L'aiuto pratico
Trasforma i problemi in immagini e li vedrai tramontare

Quando ossessioni, timori, disagi vengono a trovarti, spostati sul piano delle immagini: i problemi diventeranno "semi" di un nuovo te che deve nascere

Ester, una lettrice delle nostre riviste ci scrive: "Sono una persona debole, non riesco a uscire dai miei problemi. Ho cercato con tutte le mie forze, ho riflettuto a lungo, ho indagato sulle possibili cause, ma niente. Ho sempre paura di morire o di prendere qualche malattia".  
Molte volte ci attacchiamo alle cose che passano dentro di noi come se fossero eventi eterni e così le fissiamo. È così che diventano “i nostri problemi”. Le trattiamo da nemici e non come qualcosa che arriva da noi e per noi. Pensiamo se Ester dicesse a te stessa: “Io voglio osservare la mia ipocondria: è mia, arriva da me, perché dovrebbe farmi male? Svolge di certo una funzione, anche se io non la conosco”. A seconda di come guardiamo il mondo interno, cambiamo il destino. I problemi emotivi non si risolvono con la razionalità, è una strada senza uscita. A Ester diremmo: prova a guardare le tue paure arrivare e aspetta. L’uovo covato fa il pulcino: questa legge è immutabile. Tu devi covare te stesso, non mandare via quello che capita dentro di te.

Hai un problema? Fai così...

Entra nella tua fiaba e scoprirai che... 

Nessuno può farcela nel regno del reale, con gli strumenti della vita diurna, con il ragionamento. Bisogna spostarsi su un altro piano, usare l'immaginazione, in questo modo: "Pensa a un problema che ti assilla, uno solo. Adesso immagina di lasciarlo lì e iniziate a camminare. Passo dopo passo. Un metro, due metri… Cammina cercando un ritmo nella camminata. Cammina, cammina… Scorgi scenari che si affacciano. Guardati attorno con meraviglia, come se fossi all'interno di una fiaba. Tutta l’attenzione è sui piedi che si muovono leggeri. Adesso il problema non esiste più, l'hai lasciato indietro, alle spalle, mentre sei  immersa nella passeggiata immaginaria. Arriva in un punto riparato, dove sarà facile trovare un rifugio. Ti nascondi lì: in un casolare, sotto un albero, in una grotta. L’anima si nasconde. Non hai niente da dirti. Arriva la grande tranquillità dell’essere nascosta."

Ti abitano capacità infinite

Con questo esercizio immaginativo abbiamo capovolto il solito meccanismo col quale siamo abituati ad affrontare i problemi. Abbiamo spostato l’asse del mondo interno dal pensiero all’immagine. Non devo risolvere i problemi razionalmente, ma trasformarli in immagini, perché le immagini sono il linguaggio dell’anima e contengono le vere soluzioni. Con le sole forze del pensiero razionale non puoi farcela. Nascondendoti rinunci all’identità che credi di essere, la quale non ha soluzione, e accetti di affidarti a un sapere più profondo che ti guida. Trasformare sensazioni, emozioni, paure in immagini: questo è il segreto per stare bene. 

Come attivare il cervello profondo

Durante l’esercizio immaginativo presentato poco sopra  è fondamentale l’immagine del rifugio, della grotta, un simbolo molto arcaico (Jung li chiamava “archetipi”) che parla direttamente al nostro cervello profondo. L’atto del nascondersi allude alle facoltà creative innate del cervello, quelle capaci di farci vedere i nostri problemi da punti di vista nuovi e così offrirci soluzioni inedite. I processi creativi avvengono sempre in modo “nascosto”, si attivano quando l’io (le nostre idee, credenze, intenzioni coscienti) viene sospeso ed entriamo in uno stato magico di assenza, di buio. Quando immagini di nasconderti metti tra parentesi tutte le impalcature mentali inutili, fai sfumare l’immagine pubblica che ti preoccupi sempre di mostrare agli altri, sospendi l’identità di superficie, che è sempre un’illusione, ma contatti l’anima. Ti nascondi, ossia ti affidi all’anima che ha soluzioni che tu non hai.

APPROFONDISCI
Impara l'arte di semplificarti la vita

Elimina le gabbie mentali, così realizzi facilmente tutti i tuoi obiettivi

CONSIGLIATO PER TE
I test che ti svelano la tua vera personalità

Bastano pochi minuti per scoprire le nostre qualità nascoste

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?