Psicosomatica
Sempre malati? Sì al piacere, alt allo stress

La psicosomatica ha messo in luce il rapporto che lega malattie e stile di vita: la frenesia è dannosa, tanto più se fai qualcosa che non ami

Malgrado alcune scelte e condotte quotidiane siano notoriamente "adatte" a indebolire le difese immunitarie, pochi riflettono sul fatto che essere sempre malati non abbia a che vedere solo con lo stress, ma anche con la tendenza ad adeguarsi al tran tran quotidiano sacrificando le proprie inclinazioni. Alcuni, tutt’al più, si limitano a fare scorta di integratori e ricostituenti senza riuscire però ad invertire la tendenza. Il problema è che, superata una certa soglia, il sistema immunitario non è più in grado di ricaricarsi, col risultato che un distretto dopo l’altro, l’organismo comincia a farsi sentire: cistiti, faringiti, herpes, bronchiti, eruzioni cutanee e infezioni intestinali diventano ricorrenti. Risultato? Siamo sempre malati! A questo punto, imbottirsi di farmaci o fare il giro degli specialisti per trovare la soluzione ai propri disturbi si rivela superfluo, poiché quello contro cui si combatte, di volta in volta, è solo il sintomo e non la causa all’origine del disagio. Anche nel caso si riuscisse a debellare una determinata patologia, la malattia troverebbe il modo di attaccare un altro organo o sistema corporeo pur di farsi sentire e reclamare attenzione.

leggi anche: sempre malato? Occupati di te!

Troppi obiettivi indeboliscono il sistema immunitario 

Se siamo sempre malati, è il caso di farci alcune domande. Forse abbiamo la tendenza a inanellare un impegno dietro l’altro e, una volta raggiunto un obiettivo, a rilanciare alzando l’asticella ancora più in alto. In questo caso i malesseri che sentiamo ci avvisano che questo modo di vivere ci sta indebolendo. Sicuramente siamo logori e, almeno per certi aspetti, non ce la facciamo più a ricaricare le energie. Per questo motivo batteri e virus hanno la meglio sulle nostre difese e ci ritroviamo sempre malati. La cosa da fare sarebbe quella di fermarsi e riposare. La vita non può essere una corsa a ostacoli; l’eccesso di dinamismo, se non è accompagnato da una sufficiente dose di relax, diventa sempre controproducente. Bisogna darsi il tempo di rallentare i ritmi e contemplare quanto fatto, compiacersene persino, godere delle cose… così che ogni esperienza, progetto, traguardo possa essere pienamente vissuto e metabolizzato e non semplicemente consumato. Un fine settimana immersi nella natura, una cena con gli amici, persino un bagno caldo o una bella passeggiata sono piccoli piaceri che aiutano a ristabilire l’equilibrio e ricaricare le energie. Ma non è tutto qui...

Vuoi guarire? Resta fedele alla tua identità 

Ci sono individui che, pur vivendo a ritmi frenetici e non seguendo alcuna forma di prevenzione non si ammalano mai, mentre altri, alla prima difficoltà personale o professionale accusano il colpo e si ritrovano sempre malati. Com'è possibile? Il sistema immunitario è il simbolo corporeo dell' identità e si modifica di continuo in rapporto al mondo esterno: se sto seguendo uno stile di vita o un progetto di lavoro che non fa per me, l’anima soffre e cerca nel corpo la strada più concreta per urlare il suo disagio. Chi si trova a lamentare un disturbo dopo l’altro dovrebbe rivedere le scelte di vita, a breve e a lungo termine. Se molte o parte delle cose che stiamo facendo sono comunque “da fare”, non resta che spostare l’attenzione sul “come” le si fa. È sempre possibile trovare uno stato di consapevolezza in cui restare fedeli a quel che si è, con i propri ritmi, limiti e qualità. E sono proprio le giornate più intense a consentirci di imparare: restare se stessi in mezzo alla frenesia è il modo migliore per iniziare a rafforzare le difese immunitarie.

APPROFONDISCI
Riza Dossier: Come superare lo stress

Vivere felici 10 anni in più

CONSIGLIATO PER TE
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?