Via stress e fame nervosa con la schisandra
Cibo

Via stress e fame nervosa con la schisandra

È una pianta originaria della Cina e della Russia che ti rilassa e ti ricarica di energia vitale, vincendo anche la fame nervosa

Nota per le sue proprietà simili al ginseng, la schisandra non ha i suoi effetti collaterali. È quindi una pianta sicura, sempre fatta eccezione per una eventuale sensibilità individuale, che può essere utile a chi desidera dimagrire. Inoltre, la schisandra aumenta la resistenza allo stress, riequilibra il grado di acidità dell’apparato gastrodigerente (uno dei primi bersagli dello stress), stimola il sistema nervoso centrale migliorando i riflessi e la resistenza psicofisica, aumenta il livello di energia vitale e contribuisce alla rigenerazione del fegato.

Aiuta anche a perdere peso

I principi attivi della schisandra consentono di vincere la fame nervosa, tipica di chi è stressato e “spilucca” tutto il giorno perché si sente stanco e privo di energie. Anche chi ha accumulato chili nel corso degli anni a causa di un consumo frequente di alimenti dannosi per il fegato, come fritti, fast food e cibi grassi e/o troppo salati o dolci in genere, alcolici può trarre beneficio dal suo impiego regolare, perché gli estratti di schisandra depurano e rigenerano le cellule della ghiandola epatica e attenuano la dipendenza dal cibo “spazzatura”. Poiché è un buon riequilibratore della pressione sanguigna, la schisandra è consentita anche a chi è affetto da sindrome metabolica (sovrappeso accompagnato da ipertensione, glicemia, trigliceridi e colesterolo alti). Ed è anche un buon rimedio antiossidante!

Ecco quali sono le sostanze benefiche che contiene

La schisandra contiene oli essenziali, acidi e lignani, che possono contribuire alla rigenerazione del tessuto epatico danneggiato dall’abuso di alcolici e da errori alimentari. Sono inoltre presenti dei principi attivi, come il dibenzo-cyclo-lignani octadiene, con un’azione protettiva del cervello e del sistema nervoso, utili contro lo stress.

Stimola la produzione di glutatione, che attiva il metabolismo

La schisandra ha dimostrato di essere un utile sostegno per le normali funzioni del fegato; oltre a proteggere la ghiandola epatica dai radicali liberi, favorisce l’aumento dei livelli di glutatione, una sostanza antiossidante che sembra in grado di sostenere la fisiologica rigenerazione delle cellule epatiche. Inoltre, il glutatione contribuisce al controllo degli zuccheri nel sangue e a bruciare il grasso corporeo in eccesso, permettendo la perdita di peso, aumentando il metabolismo e rafforzando la massa muscolare.

Se vuoi che sia efficace usala così!

Puoi acquistare le bacche essiccate e assumerne fino a 30 g al giorno: 1 presa quando hai un attacco di fame, masticandole a lungo (si usano come l’uvetta). Oppure acquista la schisandra in capsule e prendine 1-2 al giorno, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.

TAG
SCHISANDRA
FAME NERVOSA
STRESS
VITALITÀ
METABOLISMO
APPROFONDISCI
Cibi sì e cibi no per dimagrire
Cibi sì e cibi no per dimagrire

Così acceleri il metabolismo, elimini il gonfiore addominale e vinci le intolleranze alimentari

CONSIGLIATO PER TE
L'arte di rilassarsi in pochi minuti
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?