Non temere il vuoto: ti sta portando a casa
Tu | fiducia in se stessi

Non temere il vuoto: ti sta portando a casa

La sensazione di vuoto è considerata fonte di angoscia, ma è in grado di liberarti dalla mania di controllo e di farti apprezzare la vita, così com'è

Sabrina scrive alla redazione di Riza Psicosomatica per avere un aiuto su come riuscire a lasciarsi andare nella vita. “Sono una ragazza come tante, mi divido tra famiglia, lavoro, piscina e amici; non ho mai un momento libero perché vivo a mille ogni attimo della giornata! Mi è capitato, però, di dover restare a casa qualche settimana a causa di un piccolo intervento chirurgico. Da quel momento è iniziata a prendermi una strana sensazione di vuoto. Ho iniziato a riflettere sull’ansia di voler tenere tutto sotto controllo che mi caratterizza da sempre e mi sono accorta che questa mania non riguarda solo gli oggetti ma anche le relazioni personali. La verità è che cerco ditenere sempre tutto sotto controllo per evitare ogni sorta di imprevisto. Ad esempio, da poco più di un anno vado in piscina e nelle sere sola a casa mi sono chiesta più di una volta come mai non riesco a superare la paura di staccare i piedi dal fondo e galleggiare liberamente nell’acqua. Ho davvero il terrore del vuoto: come posso lasciarmi andare in acqua e nella vita?

LEGGI ANCHESconfiggi l'ansia con la tecnica del vuoto

Dai il benvenuto al vuoto

La nostra amica lettrice inizia il suo racconto narrando di come la sua vita sia rigidamente scandita da impegni e orari: famiglia, amici, lavoro e piscina... Ogni momento è riempito da qualcosa; sembra una vita perfetta, ma in realtà lo è solo in superficie. Appena ha dovuto restare ferma a casa arriva una sensazione che la terrorizza: il vuoto. Questa nuova esperienza la fa riflettere sulla sua mania di controllo rispetto a ogni aspetto della vita. Vuole organizzare ogni momento e avere tutto sotto controllo perché ha paura degli imprevisti. Ma gli imprevisti sono il sale della vita: senza di essi vivremmo ogni giorno come uguale all’altro, in maniera quasi automatica, e l’anima di Sabrina glielo fa notare appena lei si ferma. Solo attraverso l’insicurezza che il vuoto le fa provare, Sabrina può cominciare ad andare più in profondità "dentro di sé" e a capire che ha un solo, grande bisogno: lasciarsi andare...

LEGGI ANCHETest: come reagisci di fronte agli imprevisti?

Se non temi il vuoto scopri chi sei

Avendo incontrato il vuoto, Sabrina si è potuta soffermare sulla sua costante preoccupazione per ciò che gli altri fanno e pensano. Questo timore, manifestato attraverso le manie di controllo, nasconde in realtà un profondo senso di inadeguatezza: Sabrina, prima che degli altri, non si fida di sé stessa! Cosa lo dimostra sopra ogni cosa? Il fatto di non essere in grado di galleggiare in acqua, di aver sempre bisogno di un appoggio. Lasciarsi andare nell’acqua calma è un gesto assolutamente naturale, proprio come fa il feto nel ventre materno. Sabrina non deve cambiare, ma solo accettare sé stessa, con tutte le proprie caratteristiche e i propri limiti. Solo in questo modo, abbandonando gli schemi rigidi in cui ingabbia la sua anima, scoprirà che può galleggiare anche da sola, in acqua e nella vita, senza paure.

TAG
LASCIARSI ANDARE
ANSIA CONTROLLO
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
La via dell'anima
La via dell'anima
Dall'alchimia alla psicoterapia le sue leggi misteriose ci guidano a ritrovare noi stessi
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?