Psicosomatica
Bruxismo: c'entra anche la psiche?

In Italia il bruxismo coinvolge milioni di persone: lo causano i ritmi frenetici, l'abuso di fumo e alcol ma anche ansia e depressione non curate

Se ultimamente avete notato su di voi o sui vostri familiari un'eccessiva usura dei denti o la presenza di scheggiature, una difficoltà nell’aprire e chiudere la  bocca, indolenzimento o dolore dei muscoli masticatori è il caso di fare una valutazione perché si potrebbe trattare di bruxismo, ovvero il digrignamento dei denti, causato da una contrazione della muscolatura masticatoria, che avviene soprattuto, ma non esclusivamente durante il sonno . Il

Il bruxismo colpisce grande e piccoli

Nel nostro paese il bruxismo potrebbe riguardare fino 15-18 milioni di persone e Possono essere coinvolti da questo disturbo sia i bambini sia gli adulti. Colpisce dunque a tutte le età e l’incidenza è in drammatico aumento. Per questo motivo l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica ha preparato una vera e propria guida  sia per conoscere sia per affrontare nel modo più appropriato  il problema.

Ma quali sono le cause del bruxismo?

Come spiega Fabio Carboncini, presidente di Aiop, mentre in passato è stata grande importanza data alla malocclusione dentale, autorevoli ricerche recentemente hanno posto l’attenzione su fattori psicologici e sulla qualità del sonno. Si è visto che ad esempio tra i principali fattori predisponenti vi sono l’ansia e la depressione spesso non riconosciute e quindi curate in modo efficace. A questo si aggiungono i ritmi di vita frenetici e il ricorso abituale al fumo e agli alcolici.

Così affronti il bruxismo con successo

Al di là di una corretta “postura”  delle arcate dentarie è importante intervenire proprio con una maggiore comprensione del significato psicologico, o meglio psicosomatico di questo sintomo. Alcune tecniche psicologiche cognitivo-comportamentali si sono rivelate piuttosto efficaci nell’insegnare a portare l’attenzione sui denti e su come anche durante il giorno si tenda a serrarli involontariamente. Allenare quotidianamente questa forma di attenzione, insieme ad un corretto stile di vita possono aiutare,  con buona probabilità,  a risolvere il problema; fondamentale è evitare di ricorrere al “fai da te” acquistando, ad esempio, le cosiddette “placche” in farmacia che possono peggiorare la situazione.

APPROFONDISCI
Riza Dossier: Come superare lo stress

Vivere felici 10 anni in più

CONSIGLIATO PER TE
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?