L'aiuto pratico
Difenditi così da chi è troppo sicuro di sè

Chi è colpito dal complesso di superiorità cerca di rimediare alla sua insicurezza imponendosi e facendo sentire incapaci gli altri: non cadere nella sua trappola!

Sono tanti e si aggirano ovunque: in società, nelle amicizie, sul lavoro, in famiglia e nella coppia. A volte sono così tronfi che li si riconosce da subito, a volte si mimetizzano dietro una maschera di iniziale umiltà. Quel che è certo è che fanno parecchi danni alle vite degli altri. Sono quelli che si sentono superiori, qualunque cosa facciano e con chiunque abbiano a che fare, e che si pongono verso l’interlocutore guardandolo dall’alto verso il basso:  «Io ne so comunque di più» è il messaggio che fanno passare. “Io ho le conoscenze giuste, io ho le soluzioni migliori, il mio punto di vista è più valido del tuo”. Non siamo davanti al classico narcisista, che cerca di piacere ad ogni costo per ottenere accettazione, approvazione o conferma. Chi si sente superiore la conferma se l’è già data da solo tanto tempo fa (o gliel’ha ben inculcata un genitore frustrato in cerca di riscatto): perciò non vuole riconoscimenti, ma li toglie agli altri, che, quando hanno a che fare con lui, ne escono sempre frustrati e sminuiti.

Un effetto ipnotico...

Parlarne è importante perché viviamo in una società che riconosce e premia come vincenti coloro che “fanno i vincenti”. Del resto rimanere incantati da un’ostentata sicumera non è così difficile. Basta che uno sia un po’ insicuro, ed ecco che il “Superior” arriva come una guida salvifica che gli indica la strada. Non hai la risposta pronta? Ecco che chi si sente superiore agguanta la conversazione con le sue frasi a effetto e la conduce dove vuole lui; o ancora, basta che uno abbia il timore dell’autorità, ed ecco che il Superior lo pietrifica con il suo tono perentorio che non ammette repliche. È come se l’insicuro, avendo a che fare con questo vincente autoproclamato, acquisisse per vicinanza un po’ di quella sicurezza, tanto da provarne una soggezione venata di gratitudine.

La falsa superiorità nasconde un vero complesso d’inferiorità

Per mettersi al sicuro da questi soggetti è necessario avere ben chiaro un concetto: ammesso che abbia senso parlare di superiore e inferiore, chi è in possesso di una vera superiorità (intesa come capacità specifica, come esperienza o come visione del mondo) non ha alcun bisogno di esibirla e, ancor di più, di farla pesare per acquisire potere in un rapporto. Perciò, se vediamo qualcuno che deve sempre farci vedere che la sa più lunga, che cerca di “metterci sotto” e di farci sentire inadeguati, dobbiamo pensare che sia lui ad avere un problema, ossia un grande complesso d’inferiorità. Così grande che la persona non può considerarlo neanche per un istante.Il suo inconscio tanto tempo fa, in automatico, ha risolto la questione rimuovendolo dalla coscienza e compensandolo con il suo opposto, cioè con la super-sicurezza in sé.

Il bisogno di sentirsi qualcuno

Che sia un complesso - cioè una fissazione della psiche - d’inferiorità, lo si può notare dal fatto che il Superior non si trattiene dall’esibirsi anche quando ha davanti a sé una persona che, su un certo tema, ne sa davvero di più. Non è raro vederlo argomentare con dei medici senza essere medico, o con ingegneri senza essere ingegnere, e così via. Crede di dialogare alla pari, ma la scena è grottesca e rivela il suo immane bisogno di “sentirsi qualcosa o qualcuno”. Si può dire che, quanto più egli mostra di “essere”, tanto meno, nel profondo, sente di essere. Una volta che lo si vede per quel che è, viene quasi da aiutarlo, ma è impossibile, poiché lui non si accorge del problema: ci crede davvero! Piuttosto dobbiamo aiutare noi stessi a non farci avvolgere dall’assurdo carisma che la sua pseudo-sicurezza può esercitare su di noi, a volte anche al di là del suo stesso volere.

Il vero scambio è alla pari

Dopo la consapevolezza, quindi, il secondo passo consiste nel lavorare sulla nostra risposta emotiva. Ciò i su cui il Superior fa leva sono il modo e i toni con cui si esprime. La voce abbastanza alta e ben impostata, il tono senza cedimenti anche di fronte a ogni evidenza contraria, la postura e i movimenti della persona esperta, ben piantata su se stessa e sulle proprie convinzioni. Ebbene, tutto questo ci colpisce e fa sì che la nostra emotività superi la razionalità. Il punto allora è impegnarsi, in quei momenti, a restare lucidi, a discernere e a non lasciarsi impressionare. Facciamo il possibile per restare legati non tanto alle nostre idee - che possono anche cambiare – ma alla nostra capacità e autonomia di ragionamento. Non affidiamo “la verità” a chi la mette meglio in mostra, o a chi sostiene di averla. Argomentiamo, di volta in volta, a partire dalle nostre idee, mettendole in gioco solo con chi ha voglia a sua volta di farlo. Perché nel vero scambio non c’è un superiore e un  inferiore, ma un arricchimento reciproco.

Non lasciarti manipolare, tu vali!

Non solo chi è insicuro può essere influenzato da quelli che fanno i superiori, ma anche chi ha le idee chiare. È come se la loro assertività desse a tutto ciò che dicono un’aura di autorevolezza. Il segreto per non farsi invadere non consiste tanto nel sapere ciò che si vuole o nell’avere la risposta pronta, ma nel dare più autorevolezza a se stessi.Può capitare che una persona conosca bene ciò che le piace o di cui ha bisogno, ma che non legittimi a sufficienza questo suo sapere a cui manca il “timbro”: sì, questa cosa vale ed è così; oppure ragiona in modo anche raffinato, ma viene sopraffatta dalla falsa ma potente autorevolezza di chi si attribuisce un sapere superiore. Siamo chiamati a rafforzare il sentirci “autori” dei nostri pensieri, perché evidentemente su questo punto siamo deboli. Non cerchiamo perciò il timbro dell’autorevolezza negli altri, ancor più se sbruffoni. È pericoloso: ci espone a manipolazioni e non ci rende protagonisti delle nostre scelte.

Come difendersi da chi fa il superiore

Osserva le tue reazioni: che cosa ti succede quando hai davanti uno che fa il superiore? Riesci a non farti influenzare, vai in soggezione e senti di aver bisogno di lui o ti senti una nullità che non ha capito niente della vita e delle cose? Osservati: se ne esci sminuito o dipendente vuol dire che devi migliorare la tua fiducia in te stesso, altrimenti verrai sempre influenzato.

Non offrirti in pasto: non esporre o rivelare, a chi ostenta superiorità, le cose cui tieni: idee, progetti, dubbi, momenti di crisi. Non otterrai mai un consiglio su misura per te, ma qualcosa che, risulterà sempre peggiorativo della situazione che hai esposto perché la tua disfatta è la sua vittoria.

Cerca persone aperte: una volta riconosciuti questi soggetti, evitali o guardali con distacco, e seleziona persone che senti dotate di una vera capacità di dialogo; persone che accettano lo scambio paritario anche se, magari, ne sanno più di noi. È con queste che ha senso mettere in gioco qualcosa di sé, perché ogni volta ne uscirai arricchito.

APPROFONDISCI
I test che ti svelano la tua vera personalità

Bastano pochi minuti per scoprire le nostre qualità nascoste

CONSIGLIATO PER TE
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017

Quali sono i falsi problemi che possono mettere a rischio la nascita di un am...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?