Pensieri negativi: non temerli
Tu | fiducia in se stessi

Pensieri negativi: non temerli

I pensieri negativi non arrivano per nuocere ma per farci evolvere nella direzione dell'autonomia e dell'armonia interiore: ecco come "farne uso"

Pensieri negativi ossessivi: come nascono e perchè

Ci ha scritto tempo fa Nadia, lettrice di Riza psicosomatica, per testimoniarci con la sua storia il senso profondo dei pensieri negativiche le abitavano, un senso che ha colto appieno quando ha smesso di combatterli e di sentirsi sbagliata per il fatto di provarli. Ecco la sua testimonianza.

"Ho conosciuto anni e anni di lotte interne, di autoaccuse, una costante sensazione di fallimento e di pensieri negativi anche nei confronti di persone care, che mi tormentavano. I pensieri negativi riguardavano il fatto di non essere riuscita a vivere in modo totale una relazione a cui tenevo molto; sopportare un lavoro non soddisfacente ma che mi garantisce un buono stipendio; vivere insieme a un marito a cui voglio bene ma per il quale non sento più passione e così via.

Poi ho seguito un consiglio letto su Riza Psicosomatica: “diventa Nessuno”, e cioè lascia fare alla vita, a quella forza senza volto che hai dentro, non metterti in mezzo con le tue idee e i tuoi progetti. Lei è più potente delle maree, più forte dei vulcani. Così ho fatto. Mi sono sentita nessuno. E tutti i miei problemi, li ho visti lì, che camminavano accanto a me... Ma non erano più “me”. Una sensazione inspiegabile…Piano piano ho portato lo sguardo dentro di me: c’era il vuoto, un vuoto pieno di luce buia… Non so come starò domani, al nuovo risveglio. Ma oggi, oggi niente mi può far male…".  Nadia

Liberarsi dai pensieri negativi: come si fa?

Cercare di eliminare i pensieri negativi, magari dicendosi allo specchio: "Sei bravo, sei forte!", interferisce con il lavoro dell’interiorità. È lei che “ha bisogno” di quei pensieri negativi, della tuaOmbra per far emergere parti sepolte di noi e smontare le false convinzioni che hanno inceppato la vita.

Capita a tutti di assistere al fallimento di un progetto, sdi una speranza. Ci restiamo male ma poi ripartiamo. Per alcuni invece il senso di fallimento (che determina il sorgere dei pensieri negativi), non arriva dopo un evento negativo, ma prima: è una costante, un rumore di sottofondo alla propria esistenza. "Non ho combinato ancora nulla... Ho perso tutte le occasioni... Non valgo niente... Sono un fallito…". Eppure la vita di queste persone, in apparenza, va bene: spesso hanno un buon lavoro, sono sposate, hanno figli. Ma quel pensiero non le abbandona. Perché? Cosa vuole da loro?  La lettera della nostra lettrice ci fa capire molte cose. Nadia si era adeguata alle scelte “di buon senso” che la società le suggeriva: un lavoro noioso, ma sicuro, un compagno per cui non provava molto, ma affettuoso e serio, e così via. Tutto messo nella casella giusta, tranne... Nadia. Lei è fuori posto, quella vita non è la sua.

Verso una nuova nuova fioritura

Ecco perché arrivano quei pensieri negativi, di fallimento, che vogliono esattamente “far fallire”, azzerare, far crollare tutta la costruzione artificiale che Nadia ha messo in piedi negli anni e nella quale è rimasta imprigionata. Proprio così, far fallire i suoi disegni: il lavoro rispettabile, il matrimonio tranquillo, la famigliola perfetta. Azzerarli per far rinascere una Nadia autentica. La tecnica che Nadia utilizza non si concentra però su quei pensieri, perché non sono loro il problema. Sposta invece l’attenzione sulla “Nadia che deve fiorire”. Certo, è solo un punto di partenza, ma ora lei sa cosa la rende felice, cosa la realizza, e cosa no... 

Affacciati al mondo nuovo che hai dentro: esercizio anti pensieri negativi

La tecnica del “diventare Nessuno” sviluppata da Riza psicosomatica riprende l’antico gesto di Ulisse, l'eroe omerico che chiamandosi così fuggi al mostro Polifemo nel noto poema Odissea.

Dapprima, a occhi chiusi, ci si rilassa per una decina di minuti portando l’attenzione sulle singole parti del corpo e sui processi fisiologici di base, respirazione e battito in primo luogo, mettendo sempre più sullo sfondo la propria “identità diurna”: idee, opinioni, preoccupazioni, ricordi. In questo modo si comincia a percepire se stessi come “Nessuno”.

In un secondo tempo si ritorna alle occupazioni quotidiane svolgendole però con il filtro di questa nuova consapevolezza: ci si veste, si cammina, si parla non come si fa di solito, ma come Nessuno. La tecnica aiuta, col tempo, a distanziarsi dalla superficie dei pensieri e a posizionare l’attenzione su una dimensione più profonda, impersonale, capace di curare da sola i disagi interiori. 

TAG
PENSIERI NEGATIVI
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
Ritrova la tua unicità
Ritrova la tua unicità

Solo così puoi essere felice

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?