Tu
Naturalezza, la chiave del benessere

Essere fedeli a se stessi, senza sforzarsi di apparire diversi o migliori, semplifica la vita e aumenta la probabilità di venire apprezzati anche dagli altri

Ci sono persone che vivono ogni istante preoccupate di piacere, rimediare ai propri errori o offrire al mondo un'immagine perfetta di sé. Altri che accompagnano i propri comportamenti e quelli altrui con continui giudizi e retro-pensieri relativi a quello che sarebbe corretto o più opportuno o conveniente dire e fare, senza concedersi mai il "lusso" di agire con naturalezza,  spontaneamente, facendo ciò che sentono, o limitandosi a prendere atto delle posizioni altrui. Si tratta di individui che passano la vita a giudicare tutto e tutti, a cominciare da se stessi. Invece che vivere, analizzano, decretano, subiscono.  “Dovevo fare questo o quello”; “mi sarei aspettato che lui o lei si comportasse diversamente”. In questo modo, oltre a non rilassarsi mai, si ritrovano a sprecare un’eccessiva dose di energia senza ottenere di contro alcun beneficio. I modi artificiosi, infatti, difficilmente vengono apprezzati e, anche se ben mascherati, lasciano trasparire un alone di falsità che, alla lunga, induce gli altri a tenere le distanze. Al contrario, chi vive con naturalezza ispira istintivamente fiducia e simpatia, facilita i rapporti e mette le persone immediatamente a proprio agio.

LEGGI ANCHE Fai fiorire la felicità naturale

La naturalezza incanta senza costare niente

Spesso i modi artificiosi sono dettati da paure e insicurezze che inducono a ponderare qualsiasi azione con il filtro della ragione. In questo modo, però, invece che piacere - come si vorrebbe - non si fa altro che rendere evidente la propria timidezza. All’opposto, chi agisce con naturalezza senza preoccuparsi del giudizio altrui suscita nei più stupore e attrazione. Basti pensare all’innata simpatica che provoca un bambino quando chiede con naturalezza qualcosa senza temere il giudizio di chi l’ascolta o manifesta all’esterno entusiasmo e delusione. Difficilmente è possibile preservare la semplicità infantile una volta adulti, eppure i pochi che riescono a farlo attirano gli sguardi come fossero magneti. Il fascino che questi individui sono in grado di suscitare è dato principalmente dalla loro naturalezza e spontaneità, dalla capacità di godere del momento piuttosto che analizzarlo sotto la lente della ragione; sono capaci di esprime stati d’animo e emozioni senza timore di esibire anche le proprie debolezze e, immancabilmente, chi li incontra ne resta incantato.  

Via i retro-pensieri: guadagni energia e fascino

Per vivere con naturalezza non dobbiamo fare altro che restituire dignità alla nostra natura, assecondarla come fanno i bambini. Non si tratta di imparare ma di recuperare qualcosa e di valorizzarla; l’abbiamo già fatto nell’infanzia. Chi ha figli o nipoti, per esempio, conosce benissimo la loro naturalezza. I più piccoli non pensano troppo a cosa dire o a come fare, dicono e fanno semplicemente, seguendo l’istinto senza troppe preclusioni. Liberi da timori e retro-pensieri possono incanalare le proprie energie unicamente dove desiderano, evitando gli sprechi che finirebbero per ostacolarne desideri ed espressioni. E’ così che ci conquistano, e spesso ci sfiniscono, con la loro tenacia e sconfinata energia. A ben pensarci, niente impedisce di vivere come loro, seguendo l’istinto senza troppe mediazioni. L'unica "accortezza" che ci si aspetta da un adulto è che sappia usare un po’ di mestiere nel dire e nel fare; non significa essere falsi o diventare macchinosi ma rispettosi quanto basta di chi abbiamo accanto e delle loro posizioni. Con garbo ed educazione siamo liberi di dire tutto quello che pensiamo suscitando persino apprezzamenti inaspettati. Di certo ne guadagneremo in salute, incrementando, al tempo stesso, benessere e energia.

APPROFONDISCI
L'arte di essere felici - Versione Deluxe

Tratta te stesso come un essere speciale

CONSIGLIATO PER TE
365 pensieri di benessere

Le parole dei grandi saggi per stare bene ogni giorno

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?