Depressione
Depressione: ne esci recuperando i tuoi tempi

Uscire dalla depressione significa cambiare il nostro rapporto con il tempo, saper aspettare, abbandonarsi alle forze interiori e aver fiducia nella vita

Cinzia è una trentacinquenne che lavora al banco informazioni di un ufficio pubblico. Detesta il proprio lavoro e lo svolge controvoglia. È scostante con il pubblico, insoddisfatta di se stessa e si sente in uno stato di profonda depressione. Sognava di lavorare tra i libri e adesso si sente sprecata. Si giudica una fallita, pensa che la sua sia una vita buttata: la depressione la sta spegnendo... La sua insofferenza è cronica, ma un giorno per caso trova su un libro una frase che la colpisce come un pugno: la pazienza non è guardare il muro, è rivolgere altrove l’attenzione aspettando che il proprio seme fiorisca. Rivolgere altrove l’attenzione aiuta a trovare la propria strada? Strano, pensa Cinzia. Lei trascorre il tempo libero a rimpinzarsi di dolciumi davanti ai social e a lamentarsi, come spesso fanno le persone che soffrono di depressione. Smettere di pensare ossessivamente alla propria vita? Magari... Già, perché non provare? Così inizia a fare volontariato con un’associazione di amici, riprende in mano gli amati romanzi, gira molto in bicicletta per la città, attività che ha sempre adorato ma aveva dimenticato, va a visitare mostre e poi pubblica piccole recensioni sul suo blog nuovo di zecca. La depressione comincia a diradarsi, ma non è ancora finita... 

Dal seme al frutto, la depressione se ne va

Al lavoro le capita di conoscere un professore universitario che è costretto a ritornare più volte nell’ufficio per una pratica complicata. Una parola tira l’altra, lei è stranamente premurosa, lui scopre la passione di lei per i libri e ha un’intuizione: vorrebbe aiutarlo a sistemare la biblioteca del suo dipartimento? È un lavoro gratis, ma Cinzia non ci pensa un secondo e accetta. Non solo, lo fa così bene che viene assunta come bibliotecaria. Appena ha smesso di lamentarsi e di crogiolarsi nella depressione, dedicando il proprio tempo a guardare un altro lato di sé invece che rimuginare sulla sua situazione, le cose si sono messe in moto da sole. Le convinzioni su di sé sono energie bloccate: appena ce ne liberiamo il nostro potenziale esplode e la depressione diviene un ricordo. Smettiamola di girare con invisibili cartelli appesi al collo: “sono un incapace”, “sono una cattiva madre”, “sono un fallito”, “sono un insicuro”. È molto differente dire: "Non sono capace di fare niente» dal dire: "Non sono capace di fare questa cosa, adesso». Forse, come è successo a Cinzia, non è il momento giusto per riuscirci, forse è addirittura la tua salvezza non esserne capace. Ogni maturazione necessita dei propri tempi. Occorrono nove mesi per fare un bambino. Non pretendere di passare dal seme al frutto. La vita è godersi i passaggi, stare nelle cose di volta in volta. Solo così, la depressione ci abbandona...

APPROFONDISCI
Impara l'arte di semplificarti la vita

Elimina le gabbie mentali, così realizzi facilmente tutti i tuoi obiettivi

CONSIGLIATO PER TE
I test che ti svelano la tua vera personalità

Bastano pochi minuti per scoprire le nostre qualità nascoste

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?