La melagrana ti depura e aiuta il cuore
Mangiare sano

La melagrana ti depura e aiuta il cuore

Questo dolce frutto invernale combatte i radicali liberi e rinforza l’apparato cardiocircolatorio grazie a polifenoli, tannini e potassio:usalo nella tua cucina

Fra gli alimenti più studiati negli ultimi anni, il frutto del melograno è stato classificato al primo posto tra i cibi più antiossidanti disponibili in natura: il merito è dell’alta percentuale di flavonoidi che contiene (una quantità maggiore rispetto anche ai mirtilli, al tè verde e al vino rosso) e del suo apporto di vitamine (A, C e del gruppo B) e di sali minerali (soprattutto potassio, fosforo e ferro), che ne garantiscono l’efficace azione antinfiammatoria e preventiva nei confronti delle malattie da raffreddamento. Ma la melagrana è soprattutto il rimedio naturale più mirato per contrastare le malattie cardiovascolari.

Gli antiossidanti si trovano nella membrana interna bianca
La ricerca ha stabilito che non sono tanto i semi a racchiudere i principi attivi efficaci a ridurre il rischio dell’insorgenza delle malattie cardiovascolari, quanto la buccia e la membrana bianca che li avvolge. Per questo motivo è più efficace assumere l’estratto del frutto intero anziché semplicemente i semi. Uno studio clinico dimostra che il consumo regolare di succo di melagrana agisce sul controllo dell’ispessimento dell’arteria carotide e, in generale, sulla diminuzione delle lesioni aterosclerotiche. I polifenoli presenti nel frutto agirebbero infatti con un’azione sbloccante sui grassi che si accumulano sulle arterie (causa dell’aterosclerosi), favorendo un netto miglioramento della circolazione e un abbassamento del colesterolo, sia di quello LDL (considerato nocivo) che di quello totale.

La melagrana rende elastici i tessuti e non solo
Gli studi hanno rilevato anche significativi miglioramenti dell’elasticità dei tessuti soprattutto nelle persone diabetiche, obese e affette da sindrome metabolica. Per chi soffre di ipertensione il succo di melagrana si rivela un buon rimedio in quanto si dimostra un buon regolatore della pressione sanguigna. Ma l’azione preventiva della melagrana non si limita alle malattie cardiocircolatorie. Il succo, grazie all’acido ellagico agirebbe anche sulla formazione di alcune forme tumorali, in particolare sulle neoplasie della prostata, del seno e del colon, prevenendone l’insorgenza o riducendone lo sviluppo. L’azione combinata di antociani, tannini e acido ellagico avrebbe poi un effetto benefico anche a livello neuronale: nelle patologie del cervello come l’Alzheimer, nel trattamento della depressione e degli sbalzi d’umore. La melagrana presenta anche caratteristiche detossifi canti e drenanti (grazie al potassio). È un frutto alcalino, efficace nel regolare l’equilibrio acido basico: per questo è consigliato per tonificare lo stomaco e negli stati di acidità gastrica, spesso indotti da un consumo eccessivo di zuccheri raffi nati e proteine.

Provalo nel risotto, tonifica lo stomaco
Aggiungi i semi di melagrana ai tuoi risotti: alleggerisci le funzioni gastriche e migliori la digestione, evitando reflusso e acidità. Per una persona, fai un soffritto di porro o scalogno tritato finemente e, quando inizia a imbiondire, aggiungi una manciata di riso; porta a cottura il risotto aggiungendo poco alla volta del brodo vegetale bollente e, a fine cottura, unisci un bicchierino di succo e 2-3 cucchiai di chicchi di melagrana. Prosegui la cottura per altri 2-3 minuti e servi.

TAG
MELAGRANA
CUORE
CIRCOLAZIONE
RADICALI LIBERI
ALIMENTAZIONE
APPROFONDISCI
10 regole per dimagrire e non ingrassare più
10 regole per dimagrire e non ingrassare più

I trucchi e le strategie che funzionano davvero per perdere peso in modo sano e non riprenderlo più

CONSIGLIATO PER TE
Il tuo weekend bruciagrassi
Il tuo weekend bruciagrassi

Come perdere 3 kg in 3 giorni

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?