Vuoi comunicare meglio? Ecco gli errori da non fare più
Comunicazione

Vuoi comunicare meglio? Ecco gli errori da non fare più

Parlare bene, saper comunicare in modo chiaro è sempre più importante: per farlo la prima regola è evitare di cadere negli errori che rendono il nostro comunicare inefficace

Per comunicare nel modo migliore occorre essere se stessi

Ci sono occasioni in cui comunicare bene, usare le parole giuste con gli altri o con se stessi può modificare radicalmente il modo in cui siamo percepiti o in cui stiamo con noi stessi. È quindi importante anzitutto imparare a osservare bene il nostro modo di comunicare, per notarne gli errori e prendere contatto con "le parole giuste" che stanno da sempre dentro di noi, quelle che esprimono il nostro vero essere e che ci faranno comunicare ciò che vogliamo in modo preciso e diretto.

Gli errori da eliminare per comunicare al meglio

  • Ripetere i concetti: si diventa logorroici
    Più un concetto viene ripetuto all'interno di uno stesso discorso, più perde di efficacia e genera noia nell'ascoltatore.
     
  • Usare "i cavalli di battaglia": appare nostalgico e pedante
    Puntare sempre sugli stessi argomenti o su racconti del solito evento ci fa apparire scontati e induce gli altri a evitarci.
     
  • Parlare per esempi è didattico e stantio
    Portare un esempio personale per ogni cosa che l'altro dice lo fa sentire un bambino e lo ostacola nell'esposizione.
     
  • Interrompere è antipatico e prevaricante
    Invadere il discorso altrui con interventi continui, precisazioni, obiezioni è segno di maleducazione e aggressività.
     
  • Aprire parentesi produce dispersione
    La continua apertura di frasi incidentali ricche di dettagli porta il discorso lontano dalla meta.
     
  • Usare troppi intercalare è contorto
    Battutine, brevi considerazioni personali, turpiloquio rendono la comunicazione simile a un'elucubrazione personale.
     
  • Fare sempre la "battuta finale" rischia di essere patetico
    Chiudere sempre la conversazione con una battuta che non fa ridere crea un effetto imbarazzante e sgradevole.
     
  • Guardare altrove è segno di disinteresse
    È una delle cose che inquinano di più ciò che si vuol dire, oltre a segnalare una mancanza di rispetto per l'interlocutore.
TAG
COMUNICAZIONE
PAROLE
ANSIA
STRESS
APPROFONDISCI
L'arte di rilassarsi in pochi minuti
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

CONSIGLIATO PER TE
Breve corso per vincere l'ansia
Breve corso per vincere l'ansia

Siamo convinti che l’ansia dipenda sempre da qualcosa o da qualcuno e c...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?