VIDEO Cosa fare quando soffri

L'atteggiamento mentale giusto è il vero farmaco contro i dolori dell'anima e metterlo in campo è semplice: in questo libro spiego come riuscirci

Allegato a Riza Psicosomatica di questo mese troverete il libro Cosa fare quando soffri. Quest'opera nasce dall'incontro con una signora, che soffriva di attacchi di ansia fortissimi e vedeva la sua vita crollare. Le ho domandato: "In che senso crolla?". Ecco la sua risposta:

"Mio marito se n'è andato, mio figlio vuole andare a vivere con lui e anche mia figlia. Rimango sola, non ho seguito i consigli di mio padre che mi diceva che lui era un uomo sbagliato e ho passato anni d'inferno. C'era una persona che mi piaceva tantissimo, ma io per salvare il matrimonio l'ho allontanata. Così, mi sveglio alla mattina, piango e poi arriva l'ansia..."

Il pensiero amplifica il dolore

Le ho risposto: "Lei sta soffrendo, è vero, ma questo dolore viene solo alimentato dal pensiero di aver condotto una vita sbagliata, fatta di rapporti che non hanno funzionato." Non è lì che si deve guardare. Poi, le ho detto una cosa che l'ha commossa. "A ciascuno di noi è stato dato un tesoro da custodire...". "Ma io non ho tesori!", ribatte. "Allora immagini di custodire un bambino..." Mentre noi conosciamo bene il mondo esterno e in quel "luogo" cerchiamo le cause del nostro malessere, dimentichiamo che in noi abita un'energia nascosta. Quando stai male, devi custodire te stesso: al di là dei luoghi comuni, al di là dei tuoi pensieri, al di là dei tuoi ragionamenti e delle autocritiche, c'è qualcosa dentro di te che "costruisce" te, soltanto te. E non c'è un altro al mondo come te.

Anche quando soffri sei un seme che germoglia

Come custodisco questo mondo segreto che mi abita? La parola giusta è appunto "segreto". Il tuo bambino se ne sta segreto, nascosto, non vuole essere visto. Che cosa lo calpesta? Le tue convinzioni, questo continuo ripetersi di essere sbagliato. Bisogna dirsi: in me c’è un seme che germoglia e io mi dico che non vado bene? Che quel germoglio non va bene? Come potrà fiorire la mia pianta? Per quanto tu stia soffrendo, ricorda che la tua pianta sta germogliando e sta facendo il fiore che sei. Si tratta di aspettarlo.

Mai ragionare sui problemi

Più ragioni sul problema, più lo ricrei e lo amplifichi. Più parli del passato più si amplifica. Più guardi il futuro, più si amplifica. Esistono invece esercizi pratici di cui parlo nel libro, che servono a spostare lo sguardo e imparare a custodire questo bambino nascosto. È lui la cura. Noi siamo al mondo per custodirlo e non a caso tutte le religioni e tradizioni della terra parlano di un bambino celeste, che ha saperi immensi. Quel bambino è dentro di noi e immaginarlo è terapeutico. Bastano pochi istanti di immaginazione per guardare diversamente se stessi. La sofferenza non andrà via in un giorno e sarebbe sbagliato se lo facesse, ma giorno dopo giorno, evaporerà. Ciascuno di noi, uomo o donna che sia, è la mamma del suo bambino interiore. In tutti esiste un principio di maternità fatto per custodire il piccolo, quel piccolo misterioso che piange attraverso i disagi perché non trova spazio. Leggendo questo libro, imparerete ad averne cura. Buona lettura!

Il nuovo libro di Raffaele Morelli Cosa fare quando soffri è disponibile in edicola, allegato a Riza Psicosomatica, o sul nostro store online.

ACQUISTA ORA

APPROFONDISCI
Ciò che cerchi è dentro di te
Ciò che cerchi è dentro di te
CONSIGLIATO PER TE
Sei molto più di ciò che credi
Sei molto più di ciò che credi

Ognuno vede solo un lato di se stesso. Invece dentro di noi ci sono molti volti della personalità pronti a fiorire. Ecco cosa fare

VIDEO
VIDEO Smetti di criticarti
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?