Cibo

Coi porri alt a bronchiti e allergie

Questi ortaggi, gustati a fette nell’insalata ma anche nelle zuppe sono un eccezionale riserva di zolfo, fibre e vitamina C: scopri tutte le virtù dei porri

Sono gli ortaggi che salutano la fine dell’inverno: l’ultimo raccolto di porri si fa proprio a febbraio. Ne esistono di varie qualità, più o meno pregiate, a seconda della zona di produzione. La tradizione gastronomica è solita presentarli cotti: in forno, al vapore, ripassati in padella o impiegati nei soffritti. Il consumo a crudo è però quello più raccomandato perché solo in questo modo si assimilano tutte le vitamine e i sali minerali di cui i porri abbondano. Questi bulbi sono ricchi di calcio, zolfo ma anche di potassio, fosforo, ferro, magnesio. La percentuale di vitamina C è molto alta, addirittura maggiore rispetto a quella presente in aglio e cipolla. I porri contengono anche le preziose vitamine del gruppo B (tiamina, riboflavina) e la vitamina PP (niacina).

Leggi anche: porro, la cipolla "gentile"

I porri ti aiutano se sei a dieta

Ricchi di acqua e poveri di calorie i porri sono alimenti che non devono mancare nell’alimentazione delle persone che stanno seguendo un percorso dimagrante. Un consumo regolare di porri aiuta a drenare gli organi emuntori e a ridurre le tossine presenti a livello epatico. Lo zolfo e i principi attivi di questo ortaggio aiutano a tenere puliti anche i bronchi e i polmoni e ad attenuare gli stati asmatici. Febbraio è il mese che chiude la stagione invernale e porta con sé gli ultimi strascichi di raffreddori e influenze. Un motivo in più per aumentare in questo periodo il consumo di vegetali arancioni e verdi (fonti di betacarotene e clorofilla) ma anche di porri: essendo così ricchi di vitamina C e minerali, alzano lo scudo delle difese immunitarie e combattono le malattie tipiche di fine inverno.

Sono diuretici e aiutano anche l’intestino

In più i porri attivano un’azione diuretica, leggermente lassativa e depurativa: niente di meglio per preparare i nostri organi all’imminente cambio di stagione. Infine i porri rinforzano l’intestino: riducono la formazione dei gas intestinali e, grazie alle fibre, mantengono pulito il colon e favoriscono la peristalsi. E non è tutto, perché nell’antichità il porro era considerato un alimento afrodisiaco e un rimedio per aumentare la fertilità delle donne e per facilitare il ciclo mestruale.

Nelle insalate sostituiscono il gusto intenso della cipolla

Se non gradisci l’aroma intenso delle cipolle nei battuti, nei sughi e soprattutto nelle insalate, puoi sostituirle con un piccolo porro affettato a rondelle molto fini. Elimina le foglie più esterne e dure e utilizza la parte interna più bianca, che dà sapore ma non “pesa” né sull’alito né sulla digestione. Le foglie più esterne, verdi e fibrose, del porro sono invece ottime per insaporire le frittate; dopo averle lavate con cura, tritale fini e aggiungile insieme a un battuto di prezzemolo alle tue omelette.

Con l’orzo nella zuppa favoriscono la digestione

Per preparare una minestra emolliente e depurativa, ottima anche per ridurre catarro e secrezioni e per abbassare la febbre, abbina i porri all’orzo e alle carote, che purificano i bronchi e l’intestino. Servi questo piatto preferibilmente a cena: ti aiuta anche a riposare meglio. Inizia a tagliare a cubetti due carote e falle cuocere insieme all’orzo. Aggiungi al brodo di cottura un dado vegetale. Taglia finemente il porro e amalgamalo alla zuppa quando la cottura sarà quasi terminata  Regola di sale e spolvera la minestra con del formaggio grattugiato e una macinata di pepe nero.

TAG
PORRI
BRONCHITI
ALLERGIE
VITAMINA C
MINERALI
APPROFONDISCI
Argento, Echinacea e tutti i migliori rimedi naturali

I rimedi efficaci contro virus e batteri

CONSIGLIATO PER TE
Il dizionario dei minerali

Ecco quelli più utili per la tua salute

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come vivi le tue paure?