Parole più semplici, umore più leggero
Comunicazione

Parole più semplici, umore più leggero

Esprimersi con esagerazioni e iperboli può innescare atteggiamenti superficiali e creare disagi: ritroviamo il piacere di una comunicazione più naturale

Un detto popolare afferma: “l’uomo che parla troppo, non sta dicendo niente”. Ma “parlar troppo” non vuol dire solo parlare tanto, ma soprattutto parlare male. Ad esempio: superlativi, iperboli, esagerazioni. Il nostro linguaggio quotidiano ne è infarcito in maniera crescente, anche per colpa dei mass media, che propongono a getto continuo modalità espressive sempre più colorite ed estreme. Ma questo può creare inaspettati effetti a livello psicologico. Non c’è dubbio che, se una persona si sente triste ma dice “sono depressissima”, oppure se si sente stanca e per comunicarlo dice “sono devastata”, si creano due effetti negativi molto importanti. Il primo è uno scollamento tra il proprio stato reale e quello manifestato all’esterno, che tende alla drammatizzazione; il secondo – ancora più importante – è che la drammatizzazione peggiora a sua volta lo stato reale di chi la esprime. In pratica, se uno comunica di essere “devastato”, la sua transitoria stanchezza si potrà trasformare in un vero ulteriore decremento delle energie, con un effetto oltremodo scoraggiante sulla psiche…e sul corpo.

La misura del linguaggio

La soluzione è a portata di mano: si tratta di rimettere a posto il proprio linguaggio, scegliendo le parole giuste per ogni specifico stato interiore e non quelle che lo amplificano fino a farlo diventare qualcos’altro. Bisogna ritrovare il senso della misura, rinunciando alla “spettacolarizzazione” delle proprie emozioni, rifiutando questo “narcisismo al contrario”. Perché far coincidere le parole con la realtà significa far coincidere noi con noi stessi. E la sensazione che ne deriva è quella di essere più stabili e sicuri di sé. Impagabile.

Scegliere le parole

I media tendono a massificare il linguaggio secondo frasi stereotipate e amplificano ogni emozione, positiva e negativa. Possiamo invece, nel quotidiano, provare a scegliere con maggior cura le parole da usare, facendo tutto il possibile per farle coincidere con il nostro stato interiore. Un trucco: a volte facciamo una pausa prima di esprimermici, così da selezionare i termini più adeguati.

Ampliare il vocabolario

Avere più parole ed espressioni “a portata di mente” amplia il vocabolario delle emozioni. L’ideale è leggere libri di buona qualità letteraria; guardare (anche) film che indagano l’anima e privilegiano l’introspezione; ascoltare alla radio (anche) programmi di approfondimento culturale e di attualità. Una maggiore ricchezza linguistica ci aiuterà a far coincidere ciò che esprimiamo con ciò che siamo.

TAG
LINGUAGGIO
PAROLE
COMUNICARE
APPROFONDISCI
La guida pratica per comunicare bene
La guida pratica per comunicare bene

Come usare il linguaggio verbale e quello del corpo per farsi capire e per migliorare i rapporti con gli altri

CONSIGLIATO PER TE
La guida pratica per comunicare bene
La guida pratica per comunicare bene

Come usare il linguaggio verbale e quello del corpo per farsi capire e per migliorare i rapporti con gli altri

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?