Se la depressione nasce da una malattia
Depressione

Se la depressione nasce da una malattia

Ci sono patologie, come l'insonnia o la cefalea, che se trascurate possono favorire un abbassamento di umore e avviarci alla depressione: come intervenire

È importante capire l'origine della depressione

Per essere ben curata la depressione va compresa, non soltanto nelle sue conseguenze, bensì nelle sue origini. Non individuare queste ultime può creare molte difficoltà alla guarigione, fino a renderla talora impossibile. Così, se su un piano psicologico è importante comprendere il contesto e gli eventi nel quale la depressione si è sviluppata, a volte è determinante valutare se alla sua radice non vi sia una malattia organica preesistente che ne ha favorito o direttamente causato l'insorgenza, cosa che accade più spesso di quanto si pensi. Ciò non toglie alla depressione le sue valenze esistenziali e il senso che può avere in quel determinato momento, ma offre strumenti di conoscenza che aiuteranno moltissimo alla fuoriuscita dalla crisi.

La depressione può sopravvivere alla malattia che l'ha innescata

Ci sono diverse patologie di ampia diffusione che, se non individuate (ad esempio l'anemia) o se trascurate (ad esempio l'insonnia e la cefalea), conducono a un rischio depressione o quantomeno a un atteggiamento negativo che predispone alla crisi stessa. In alcuni casi (ad esempio l'ipotiroidismo) la depressione fa addirittura parte dei sintomi specifici della patologia stessa. Ecco perché quando ci si sente depressi, e ancor di più se è presente qualche sintomo fisico, anche sfumato, è bene un consulto dal medico di base, che potrà escludere o evidenziare la possibilità di una causa organica predisponente o scatenante. Al contempo va tenuto presente che, se anche una depressione può essere innescata da questi fattori, essa può poi continuare a manifestarsi anche quando questi sono di fatto guariti.

Cosa fare: ridare subito all'organismo nuove energie

Assistere il corpo

- In questi tipi di depressione la volontà personale può non bastare per uscirne. Perciò bisogna riportare l'organismo a un buon livello energetico affinché si possano riattivare anche a livello mentale e psichico i meccanismi di autoguarigione. Sono utili approcci naturopatici mirati (aromaterapia, fitoterapia) e tecniche corporee a impronta psicosomatica (massaggi, rilassamento, trattamenti energizzanti).

Sostenere la psiche

- Un consulto psichiatrico è utile per valutare la necessità di un supporto farmacologico. Se si può evitare, meglio; ma se serve va seguito bene e senza conflitti. A prescindere da esso può dare beneficio un ciclo di sedute di psicoterapia colloquiale, che sappia infondere serenità, incoraggiare e accompagnare fino all'uscita da questo difficile periodo.

TAG
DEPRESSIONE
INSONNIA
DISTURBI
UMORE
PSICOSOMATICA
ANEMIA
APPROFONDISCI
Il mal di stomaco
Il mal di stomaco

I disturbi digestivi dipendono spesso da rapporti conflittuali con chi ci circonda

CONSIGLIATO PER TE
Fegato sano senza farmaci
Fegato sano senza farmaci

È un filtro che elimina le tossine, anche mentali. Ecco come rigenerarlo in modo naturale

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?