Tu
Ritorno al passato: una tentazione da evitare

Nei momenti di difficoltà può capitare di sentirsi piccoli e far emergere comportamenti che avevamo abbandonato: un rifiuto di crescere che si può superare

Tutti hanno dei punti deboli e anche chi normalmente è in grado di reggere tante difficoltà può trovarsi a vivere situazioni di crisi nelle quali sembra perdere il consueto equilibrio. A innescare il crollo è spesso una situazione o un evento negativo, ma a volte può farlo persino un fatto positivo, le cui caratteristiche sembrano fatte apposta per toccare quella crepa della psiche di cui non ci eravamo accorti, o che speravamo non venisse messa alla prova. Sentiamo di non farcela, ci sentiamo disarmati, impreparati ed è in quel preciso istante scatta l’impulso a mettere in atto scelte e comportamenti regressivi, cioè risalenti a una fase precedente dello sviluppo della personalità. 

Tornare bambini, un escamotage che non funziona

Quando l’evento da affrontare viene percepito come superiore alle nostre capacità o tocca una fragilità interiore, la mente rinuncia ad agire in modo consono alla situazione e in automatico va a cercare la modalità con la quale in passato ci siamo difesi da situazioni come questa. Di fronte a un’inaspettata crisi di coppia possiamo tremare e metterci a piangere come un bambino abbandonato; di fronte a una difficoltà sul lavoro reagiamo chiedendo continue conferme del nostro valore, come un adolescente insicuro; di fronte a una qualsiasi situazione percepita come senza uscita, possiamo nasconderci in un angolino, con una gran voglia di chiamare la mamma o il papà. Ma abbiamo visto come a innescare la regressione può essere anche una situazione bella e desiderata ma impegnativa, come ad esempio la vita di coppia. C’è chi non è abituato alla felicità e quando arriva inizia a fare continui dispetti al partner per rovinare inconsciamente la relazione; c’è chi non riesce a reggere l’impegno di un rapporto adulto e diventa passivo come un adolescente di fronte alle responsabilità; allo stesso modo la gioia del diventare genitori, quando ancora si è psicologicamente figli, può condurre a richieste infantili di aiuto a mamma e papà. 

Se accetti la regressione, la superi

Il segreto per evitare di scivolare indietro nel proprio passato risiede nel considerare la regressione come una parte necessaria di un processo più ampio: quello dello sviluppo e dell’integrazione della personalità. Nessuno di noi potrebbe evolvere se non combattesse contro questo “drago” che cerca di tenerci ancorati al passato e farci fallire: è la “via dell’eroe” di cui parlano tutti i miti. Ogni volta che sentiamo la spinta a regredire, a mollare tutto, non siamo solo di fronte al pericolo di non farcela, ma anche a una grande occasione di crescita e di trasformazione interiore. È proprio nei momenti di difficoltà che possiamo costruire qualcosa: se manteniamo viva questa consapevolezza, senza cedere alla tendenza a giudicare gli eventi buoni o cattivi, e senza sentirci in colpa per ciò che proviamo, saremo più aperti per cogliere le possibilità che ci si offrono. Così la regressione a un certo punto sparirà e noi ci ritroveremo con noi stessi e con un’effettiva possibilità di risolvere le cose.

APPROFONDISCI
Impara l'arte di semplificarti la vita

Elimina le gabbie mentali, così realizzi facilmente tutti i tuoi obiettivi

CONSIGLIATO PER TE
I test che ti svelano la tua vera personalità

Bastano pochi minuti per scoprire le nostre qualità nascoste

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?