Troppa diplomazia fa male alla salute
Tu | fiducia in se stessi

Troppa diplomazia fa male alla salute

Chi fa del quieto vivere una missione nasconde le proprie opinioni e rischia ansia, tensioni e cefalea: la soluzione è smettere di essere sempre imparziali

Quando c’è una crisi e due Stati finiscono in contrasto fra loro, entrano in campo i diplomatici, uomini che mediano fra le parti e cercano di riportare il conflitto all’interno di un dialogo evitando che si arrivi ad uno "scontro a fuoco".  Lo stesso avviene nella nostra quotidianità: fra le persone che frequentiamo c’è quasi sempre quella che svolge il ruolo del “diplomatico”. Non entra mai in una discussione e anzi ne smorza i toni, fa di tutto per evitare conflitti, tiene rapporti con tutti senza mai sbilanciarsi. Purtroppo, questo tipo di persona sente il bisogno di intervenire comunque nei conflitti fra gli altir, anche quando nessuno lo richiede…

I rischi della diplomazia "a oltranza"

Esiste una regola universale: ogni "ruolo sociale", quando diventa troppo rigido e sempre uguale a se stesso, effetti indesiderati, sia in chi lo interpreta sia in chi lo subisce.  Il “diplomatico” paga un prezzo molto alto se interpreta solo e soltanto questo ruolo: se ciò che dice e fa è sempre al servizio del “quieto vivere” collettivo, non può quasi mai far emergere quel che pensa davvero né agire come vorrebbe. Pensieri, parole e azioni sono sempre mediate, filtrate, ponderate, a tutto svantaggio della naturalezza e della spontaneità. Non di rado questo si traduce nella comparsa di sintomi fastidiosi: tensione muscolare, ansia, cefalea, colite, gastrite… Non solo: gli amici, che pure in molti casi usufruiscono della sua “neutralità” e della calma che sa infondere, possono sentirsi tagliati fuori da un rapporto individuale, si irritano perché non prende mai una posizione decisa - dando la sensazione di essere un qualunquista o un relativista a tutto campo - e non trovano in lui quella complicità non imparziale che spesso si richiede agli amici. Soprattutto non riescono a conoscerlo, a sapere chi sia veramente, perché egli non rinuncia mai alla sua maschera di diplomazia. Diventa insomma una vera e propria Sfinge, che non scioglie l’enigma della sua vera identità.                               

Cosa nasconde il “super diplomatico”

- Paura di essere giudicato perché lui stesso è il primo giudice.

- Difficoltà ad accettare di voler bene in modo diretto e individuale.

- Grande timore dei conflitti, percepiti come destabilizzanti.

- Opinoni reali spesso contrarie rispetto a quelle manifestate pubblicamente.

- Aggressività e rabbia mimetizzate da comportamenti “di maniera”.

- Brama di potere, di raccogliere consensi e gestire situazioni collettive da una posizione dominante.


Cosa devi fare se sei "lui"...

Apriti ai piccoli conflitti
- Controllare, mediare, trattenere. Ciò  crea una forte pressione interna: lasciala fluire partendo dalle situazioni più semplici. Quando ci sono nel tuo gruppo dei conflitti innocui, che non ti riguardano, non intervenire a coprirli e osserva. Vedrai che andrà meglio di quel che temi.

Libera il corpo
- Come la tua mente, anche il corpo è sempre ingabbiato in movimenti “controllati”. Fai un’attività fisica appropriata: uno sport di squadra è l’ideale per far emergere e affermare il tuo essere all’interno di un gruppo. Se non ti è possibile, scegline uno individuale in cui puoi sfogare molta energia.

 
…O chi lo frequenta

Incontralo da solo
- Non frequentarlo solo in situazioni di gruppo: fate qualcosa voi due. Senza i riflettori degli altri potrà più facilmente aprirsi e parlare di sé con meno timore, soprattutto se tu mostrerai sincero interesse e disponibilità all’ascolto. Lui non lo sa ma non vede l’ora di raccontarsi un po’….

Non farti omologare
- Fagli capire, anche quando sei in gruppo, che hai le tue idee e che non intendi essere considerato come “parte di una massa” ma come individuo. All’inizio lui si opporrà ma se utilizzi un po’ di sana e divertente ironia, senza pungolarlo, potrà relazionarsi con te in modo più “differenziato”.

TAG
ANSIA
CEFALEA
TENSIONE MUSCOLARE
APPROFONDISCI
I magici ginkgo biloba e guaranà
I magici ginkgo biloba e guaranà

Sono il segreto della longevità

CONSIGLIATO PER TE
Breve corso per vincere l'ansia
Breve corso per vincere l'ansia

Siamo convinti che l’ansia dipenda sempre da qualcosa o da qualcuno e c...

Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?