Coppia e amore
Non farti condizionare e tornerai a star bene

Spesso ci comportiamo come gli altri vorrebbero, senza ascoltare noi stessi, ma così facendo apriamo le porte all’infelicità: ferma il giudizio e ritrovi l'armonia

Ci scrive Alice, una giovane lettrice di Riza Psicosomatica: “L’estate scorsa ho provato a lasciare quello che allora era il mio fidanzato a causa delle sue mancanze e dei suoi dubbi su quel che provava davvero per me. Non solo: si sentiva con un'altra ragazza e diceva di farlo perché io lo pressavo troppo. Io ne soffrivo tanto ma per tutti ero sempre io a prenderla male e a sbagliare, ma purtroppo non sono riuscita a decidere come sentirmi. Nonostante le difficoltà, siamo rimasti insieme, ma poco tempo dopo ho conosciuto un altro uomo, e qui è iniziata la mia discesa verso il degrado. Non ci ho capito più nulla: ero ferita dal mio ragazzo e contemporaneamente affascinata da quest’uomo, così ho scelto quest’ultimo, mentre il mio ex mi cercava ancora e soffrivo a sentirlo addolorato e spaventato all’idea di perdermi. Dopo una breve storia, sono tornata indietro e ho richiamato il mio ex: siamo tornati insieme ma poi ci siamo lasciati definitivamente e lui sta da poco con un’altra. Credevo che non mi sarebbe importato poi molto, invece sto male e non so come andare avanti. È passato un anno e ancora non riesco a trovare la serenità e a capire tutti i miei errori…”

Leggi anche: come "risintonizzarsi" con se stessi

Non legare la felicità a cause esterne

A tutti sarà capitato, almeno una volta nella vita, di agire non seguendo la propria natura, ma gli "obblighi" del mondo che ci circonda. Ci chiediamo spesso cos’è giusto fare ma poche volte ci domandiamo cos’è davvero adeguato per noi, per il nostro modo di essere. Alice ammette di aver provato a lasciare il suo fidanzato, rivelando un’angoscia interiore: forse si è sentita in dovere di farlo dopo che lui le ha detto di avere dei dubbi sui suoi sentimenti, perché “è giusto così” ed è ciò che la società impone, mentre non era ancora convinta di voler mettere un punto su questa relazione. Non appena il suo fidanzato ha iniziato a sentirsi con un’altra ragazza, senza pensarci due volte, Alice è tornata sui suoi passi, ma poi cosa accade? È lei a incontrare un altro: il copione si ribalta e ora è il suo ex a cercarla. Da lì inizia un doloroso tira e molla, finito come doveva andare fin da subito, ma per motivi diversi da quelli che pensa Alice: si lasciano, lui si è fidanza con un’altra ancora e Alice, a distanza di un anno, ancora non riesce ad accettare che sia finita. Ma la sua serenità era davvero legata a quel ragazzo? Non è così...

Ascolta te stessa senza giudizi 

Se siamo convinti che la nostra felicità dipenda da qualcuno, quando questo qualcuno, per qualsiasi motivo, si allontana dalla nostra vita, ci sembra che il mondo ci caschi addosso. Ma questa è solo una convinzione della mente. Gli incontri servono per farci evolvere, e se una relazione va in crisi, ogni tentativo razionale che facciamo per riaggiustare le cose le peggiora, in un circolo vizioso sempre uguale. Prima si allontana lui, poi lo fa lei, poi di nuovo lui, fino all'ineluttabile finale, che rivela solo una cosa: la relazione fra Alice e il suo fidanzato era al capolinea, la magia si era spenta e il loro menage si era trasformato in uno sfibrante braccio di ferro, nel quale si perde anche quando si vince. Ora Alice non soffre perché lui sta con un'altra, ma perché non si è arresa, sta ancora giocando a quel braccio di ferro, ma dall'altra parte del tavolo non c'è più nessuno. Ora c'è solo lei che lotta con se stessa...

La solitudine è la tua miglior alleata 

Cosa deve fare ora Alice? Concentrare l'attenzione su quello che prova e solo su questo, mettendo sullo sfondo gli uomini, le relazioni, le speranze, le strategie, gli errori.  Ora che tutte le relazioni sono arrivate al capolinea, lei è sola: da qui deve ripartire, in modo nuovo. Riflettendo su un fatto: forse non è mai stata davvero legata agli uomini del suo passato, ma solamente all’idea di avere un fidanzato perché “è giusto così” e adesso che si è ritrovata da sola, non riesce a darsi pace. “Non sono riuscita a decidere come sentirmi” è la frase centrale intorno a cui ruota tutto il suo problema: Alice in quel momento si è sentita impotente, perché non è stata capace di gestire le proprie emozioni. In realtà non poteva accaderle cosa migliore, perché le emozioni si vivono, non si decidono! Solo prendendo atto dei propri stati d’animo senza giudicarli e giudicarsi, Alice potrà ritrovare la strada verso la serenità.

APPROFONDISCI
Mai più vittima
Come scegliere l'uomo giusto ed evitare quelli sbagliati
CONSIGLIATO PER TE
Il giornale dell'Autostima - Settembre/Ottobre 2017

Quali sono i falsi problemi che possono mettere a rischio la nascita di un am...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?