Vuoto mentale, il tuo antidoto antistress
Stress

Vuoto mentale, il tuo antidoto antistress

Nei momenti difficili, quando lo stress e le preoccupazioni per il futuro prendono il sopravvento, possiamo fare delle piccole cose che migliorano il nostro tono dell'umore e regalano benessere: eccole

Otium: è una parola latina, tradotta nell’italiano “ozio”, “oziare”, popolarmente detto anche “dolce far niente”. Si tratta di una parola che non si usa più, perché indica un’attività che non trova più spazio nella nostra vita. Il far niente è diventato amaro e lo vediamo bene in questi giorni di sosta forzata: ci si sente strani, spaesati. Non essere attivi e impegnati ci fa sentire inutili e impotenti. Tanto che, quando si ha del tempo per “fare niente”, molti vanno in crisi: è come se il nostro sistema nervoso non ne fosse più capace, o non lo sia mai stato, perché è cresciuto abituato a usare il tempo in modo finalizzato.

In realtà, l’ozio è un bisogno della nostra psiche. Non coincide con l’avere un hobby, non è ingannare la noia o riempire un vuoto. Oziare significa sprofondare dolcemente nell’assenza di impegno, di scopi, di fretta, di forme definite di azione. Più che “far niente”, dovremmo chiamarlo: “fare IL niente”, cioè sostare in una sorta di vuoto mentale, liberi di vagare e spaziare. Questo “non fare” è utilissimo al mantenimento della salute psicofisica. Innanzitutto è un fattore riequilibrante: l’uscita dall’azione finalizzata “resetta” il sistema nervoso, è una pausa utile alla messa a fuoco di eventuali eccessi o carenze. Al contempo, riducendo di molto il consumo energetico, facilita i processi di rigenerazione sia a livello fisico che mentale e rende fruttuosa la ripartenza.

Il potere della contemplazione

Quando si vive il "far niente" non come conflitto o colpa, ma come vero piacere contemplativo, questo diventa un momento nel quale la nostra energia profonda riesce a liberarsi. Sospese tutte le attività finalizzate, incontriamo il piacere del sentirsi esistere, o semplicemente del sentirsi: un’esperienza fondamentale, che apre le porte ad altri grandi benefici. Il momentaneo “stallo” psicofisico, vissuto con dolcezza, può condurci a ragionamenti inediti (intuizioni, rielaborazioni, idee), determinanti per rinnovare la nostra personalità e per il dinamismo psichico. Non va dimenticato poi che l’ozio riduce enormemente il nervosismo. Proprio perché la persona esce da ogni impegno, non ha più bisogno di manifestare insofferenza o irritabilità e può affrontare tutto in modo piano e sereno. Anche i momenti difficili.

Assapora il tempo vuoto

Ci sono centinaia di manuali fatti apposta per sapere cosa farne. Invece, per ritrovare il dolce far niente non esistono guide. Non chiederti: “Cosa farò?” ma arrivaci senza programmi. Il dolce ozio accade, non può essere calcolato. Non chiederti, nel mezzo di un momento vuoto, che cosa si sarebbe potuto fare e non è stato fatto. Gusta quei momenti proprio come se fossero una vera attività, piacevole per giunta. La mente deve imparare a collegare il “tempo inutile” al piacere, alla rigenerazione.

Sei piccoli trucchi per placare la mente

  1. Dedicati a piccole cose futili come girovagare per casa o curiosare.
  2. Fai una chiacchierata rilassata, senza alcun impegno.
  3. Ascolta i rumori dell’ambiente, guarda gli altri che fanno cose.
  4. Chiudi gli occhi, immagina un panorama rilassante a tuo gusto e perditi nella sua contepmplazione
  5. Osserva un animale a tua scelta (vanno bene a che gli insetti…) che fanno la loro vita.
  6. Fai un bagno per puro relax.
TAG
VUOTO MENTALE
DOLCE FAR NIENTE
RINASCITA
APPROFONDISCI
Riza Dossier: Come superare lo stress
Riza Dossier: Come superare lo stress

Vivere felici 10 anni in più

CONSIGLIATO PER TE
L'arte di rilassarsi in pochi minuti
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?