Il caffè fa bene alla memoria e al cervello
Cibo

Il caffè fa bene alla memoria e al cervello

Un nuovo studio dimostra come un consumo “normale” di caffè abbia effetti benefici sul cervello e sulle capacità cognitive

La caffeina fa bene al cervello: lo dice un nuovo studio pubblicato a settembre di quest’anno  su Scientific Report.  Secondo la ricerca, il caffè promuove le connessioni neuronali, fornendo possibili ulteriori informazioni sul meccanismo d’azione di questa sostanza sulla memoria e sulla cognizione. Un consumo abituale di caffè, in sostanza, avrebbe effetti fisiologici sulle cellule neuronali, con un aumento della vigilanza e la capacità potenziale di ridurre il rischio di malattie neurodegenerative. In particolare, il team di ricercatori di Svezia, Finlandia, Regno Unito e Giappone che hanno condotto lo studio – primo nel suo genere – hanno analizzato la perturbazione dei cambiamenti di espressione genica causata dalla caffeina in un modello di cellule neuronali umane, il modello più vicino al sistema nervoso centrale umano.

LEGGI ANCHEIl caffè drena i liquidi e migliora la digestione

Più attivi grazie al caffè

La ricerca prevedeva la somministrazione di livelli normali di caffeina per periodi di 1, 3 e 9 ore. I risultati hanno mostrato un’attivazione dipendente dal dosaggio dei primi “geni immediati precoci” già dopo un’ora. I “geni immediati precoci” sono geni che rispondono rapidamente – spesso in pochi minuti – agli stimoli cellulari. Alcuni di questi geni sono legati al sistema immunitario e altri sono legati all'apprendimento e alla memoria. L'esperimento ha rivelato che la caffeina ha incrementato alcuni processi neuronali (“upregulation”) e ne ha ridotto altri (“downregulation”).

L’“upregulation” è un processo che incrementa il segnale a una cellula; è simile a quando un segnale radio viene aumentato per assicurare che il messaggio verrà trasmesso; al contrario, la “downregulation” riduce il segnale alla cellula. Quello che è stato scoperto è che la caffeina ridurrebbe i processi del sistema immunitario e potenzierebbe i processi di sviluppo della proiezione neuronale che sono legati alla memoria e ad altre connettività neuronali. Nel complesso, più geni sono soggetti a “downregulation” che ad “upregulation” a causa della caffeina; tuttavia, maggiore è la dose di caffeina utilizzata nell'esperimento, più geni immediati precoci si attivano.

La caffeina migliora memoria e cognizione

“La caffeina nel caffè è una delle sostanze psicoattive più diffuse al mondo, ma sappiamo relativamente poco su come influisce sui neuroni e sulle loro funzioni cellulari”, ha commentato il professor Juha Kere dell'Istituto Karolinska, in Svezia, uno degli autori dello studio. " Saperne di più su come la caffeina influenza il nostro organismo potrebbe aiutare a spiegare perché il caffè e la caffeina sembrano ridurre il rischio di alcune malattie e migliorare la memoria e la cognizione. Quello che abbiamo scoperto potrebbe aiutare a comprendere in parte perché è stato ipotizzato che il caffè possa migliorare la memoria e proteggere contro la perdita della stessa negli anziani”.

LEGGI ANCHEViva il caffè, ma non berlo troppo caldo!

Da una a tre tazzine di caffè al giorno

Il caffè, bevuto con moderazione, rappresenta un valido aiuto per il nostro benessere: un piacere per il palato, una fonte di buon umore per il suo aroma inconfondibile e, in generale, un alleato per la salute dell’organismo. Basta non esagerare con le tazzine: da una a tre al giorno vanno benissimo, meglio se nella prima parte della giornata soprattutto per chi ha problemi col sonno.

TAG
CAFFÈ
APPROFONDISCI
Lo straordinario caffè
Lo straordinario caffè
La bevanda energetica che brucia i grassi, stimola il cuore e mantiene giovane il cervello
CONSIGLIATO PER TE
Alimentazione Naturale
Alimentazione Naturale

La natura “sa” sempre cosa serve al nostro corpo per stare bene...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?