Così mandi via il senso di inferiorità
L'aiuto pratico

Così mandi via il senso di inferiorità

Il problema sono i modelli di perfezione : se smetti di volerti migliorare e accogli tutti i tuoi stati interiori, il senso di inferiorità si dissolve da solo

Michela ci scrive: “Quando sono con gli altri spesso mi sento piccola e inferiore. Allora magari esagero, parlo troppo per apparire diversa da come sono, ma poi mi sento anche peggio. È un mio difetto da sempre, il mio lato debole. Dentro di me vorrei essere come gli altri, mi sforzo di avere più sicurezza, di essere superiore a queste cose, di essere tranquilla e di stare bene con me stessa. Ma quel sentimento ritorna sempre”.

Partiamo proprio dalle tue parole: con quale “te stessa” vorresti stare bene? Spesso senza rendercene conto quando diciamo “vorrei star bene con me stesso” abbiamo in mente un’immagine che non ci corrisponde per niente, ma rispecchia un ideale, un modello di perfezione. Il fatto è che più cerchi di essere quel Michela brillante, sicura di sé, controllata, più si affaccia un altra Michela, insicura e fragile, che rompe le uova nel paniere…. La prima cosa da fare quindi, anche se può sembrare strano, è smettere di voler migliorare, di voler essere sicura e di cercare di allontanare la fragilità. Più ci provi, più alimenti l’insicurezza.

LEGGI ANCHESolo lo sguardo giusto regala l'autostima

Accogli quel che senti senza cambiarlo

Limitati a constatare la presenza di quella fragilità quando arriva. Ti renderai facilmente conto che ha una strana forza: è ostinata, non si fa controllare, non si fa mettere a tacere. Qualcosa in te, che tu non conosci, possiede una forza che il tuo io e i tuoi progetti non riescono nemmeno a scalfire. Cosa vuole questa fragilità? Osserva bene: quando arriva la sensazione di inferiorità ti senti costretta, ti piaccia o no, a ridiscutere tutta la tua vita e il tuo mondo. Prova allora, invece di combatterla, a pensare che una “dea interiore” vuole scendere in campo e farti sentire debole perché si è stancata della direzione che ha preso la tua vita, del tuo modo di condurre le cose. Vuole farti soffrire? Certo che no: è il tuo modello di perfezione a farti soffrire. La tua “dea interiore” vuole smontare proprio quel modello, riportando alla luce una fragilità preziosa. Se la accogli come una dote, puoi scoprire che di colpo non c’è più quella Michela che lotta contro il senso di inferiorità, c’è una Michela che porta per mano il suo senso di inferiorità. Accoglila come un compagno di viaggio perché sta svolgendo una funzione che soltanto il tuo io non vede: perché l’io vive nel tempo e non comprende i messaggi dell’anima. In realtà il senso di inferiorità ti sta curando. All’anima interessa che tu realizzi non l’idea che tu ti sei fatta di te, ma ciò che davvero ti caratterizza. La tua idea di te è il più grande ostacolo alla tua realizzazione e la fragilità arriva per distruggerla.

La parole dell'autostima? Eccole

Ritrova la tua unità più profonda

Prova a dirti: “Voglio riunificarmi con il lato oscuro di me, che mi manda questa sensazione, questo pensiero… Mi riunisco a quello che io chiamo il lato debole, lo riconosco come mio”. La scoperta di quello che tu chiami un difetto, il suo riconoscimento, il lasciarlo depositare dentro di te quando arriva, il constatarne la presenza, è un procedimento di riunificazione e finché non la fai l’anima continuerà a mandartelo! Tu vuoi essere più forte, vuoi mandare via il senso di inferiorità e così lo stai riseminando e fortificando perché non fai l’unica cosa che serve: prenderne atto, accoglierlo, accorgerti che sei anche così. A quel punto potrà anche andarsene, ma non perché l’hai mandato via: perché l’hai riconosciuto come parte di te. È il lato che tu ritieni debole l’elemento determinante e s’insinua non perché “sei un debole”, ma per farti accogliere quella debolezza che corregge il percorso troppo unilaterale che hai imposto alla tua vita.

TAG
AUTOSTIMA
SICUREZZA DI SÈ
APPROFONDISCI
Il giornale dell'Autostima - Luglio/Agosto 2017
Il giornale dell'Autostima - Luglio/Agosto 2017

Star bene con te stesso è l'unica cosa che conta

CONSIGLIATO PER TE
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017

Quali sono i falsi problemi che possono mettere a rischio la nascita di un am...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?