Quando l'amore somiglia a un'altalena
Coppia e amore

Quando l'amore somiglia a un'altalena

Esistono relazioni "intermittenti", nelle quali le persone si lasciano e si riprendono più volte, che bloccano la vita dei partner anche per anni: perché?

Bloccati su un’altalena. Potrebbe essere il titolo di un libro, e invece è l’espressione che meglio descrive la condizione di chi si trova in una di quelle relazioni di coppia che non riescono a “risolversi” e che, per questo, vanno avanti all’infinito tra un effimero mollarsi e un altrettanto effimero rimettersi insieme. Un fenomeno che ha notevoli ripercussioni sulla vita dei due protagonisti. La coppia irrisolta nasce come tutte le altre: entusiasmo, sogni, progetti. E, come tutte le altre, prima o poi, incontra un momento di crisi. Le altre coppie a questo punto percorrono una delle due strade classiche: superare la crisi o separarsi. Al contrario, questo “tipo” di coppia non lo fa ma si immette, senza saperlo, in un circolo vizioso ed estenuante.

Lasciarsi tenendosi d’occhio
Succede che i due si scoprono incompatibili in almeno un ambito fondamentale (caratteriale, affettivo o sessuale), quindi si lasciano e provano a ricominciare ognuno la propria vita. Ma la storia non è chiusa del tutto e i due vanno verso il nuovo con una parte della mente che ancora “tiene d’occhio” l’ex. Oggi in molti casi si può farlo direttamente, ad esempio guardando su Facebook quello che l’altro sta combinando, e facendosi a sua volta tenere d’occhio, mettendo in piazza il proprio vissuto. E così, dopo un po’, la gelosia, la ossessività, ma soprattutto il fatto che il nuovo corso non è così appagante (anche per colpa di questo legame irrisolto) spingono entrambi a rimettersi insieme.

Una dipendenza reciproca
I due ci provano, ci sperano, ce la mettono tutta, ma in breve si scontrano con le stesse, identiche difficoltà, che affrontano nello stesso modo, ottenendo lo stesso risultato: quello di lasciarsi. Anche questo lasciarsi è uguale a quello di prima: il conflitto rimane aperto, c’è ancora una silenziosa ma tenace dipendenza reciproca, un controllo a suon di continui sms e mail, che non lascia realmente liberi di rifarsi una vita. E così ecco un nuovo riavvicinamento, una nuova pseudo-separazione, un nuovo tentativo, e via dicendo. Possono andare avanti anni in questo modo, alternando sempre meno appassionati ritorni a sempre più esasperati allontanamenti. I due, con amici e parenti, non fanno che lamentarsi, ma restano sempre lì, in questo pendolo che ripercorre sempre lo stesso identico tracciato. Perché non ne escono?

Rompere la ripetizione
In questa altalena infinita, che diventa un vero e proprio stile di relazione, la vita si blocca, non solo a livello sentimentale, ma in modo più ampio: tutte le relazioni ne risentono, così come lo sviluppo psichico, la salute mentale, il rapporto con i figli, i progetti di vita. I due protagonisti lo sanno, ma non riescono a uscire dalla situazione. Riuscirci, in effetti, non è facile, perché quando uno ci prova di solito è l’altro a non collaborare. Tuttavia, se lo si vuole davvero, è possibile. Serve una svolta determinata, almeno in uno dei due. Già il solo cominciare a rifletterci può indurre cambiamenti sostanziali nel modo di sentire e di agire, anche in coppia. È un impegno che paga perché, liberando la persona dai propri demoni, libera la coppia dai soliti automatismi. E quel che accadrà (stare bene insieme o separarsi veramente) sarà finalmente quel che deve accadere.

Come uscire dal circolo vizioso
Avete deciso di ritentare? Cambiate atteggiamento

Sappiate che, se non cambiano le condizioni dentro e fuori di voi, la relazione ancora una volta non funzionerà. Va individuato quel che vi fa stare male. Forse avete aspettative sul rapporto molto differenti, progetti che non combaciano, modalità comunicative non in sintonia, bisogni diversi di libertà. Oppure le condizioni esterne influenzano negativamente: siete troppo vicini ai genitori, date troppo spazio agli altri, lavorate insieme tutto il giorno, avete abitudini che vi allontanano. Invece di lasciarvi ogni volta, lasciando tutto immutato, cambiate queste (e altre) cose. L’amore da solo non basta, bisogna dargli il terreno giusto.

Avete deciso di lasciarvi? Rafforzate la vostra scelta
Se chi lascia (che, in genere, è quello che sta peggio) ha ormai capito che non si può stare insieme né cambiare la situazione, e quindi  che la sofferenza è garantita, deve prenderne atto in modo definitivo e fare di tutto per non cedere ai richiami dell’altro. Può essere molto utile una psicoterapia, che aiuti a rafforzare la propria decisione, a restare lucidi, a vincere l’inerzia e la dipendenza, a non cedere ai sentimentalismi, a non frequentare i soliti posti comuni a entrambi. Il vuoto lasciato dalla persona deve essere riempito dalla consapevolezza di sé, non da un maldestro tentativo di fuga. Certo è faticoso all’inizio, ma in breve i benefici saranno evidenti.

La soluzione alternativa: ditevi la verità
Per uscire da queste situazioni bisogna innanzitutto dirsi la verità: forse non ne uscite perché… non volete! A volte non si vede l’evidenza: la vostra storia è esattamente questa, fatta di tira e molla; non quella immaginaria in cui starete finalmente bene in un rapporto esclusivo senza più problemi. Questo andirivieni che continuate a riprodurre nasce proprio dal contrasto tra il vostro desiderio di un rapporto elastico, in cui ognuno conserva margini di autonomia, e un ideale astratto di esclusività, secondo cui amare vuol dire chiudere la porta al mondo esterno e vivere “noi due felici e contenti”.

In realtà la relazione vi va bene…così!
Evidentemente quelli non siete voi e finché non ve ne renderete conto continuerete a riprodurre il circolo dei tentativi, dei fallimenti,delle rincorse e dei nuovi tentativi. Perché voi ci riprovate a realizzare il sogno del Grande Amore, anche se ogni volta con sempre minore convinzione a causa del bagaglio di delusioni precedenti. Ma il rapporto placido e sereno non fa per voi, a voi piace stare sulla graticola. E se non c’è, la create. Risultato: dopo un po’ siete daccapo e i “due cuori e una capanna” crollano. Cosa non va in tutto ciò? Che l’elettricità, che per voi è indispensabile in un rapporto, invece che essere cercata in modo consapevole e diretto, viene prodotta in modo tortuoso da un meccanismo doloroso, che vi blocca psicologicamente nel ripetersi identico delle stesse situazioni e degli stessi automatismi.

TAG
SEPARAZIONE
CRISI
DIPENDENZA
ABBANDONO
COPPIA
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
La vita di coppia
La vita di coppia

Una guida originale che ci aiuta a scoprire i segreti per vivere bene il rapp...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?