Amla, il ricostituente naturale che combatte diabete e colesterolo
Cibo

Amla, il ricostituente naturale che combatte diabete e colesterolo

Da sempre usato nella medicina ayurvedica, l’Amla è oggi considerato uno dei migliori ricostituenti naturali: è ricchissimo di vitamina C, rallenta il processo d’invecchiamento delle cellule e abbassa il colesterolo

Le proprietà dell’amla sono infinite

Un articolo non basta per elencare tutte le proprietà dell’Amla. È un eccellente stimolante del sistema immunitario, un ricostituente utile in primavera o dopo una lunga malattia, poiché promuove la produzione di interferone e corticosteroidi. Ma è anche un lassativo, un digestivo, un antinfiammatorio e, naturalmente, un antiossidante.

LEGGI ANCHEQuando ti serve la vitamina C?

Ricchissima di vitamina C

L’Amla – o uva spina Indiana – è uno dei frutti che contengono più vitamina C. Ognuno dei suoi piccoli frutti (mediamente 7 grammi) contiene lo stesso contenuto di vitamina che si trova in ben 10 arance. Tale quantità si riduce leggermente con l’essiccazione, ma non del tutto – i tannini in esso contenuti, infatti, preservano la vitamina dall’ossidazione. Questa, insieme ad altri costituenti come l’acido elleagico, ha dimostrato di possedere una potente azione antiossidante e antinvecchiamento.

Insieme al ghee protegge l’apparato cardiovascolare

Il frutto essiccato e polverizzato aggiunto al ghee possiede un effetto potenziato utile in caso di debolezza, disturbi cardiaci e persino colesterolo. In questo caso è necessario assumerne almeno una quindicina di grammi al giorno. L’associazione, inoltre, è utile in caso di gastrite e pirosi gastrica, grazie alle sue proprietà di riduzione nella formazione di acidi.

Riduce iperglicemia e diabete

Secondo alcuni studi l’Emblica officinalis – questo il nome scientifico dell’Amla – è in grado di ridurre un enzima chiamato aldosoreduttasi che sembra sia coinvolto nella comparsa del diabete. Inoltre migliora le prestazioni del pancreas aumentando la produzione di insulina. Ottima in associazione alle more di gelso e foglie di eucalipto.

Infine, riduce il colesterolo cattivo

Ultima, ma non meno importante, è la sua preziosa virtù di ridurre il colesterolo LDL aumentando la produzione di quello “buono”. L’azione è rinforzata se assunta attraverso la miscela Triphala, o in associazione con polvere di curcuma.

TAG
DIABETE
APPROFONDISCI
Dimagrisci con i menu a basso indice glicemico
Dimagrisci con i menu a basso indice glicemico

Ecco il modo migliore per perdere peso senza riprenderlo

CONSIGLIATO PER TE
Stop allo zucchero
Stop allo zucchero

Eviti il diabete, dimagrisci e ti allunghi la vita

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?