Le parole giuste salvano la famiglia
Comunicazione

Le parole giuste salvano la famiglia

Recuperare l’armonia del nucleo familiare è possibile grazie ad una buona comunicazione: basta seguire alcune semplici regole e non cadere in certi errori

Esistono precise regole da seguire se il “menage” familiare sta incontrando alcune difficoltà o se vogliamo recuperare l’energia dei primi tempi, e queste regole riguardano anzitutto il linguaggio e la comunicazione. La famiglia è il luogo dell’ascolto per eccellenza e quindi “luogo del presente”: basarsi solo sul passato per formulare dei giudizi può impedirci di vedere le novità, di cogliere i cambiamenti in atto e di aiutare quelli in arrivo.

-Niente polemiche a tavola
Il maggior numero dei conflitti domestici si scatena a tavola quando la famiglia è riunita. Una buona regola è quella di evitare le discussioni in questa occasione quand'è il momento di concentrarsi sui colori, sugli odori e sui sapori del cibo e non quello per affrontare e risolvere problemi e neppure quello per il telegiornale o i cartoni animati. Abituiamoci a mangiare in silenzio, magari con una musica di sottofondo, concentrandoci sul cibo. Oppure, se ci va, chiacchieriamo del più e del meno, senza aspettative…

-Non prendiamoci “di sorpresa”
Se vogliamo che i nostri familiari ci ascoltino veramente, chiediamo loro quando e dove parlare di ciò che ci preme discutere con loro. Magari non saranno immediatamente disponibili, qualche volta ci sembrerà che vogliano evitare la discussione. Ma se li prendiamo di sorpresa a tavola, in camera da letto o davanti al televisore, non saranno certo più disposti all'ascolto.

-Evitiamo i pregiudizi
Le famiglie in cui sono presenti disturbi psicosomatici spesso utilizzano modalità comunicative rigide e ripetitive: si filtra l'espressione delle proprie emozioni e ci si invischia nelle emozioni dell'altro, leggendogli nel pensiero. Dirsi: “So già quello che dirà” è la negazione dell'ascolto e spesso ci porta a reagire a qualcosa che non c'è. Accettare il silenzio dell’altro, attendere che voglia esprimersi e ascoltarlo con piena partecipazione sono regole auree per una buona comunicazione familiare.

-No alla coerenza a tutti i costi
Vogliamo essere coerenti e ci arrabbiamo quando il nostro coniuge, i nostri figli o i nostri genitori non lo sono. Ma questo accanirci sulla coerenza ci porta fuori strada. "Solo gli stupidi non cambiano mai idea": la ricerca della coerenza a tutti i costi nasconde pregiudizi su noi stessi e sui nostri familiari. Così deformiamo la nostra comunicazione e leghiamo arbitrariamente ciò che sentiamo ora a comportamenti passati, attribuendo all'altro il potere di farci sentire in un modo o nell'altro.

-Sospendiamo il giudizio
Di tanto in tanto ricordiamoci che la nostra famiglia, per la stessa natura dei suoi legami, è il luogo in cui siamo più ricchi di pregiudizi che guidano la comunicazione. Credendo di sapere già in anticipo come sono i nostri familiari e cosa ci diranno, ogni nostra parola contiene e nasconde giudizi già formulati e queste idee preconcette deformano e deviano la comunicazione. Sospendere i giudizi formulati in passato sull'altro è un passo necessario per una comunicazione più diretta: soprattutto nella coppia cerchiamo allora di comunicare in modo costruttivo, senza credere di sapere già cosa il nostro partner ama, odia o crede.

TAG
FAMIGLIA
CONFLITTI
PREGIUDIZI
LINGUAGGIO
APPROFONDISCI
Corso pratico di autostima
Corso pratico di autostima
Fai di te il tuo capolavoro!
CONSIGLIATO PER TE
La guida pratica per comunicare bene
La guida pratica per comunicare bene

Come usare il linguaggio verbale e quello del corpo per farsi capire e per migliorare i rapporti con gli altri

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?