Talento: chi lo fa fruttare e chi lo spreca
Tu | fiducia in se stessi

Talento: chi lo fa fruttare e chi lo spreca

Il talento non è un privilegio di pochi ma una dote di cui tutti possono disporre: ecco due identikit per scoprire come si comporta chi sa incontrare il proprio talento e chi non riesce a vederlo

Se lo sai riconoscere, il talento ti cambia la vita

Il talento è una risorsa di tutti, che non tutti sanno di avere. Come scoprirlo dentro di sé? Per prima cosa liberandosi dei luoghi comuni che lo riguardano: non è un abilità eccezionale, non occorre faticare per conquistarlo, non c'entra col successo o col denaro, non è un privilegio di pochi, non ha età. Il talento è l'energia creativa che sa realizzare la vera natura di ognuno di noi. Ma come si comporta una persona vicina al proprio talento? E come vive chi non sa di averlo oppure non riesce a trovarlo? Abbiamo preparato due identikit; confrontateli per vedere quanto siete vicini o lontani dalla vostra natura più autentica, quindi dal vostro talento.

Chi coltiva il proprio talento

  • Lascia spazio alla creatività
    Non inducendo in percorsi obbligati, conserva una mente libera e progettuale
  • Si ammala poco spesso e guarisce in fretta
    Vivere appieno la propria vita rafforza il sistema immunitario che si mantiene vigile
  • Usa poco il ragionamento, segue l'istinto
    Si fida di sé stesso e delle sue sensazioni, fuggendo i ragionamenti troppo cerebrali e le spiegazioni ad ogni costo
  • Cura la propria interiorità
    L'atteggiamento mentale è determinante: il suo sguardo "sa" rivolgersi dentro se stesso
  • Vive nel presente
    Il corpo vive nell'adesso; così le emozioni. Così il talento autentico
  • Ama il gioco e rimane sempre un po' bambino
    Da piccoli la creatività sgorga spontanea., Giocare con la vita ogni giorno è il talento più grande.
  • Cura l'alimentazione evitando tutti gli eccessi (anche quelli salutistici)

Chi spreca il proprio talento.

  • Pensa di conoscersi a fondo, di sapere tutto di sé
    Si giudica con sicurezza  e con severità. Così non conosce se stesso e nemmeno gli altri
     
  • Si ammala spesso di piccoli malanni
    Vive in un mondo che non gli appartiene e le difese immunitarie inevitabilmente s'indeboliscono
     
  • Si arrovella nei ragionamenti per capire tutto.
     
  • Dà poco spazio agli istinti e alle emozioni. Si identifica nei ragionamenti perdendo di vista se stesso.
     
  • Non ha un buon rapporto con l'interiorità, tende a fuggirla.
    Non ama molte parti di se  e detesta guardarsi dentro, principalmente per paura. Così il talento continua a fuggire.
     
  • Pensa spesso alla morte e la teme.
    Si aggrappa ai ricordi oppure ai programmi per il futuro. Si lega alle cose, agli affetti: vive di attaccamenti che tengano lontana l'idea della morte, che lo terrorizza
     
  • Mangia male, in modo disordinato.
TAG
TALENTO
CREATIVITÀ
STRESS
FELICITÀ
APPROFONDISCI
Riza Dossier: Come superare lo stress
Riza Dossier: Come superare lo stress

Vivere felici 10 anni in più

CONSIGLIATO PER TE
L'arte di rilassarsi in pochi minuti
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?