Il gelato giusto per i nostri figli
Vita in famiglia

Il gelato giusto per i nostri figli

Il gelato può sostituire un pasto? Quello alla frutta è meglio di quello alla crema? il cioccolato è concesso anche ai più piccoli? Quello artigianale è meglio di quello industriale? Ecco le risposte

Il gelato è uno dei capisaldi dell'alimentazione estiva e, grazie alle sue caratteristiche, il sapore dolce unito al potere rinfrescante e alla possibilità di leccarlo, uno degli alimenti più amati dai bambini. Anche alle mamme piace molto per i suoi numerosi vantaggi: è nutriente, sano e facilmente assimilabile perché prodotto con ingredienti semplici e di qualità (latte, uova e zucchero a cui si possono aggiungere frutta, cacao, vaniglia eccetera). Poi è un'ottima alternativa alla solita merenda. Infine, soddisfa in pieno le esigenze nutrizionali dei bambini, che mangiandolo assumono proteine, vitamine e calcio. Impariamo, allora, a conoscere meglio il gelato e a sceglierlo bene.

Il gelato non è consigliabile ai bambini sotto l'anno

Lo stomaco e l'intestino dei bambini di meno di un anno sono ancora molto delicati: meglio evitare di dar loro del gelato perché potrebbe creare piccoli disturbi, come mal di pancia e diarrea.

Anche alla frutta contiene latte

Gli ingredienti sono polpa di frutta e zucchero, latte oppure latte e acqua. Completamente senza latte sono solo i sorbetti, gelati preparati con polpa di frutta, zucchero e acqua.

I bambini non devono mangiare il gelato a fine pasto? Dipende

È vero che il gelato è ideale come merenda, ma se i bambini sono un po' inappetenti, un gelato dopo pranzo può essere una mossa vincente. È invece sconsigliato dare il gelato a fine pasto se i bambini hanno già mangiato abbastanza.

Quello artigianale non è sempre il migliore

Ogni artigiano ha ricette con dosaggi e ingredienti personali. Se usa solo ingredienti freschi e di qualità, sicuramente il gelato artigianale è la scelta migliore per i bambini.

Ma se non siamo sicuri del rispetto delle norme igieniche e della scelta delle materie prime, meglio optare per quello industriale, sicuro dal punto di vista igienico e con i valori nutrizionali riportati chiaramente in etichetta.

Al mare, dopo aver mangiato il gelato, il bambino non deve aspettare a fare il bagno

Per digerire una coppetta di fior di latte basta un'ora, contro le tre di un pasto completo. Le proteine del gelato, infatti, sono omogeneizzate, quindi risparmiano lavoro ai succhi gastrici e transitano velocemente dallo stomaco. In ogni caso i bambini possono fare il bagno anche subito dopo aver mangiato il gelato, senza problemi.

Si può dare ai bambini piccoli il gelato al cioccolato

Dopo l'anno di età, i bambini possono assaggiare tutti i gusti del gelato, cioccolato compreso. Le quantità di caffeina di una porzione sono talmente irrisorie, che non devono destare alcuna preoccupazione nel genitore.

TAG
BAMBINI
ALIMENTAZIONE
INTOLLERANZE
GELATO
LATTE
APPROFONDISCI
10 regole per dimagrire e non ingrassare più
10 regole per dimagrire e non ingrassare più

I trucchi e le strategie che funzionano davvero per perdere peso in modo sano e non riprenderlo più

CONSIGLIATO PER TE
Il tuo weekend bruciagrassi
Il tuo weekend bruciagrassi

Come perdere 3 kg in 3 giorni

Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?