Liberati dal giudice peggiore: te stessa!
L'aiuto pratico

Liberati dal giudice peggiore: te stessa!

Giudicarsi e cercare di correggere il proprio carattere fa male all’anima, ci stressa e alla lunga ci fa ammalare: per cambiare rotta, spazio alla spontaneità

"Sono esageratamente timida e introversa. Il mio carattere è sempre stato un problema". Katia arriva in psicoterapia dicendo di sentirsi oppressa e insoddisfatta. "Il lavoro che faccio non corrisponde al mio titolo di studi. Poi ci sono i ritmi di lavoro, davvero stressanti. Lavoro in un open-space e questo mi genera ansia. Mi pare che i colleghi stiano sempre a controllare quello che faccio". Ma le critiche più dure Katia le rivolge a se stessa. "Se fossi diversa sarebbe tutto più facile! Invece ho questo carattere…". Individua un’unica soluzione: "Devo lavorare su di me e su quello che non va nella mia vita".

LEGGI ANCHETimidezza, una risorsa da riscoprire

Non cercare di correggerti

Il punto di vista dal quale ci osserviamo, determina ciò che vediamo di noi stessi e di conseguenza modifica la nostra percezione. Possiamo vederci enormi o minuscoli se siamo troppo vicini o troppo lontani: dipende da che “metro” usiamo. Se ci concentriamo su ciò che pensano gli altri, sul pensiero comune, ci allontaniamo dal nostro lato più profondo e finiamo per pensare di esistere solo se siamo come il mondo ci vuole. Il grande psicanalista Carl Gustav Jung scrisse: "La vita è come una pianta che vive del suo rizoma: la sua essenza è invisibile, nascosta nella terra". Se il punto di vista da cui ci guardiamo è esterno, vedremo solo l’esterno dei nostri problemi. Katia non fa che giudicare se stessa sulla base di opinioni esterne: bisogna essere brillanti, essere timidi è un difetto, chi è timido non fa carriera…. Questo ha due conseguenze: da una parte pensa di essere lei quella sbagliata e si denigra. Dall’altra tenta di correggersi: ma si può imporre a una gazzella di fare il leone? No, non si può. Il risultato sarà solo una gazzella infelice, che pensa di essere una cattiva gazzella perché non sa ruggire: una gazzella che non sa più chi è. Katia non è affatto bloccata dalla timidezza, come crede, ma dal fatto che se ne vergogna e fa di tutto per nasconderlo: è bloccata dal proprio giudizio.

Il segreto racchiuso nella timidezza

E se invece la timidezza servisse a farle ricordare il suo mondo interno? A non perderlo di vista? Lo fa portandola “altrove”: attivando una percezione diversa, lontana dai soliti ragionamenti di chi la circonda. È molto diverso vedere la propria timidezza come un problema o come una porta per conoscere l’ignoto. La vera soluzione non è cancellare, disagi: cancelleremmo noi stessi! Al contrario, occorre sganciarsi dai sistemi mentali che li generano. La vera via è rendersi conto che dentro di noi “c’è altro”. Cambiare punto di vista vuol dire entrare in altri mondi, in altre energie. Se porti la mente altrove, attivi capacità che regalano soluzioni inaspettate.

Non fare la guerra al tuo carattere

Ecco il senso delle parole della terapeuta: "Katia, ma lei a cosa non rinuncerebbe mai?". Katia sul momento non sa cosa rispondere, è spiazzata. "Non cerchi risposte, lasci vagare l’immaginazione". Katia accetta l’invito: in lei affiorano immagini che fino a quel momento giudicava sbagliate e sciocche: lei mentre si perde nel leggere un libro, lei mentre fa lunghe camminate. Sempre rigorosamente da sola! Qualche giorno dopo fa un sogno. Cammina nel bosco, con lei c’è un’anziana signora."Per stare bene devo diventare un’altra", dice lei. Ma l’anziana donna le risponde: "Non spetta a te deciderlo. Fatti da parte e tutto andrà al suo posto". Quel giorno Katia si è permessa di andare “altrove” con la mente e ha trovato la casa della sua interiorità. "Ma allora - le viene da pensare - non sono tutta sbagliata!" Questo pensiero segna una svolta nella sua vita, nel suo modo di guardarsi. Da quel momento Katia inizia a non giudicarsi più e la guerra con se stessa si avvia sul viale del tramonto...

TAG
AUTOSTIMA
VINCERE LA TIMIDEZZA
APPROFONDISCI
Corso Pratico di Autostima, 3 voll.
Corso Pratico di Autostima, 3 voll.
Le regole per avere fiducia in se stessi e vivere con serenità e sicurezza la famiglia, le amicizie e il lavoro
CONSIGLIATO PER TE
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?