Mangiare sano
Olio di cocco, il condimento light anti colesterolo

L'olio di cocco contiene principalmente grassi saturi e quindi non alza i livelli di colesterolo cattivo aiutandoti anche a smaltire i lipidi in eccesso

L'olio di cocco è un ottimo prodotto da utilizzare per la cottura dei cibi. I suoi grassi (per lo più saturi), infatti, non aumentano i livelli di colesterolo cattivo ma anzi equilibrano la percentuale di zuccheri e grassi nel sangue. L'acido laurico contenuto nell'olio di cocco (e nel latte materno) è antimicrobico e antifungino e aiuta a ripulire l'organismo dalle tossine e dai microrganismi che provocano fermentazione e gonfiore nel tratto intestinale. L'utilizzo di olio di cocco in cucina aiuta anche a smaltire i lipidi in eccesso, poiché gli acidi grassi che contiene sono facilmente digeribili e dal fegato vengono convertiti in energia anziché essere immagazzinati sotto forma di adipe.

Usalo sulle insalate o nei dolci al posto del burro

L'olio di cocco si può usare "a crudo" (va solo leggermente scaldato perché tende a solidificare), ad esempio su insalate o piatti di pesce, oppure cotto: non si deteriora con le alte temperature per cui è preferibile ad altri oli vegetali. Inoltre, Il suo sapore neutro lo rende adatto a tutte le pietanze. L'olio di cocco si può usare nella preparazione dei dolci da forno al posto del burro (circa 1/3 in meno).

Scegli sempre olio di cocco non trattato

L'olio di cocco è considerato stabile, cioè tende a ossidarsi e irrancidire meno rispetto ad altri oli vegetali, ma va comunque conservato preferibilmente lontano da fonti di luce e di calore. Dai la tua preferenza all'olio di cocco di origine biologica, extravergine e spremuto a freddo: è moto importante che questo prodotto non abbia subito processi deodoranti o decoloranti.

Il riso con l'olio di cocco ha meno calorie

Alcuni ricercatori della facoltà di Scienze Chimiche dell’Università di Colombo, nello Sri Lanka, hanno scoperto che utilizzare l'olio di cocco per cucinare il riso ne ridurrebbe la capacità calorica. L'amido contenuto nel riso, infatti, può attentare alla linea. Ma questo dipende anche da come il chicco viene cucinato. Con una cottura con olio di cocco, il contenuto di amido resistente (il meno assimilabile dal corpo) aumenta di oltre il dieci per cento. Gli studiosi hanno presentato i risultati del loro studio due anni fa durante il meeting dell’American Chemical Society. La ricerca, effettuata in laboratorio, consisteva nel cucinare 38 tipi diversi di riso in 8 differenti modi. Tra tutte le tecniche di cottura, quella che è risultata più efficace per ottenere un piatto "light" è stata la bollitura per circa 20 minuti (o sobbollitura per 40 minuti) aggiungendo all’acqua, prima del riso, dell’olio di cocco in quantità pari a circa il tre per cento del riso stesso, e facendo raffreddare il riso pronto in frigorifero per 12 ore, un meccanismo che tende a convertire l'amido assimilabile in un carboidrato resistente.

APPROFONDISCI
Le ricette della salute - Il colesterolo

Ti ripuliscono le arterie e salvano cuore e cervello

CONSIGLIATO PER TE
Il formidabile cocco

Abbassa la pressione, regola il colesterolo, fa dimagrire e rigenera il cervello

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?