Orticaria dei bambini: cause e cure
Salute

Orticaria dei bambini: cause e cure

Spesso l'orticaria è provocata da cibi allergizzanti, ricchi di istamina o da sostanze che causano intolleranza. Prestare attenzione all'alimentazione aiuta a prevenire il fastidioso prurito

Come si manifesta l'orticaria nei bambini?

L'orticaria su base alimentare, a differenza dalle forme provocate da punture di insetto o allergia da contatto, si diffonde su tutto il corpo colpendo in particolar modo braccia, torace, dorso e gambe. La reazione scompare spontaneamente entro 2-4 giorni; ciò nonostante non va sottovalutata poiché è sinonimo di intolleranze o allergie che è bene indagare.

L'orticaria è una manifestazione piuttosto diffusa e frequente tra i bambini; le chiazze gonfie, di colore rosa-rosso che provocano prurito sono tipiche e compaiono soprattutto durante la primavera e l'estate. In queste stagioni, infatti, si presentano diversi fattori che concorrono a provocarla: l'alimentazione tipica di questo periodo, la maggior esposizione alla luce solare, il caldo. 

Quando l'orticaria è sintomo di allergia?

  • Quando si manifesta dopo pochi minuti o poche ore dall'assunzione di un alimento allergizzante.
  • Quando la gravità dell'orticaria non dipende dalla quantità dell'alimento ingerito e anche piccole dosi scatenano reazioni serie.
  • Quando compare in soggetti che hanno altre allergie o familiarità per le allergie.

I sintomi di questo tipo di orticaria sono dovuti a un rilascio di istamina da parte delle cellule immunitarie che reagiscono contro antigeni alimentari. 

Quando l'orticaria è sintomo di intolleranza?

  • Quando si manifesta anche a distanza di ore o giorni dall'assunzione di un particolare cibo.
  • Quando la gravità dell'orticaria dipende dalla quantità ingerita.
  • Quando compare in soggetti che non hanno familiarità allergica.

In questo caso non si tratta di orticaria su base immunitaria, ma di orticaria dovuta a meccanismi di diverso tipo (ad esempio: carenza di enzimi particolari come nel caso dell'intolleranza al lattosio).

Orticaria: attenzione a questi cibi!

Alcuni alimenti sono carichi di istamina; un'alimentazione troppo ricca di questi cibi può causare un accumulo responsabile di eventuali reazioni allergiche che possono sfociare nell'orticaria. Risulta quindi opportuno non eccedere nel consumo di:

  • Fragole
  • Pomodoro
  • Spinaci
  • Formaggio stagionato e fermentato
  • Cacao e cioccolato
  • Pesce conservato (tonno, sardine...) o congelato
  • Frutti esotici
  • Frutta secca
  • Salumi
  • Funghi

Esistono, inoltre, alimenti allergizzanti tra i quali troviamo:

  • Latte vaccino
  • Uovo
  • Soia
  • Pesce e crostacei
  • Arancia
  • Pesca
  • Kiwi
  • Coloranti e conservanti

Tra le sostanze che possono causare intolleranza bisogna prestare attenzione a:

  • Latte e latticini (intolleranza al lattosio)
  • Lieviti
  • Frumento (intolleranza al glutine)
  • Oli vegetali (oliva, arachidi...)

Anche diversi farmaci possono causare reazioni di questo tipo ed orticaria: in particolar modo penicillina, aspirina, vaccini, sulfamidici.

Le cure mediche per combattere l'orticaria

Lo svezzamento rappresenta un momento molto importante di prevenzione dell'orticaria. Durante lo svezzamento i vari alimenti vanno introdotti in modo graduale e con criterio, seguendo le indicazioni dei pediatri ed evitando di associare nello stesso pasto più cibi contenenti istamina, per esempio salumi e frutti esotici, cioccolato con nocciole,...

Per quanto riguarda la terapia farmacologia volta a combattere l'orticaria, si utilizzano:

  • antistaminici (in gocce o compresse): per bloccare gli effetti dell'istamina, soprattutto il prurito. Gli antistaminici in pomata vanno evitati perché sono a loro volta allergizzanti;
  • cortisonici: in pomata nelle forme lievi e localizzate, compresse in quelle di orticaria estesa.

I rimedi naturali contro l'orticaria

Come prevenzione:

  • Arsenicum album: nell'orticaria che compare in un bambino pallido, magro, ansioso e facilmente stancabile, spesso affetto da malattie allergiche. Lycopodium clavatum: nell'orticaria che compare in un bambino soggetto a disturbi digestivi, coliche gassose, diarrea, stipsi. Nei bambini con un carattere lamentoso, brontolone.
  • Psorinum: per bambini magri, soggetti a malattie respiratorie allergiche (asma, rinite, congiuntivite) che migliorano in estate.
  • Pulsatilla: nei bambini con orticaria che compare dopo l'ingestione di alimenti grassi e/o dolci in grande quantità o dopo iperattività fisica.
  • Sulfur: per orticaria con prurito bruciante e che peggiora con il calore in generale.
  • La posologia varia secondo i casi: in genere si usano 4 granuli da 7 CH a 200 CH, da una volta alla settimana a una volta al mese.

Per la fase acuta:

  • Apis mellifica: 15 CH 4 g ogni 30 minuti, aumentando l'intervallo con il miglioramento dei sintomi. Indicato quando il prurito peggiora con le applicazioni fredde.
  • Urtica urens: 9-15 CH 4 g 2-3 volte al giorno. Indicato quando il prurito migliora con le applicazioni fredde.
  • Histaminum: 7-15 CH 4 g una volta al giorno, da associare in tutti i casi ai due rimedi precedenti.
TAG
ORTICARIA
ALLERGIE
INTOLLERANZE
CIBI
ALIMENTI
RIMEDI
NATURALI
CURE
PRURITO
APPROFONDISCI
Le combinazioni alimentari vincenti per la salute e la linea
Le combinazioni alimentari vincenti per la salute e la linea
Come abbinare i cibi tra loro
CONSIGLIATO PER TE
Via eczemi, acne, dermatiti e psoriasi
Via eczemi, acne, dermatiti e psoriasi
La pelle è lo specchio della tua salute
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?