Per parlare bene con gli altri inizia da te stesso
Comunicazione

Per parlare bene con gli altri inizia da te stesso

La comunicazione con se stessi può essere alterata da frasi fatte che danno un'idea falsa di noi. Evitiamolo abbandonando le autodefinizioni.

Una delle cose più sbagliate che possiamo dirci è: "Io sono fatto così". Eppure quando parliamo di noi, quasi sempre ci autodefiniamo. Diciamo: «Io sono questo; Io non sono quello». Lo riteniamo un comportamento innocente e scontato. Ma non lo è, specialmente nella riflessione e nella comunicazione con se stessi. Ci sfugge, ad esempio, che ripetersi sovente una frase come: «Io non sono un tipo coraggioso» può dare vita alla paura stessa. Essa infatti ci costringe a tutta una serie di considerazioni consequenziali come: «L'avventura non fa per me», oppure: «Ho bisogno di essere protetto»; «Non sono all'altezza»; «Meglio evitare» e così via. Lo stesso ovviamente può capitare se ci definiamo sempre dei capitani coraggiosi; bisognerà essere sempre nella parte, anche quando non vorremmo.

 
Gli effetti a cascata sulla comunicazione

È facile notare come queste frasi possano diventare i pilastri su cui si basa uno stile di vita timoroso ed evitante, che ci condurrà alla disistima e all'insicurezza e che influenzerà anche la nostra comunicazione con gli altri. Chi ad esempio si definisce "timoroso" o comunque "poco coraggioso" parlerà con mezze frasi, utilizzerà le parole più per nascondersi che per esprimersi, inizierà ogni discorso con frasi del tipo: «Posso?», «Disturbo?», «Non vorrei sbagliarmi». Attiverà così negli altri risposte aggressive o innervosite che lo faranno sentire ancora più in soggezione.


La comunicazione con noi stessi: danni e rimedi

Con una definizione possiamo generare un modo di essere e mantenerlo, rinforzandolo ogni volta che apriamo bocca, rendendo in tal modo la comunicazione un percorso minato e infilandoci in un tunnel di comportamenti obbligati e di lamenti. Evitare di auto-definirsi quindi è un modo per mantenere pulita la mente, aperta a tutte le possibilità, anche quelle contraddittorie, che vivono in noi. Ognuno di noi infatti contiene, magari nascoste in un angolo della personalità, caratteristiche opposte a quelle che riteniamo "le nostre" e a tutti è capitato almeno una volta di assumere comportamenti che "non sono da noi". Proprio lì si affacciano gli opposti che convivono in noi. Nel timido c'è una grande determinazione che aspetta solo di venire alla luce, e nell'iracondo c'è una zona di dolcezza incontaminata che vorrebbe trovare spazio. Definirsi non fa che rinnovare ancora di più la nostra unilateralità, nascondendo per sempre proprio quegli aspetti che potrebbero completarci e renderci interiormente più ricchi e più sereni.

TAG
PARLARE
COMUNICAZIONE
CARATTERE
PERSONALITÀ
APPROFONDISCI
Come riconoscere chi ti manipola
Come riconoscere chi ti manipola

Come scoprirli e neutralizzarli

CONSIGLIATO PER TE
La guida pratica per comunicare bene
La guida pratica per comunicare bene

Come usare il linguaggio verbale e quello del corpo per farsi capire e per migliorare i rapporti con gli altri

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?