la lunghezza, donano un effetto illuminante a tutta la capigliatura. Utile anche per la messa in piega e, al tempo stesso, proteggere i capelli dal calore del phon. L’Olio di Argan è un buon rimedio naturale nel prevenire le doppie punte, ne basta una goccia. È ottimo anche per districare i capelli ricci. Prima di lavarli, una o due volte alla settimana, poi, può essere fatto un impacco avvolgendo un asciugamano sui capelli inumiditi per circa un’ora. In caso di forfora o dermatiti del cuoio capelluto, invece, applicare qualche goccia di Olio di Argan direttamente sulla zona interessata, massaggiando delicatamente per farlo assorbire bene. In estate, può essere utilizzato per proteggere la chioma da sole e salsedine, ma anche dal cloro se si va in piscina. L’Olio di Argan nutre e rinvigorisce tutto il capello. L’Olio di Argan rinforza anche le unghie. Si può preparare un impacco fai-da-te per le mani, con qualche goccia di Olio di Argan unita a succo di limone da applicare sulle dita la sera.

LEGGI ANCHE La natura in soccorso dei capelli

L’Olio di Argan in cucina

L’Olio di Argan per il consumo alimentare viene prodotto in modo diverso da quello a uso cosmetico. In questo caso, le mandorle di Argan vengono prima tostate, dopodiché il procedimento è lo stesso, solo che viene aggiunta acqua calda invece che fredda. Si ottiene un olio più scuro e molto odoroso, dall’aroma tostato e il sapore che ricorda la nocciola. Dal punto di vista nutrizionale, l’Olio d’Argan commestibile, si avvicina molto all’olio d’oliva. Gli acidi grassi in esso contenuti, tengono a bada il colesterolo cattivo e i trigliceridi nel sangue, oltre che controllare la pressione arteriosa. Gli antiossidanti, poi, svolgono un’azione anti-tumorale. L’Olio di Argan facilita la digestione, grazie allo stimolo della sintesi dell’enzima pepsina, e protegge il fegato. L’Olio di Argan tostato, viene usato dalle popolazioni berbere nella cucina tradizionale come condimento di varie pietanze. Una ricetta tipica è l’amlou, una sorta di crema dolce da spalmare sul pane. Ecco la ricetta da fare in casa: 100 ml di Olio di Argan a uso alimentare, 100 grammi di mandorle pelate, 100 grammi di miele e un pizzico di sale. Tostare le mandorle in forno per 15 minuti, lasciarle raffreddare e, poi, sbriciolarle finemente con un frullatore. Mettere tutti gli ingredienti in un barattolo di vetro e mescolare con un cucchiaio di legno, fino ad avere un impasto omogeneo. Far riposare il composto qualche giorno prima di consumarlo. L’amlou può essere conservato in un luogo asciutto e al buio per alcuni mesi.

LEGGI ANCHE L'olio di argan ti nutre dentro e fuori

Come riconoscerlo e dove reperirlo

L’Olio di Argan a uso cosmetico, spremuto a freddo, è di colore giallo-oro limpido e chiaro. Quando lo si acquista, l’importante è che si tratti di Olio di Argan puro al 100%, senza conservanti, profumazioni o altri composti. Nell’INCI ci deve essere scritto solamente Argania spinosa oppure “Argan oil”, saremo poi noi a creare un prodotto ad hoc per ogni utilizzo. I principi attivi dell’Olio di Argan sono molto concentrati, per cui ne bastano poche gocce se usato solo, oppure può essere aggiunto ad altri oli, come quello di mandorle dolci o di lino. Lo si può trovare in erboristeria o in farmacia, online esistono rivenditori specializzati. Sull’etichetta della confezione ci deve essere il marchio certificato di origine protetta, che accerti la provenienza dal Marocco, altrimenti non è vero Olio di Argan.

APPROFONDISCI
I meravigliosi burro di Karité e olio d'Argan

Il burro di Karité e l’olio di Argan si ricavano dai semi di due...

CONSIGLIATO PER TE
Salute Naturale

Abbonamento 12 numeri

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?