Divorzio riuscito ma i figli soffrono. Perchè?
Vita in famiglia

Divorzio riuscito ma i figli soffrono. Perchè?

Anche quando un divorzio o una separazione vengono vissuti senza drammi possono causare qualche problema ai bambini: cosa fare per aiutarli

I figli "assorbono" il disagio della separazione e del divorzio

Separazione e divorzio sono eventi entrati nella quotidianità: sempre più spesso le coppie riescono a viverli in modo sereno così che la vita familiare post-separazione o divorzio possa procedere senza ulteriori inciampi. Capita però che, nonostante le buone intenzioni dei genitori, i figli appaiano ugualmente danneggiati dal cambiamento dell'assetto familiare, e manifestino il disagio con cali del rendimento scolastico, disturbi psicosomatici, difficoltà relazionali coi coetanei, attaccamento morboso nei confronti di un genitore e rifiuto dell'altro, comportamenti regressivi da "bambino piccolo".  Se è questo che sta accadendo ai vostri figli domandatevi se, senza rendervene conto, non siete piuttosto voi, nel profondo, a non accettare completamente la separazione o il divorzio e quindi a proiettare indirettamente sui figli il vostro malessere. I bambini  assorbono come spugne l'atmosfera emotiva dell'ambiente.  Più ricettivi e quindi vulnerabili, i figli diventano la cartina tornasole del disagio nascosto di mamma e papà di fronte alla separazione o al divorzio. Non è il caso di drammatizzare, le soluzioni sono a portata di mano.

Quando separazione e divorzio sono vissuti sul corpo

Capita che dopo la separazione i figli manifestino difficoltà col cibo, tic nervosi, caduta di capelli o alopecia, disturbi della pelle, disfunzioni del sonno o incubi ricorrenti. Tutti questi sintomi sono richieste d'aiuto: i figli raccontando col corpo la sofferenza che non si riescono a manifestare ai genitori. C'è un confine sottile tra il non drammatizzare un evento doloroso come una separazione o un divorzio e rimuoverlo del tutto. I figli, desiderosi di non far soffrire i genitori, si caricano sulle spalle il dovere di essere "bravi ometti", seppellendo dentro di loro la tristezza. Mostrate allora, senza esagerare e assieme a una buona dose di coccole,  che la separazione ha lasciato anche in voi qualche segno: questo può dare il coraggio di mostrarvi i loro. In questo modo non dovranno più demandare al corpo il messaggio della sofferenza emotiva.

Quando si "attaccano" a uno dei genitori in modo morboso

Di colpo i figli vogliono sapere dove vai, con chi esci a che ora torni; si preoccupano della tua salute;  ti fanno confidenze che prima tenevano per sé e le pretendono da te. La cosa strana è che tu, genitore affidatario, per non correre il rischio di intrappolarli in un rapporto simbiotico, li stimoli a essere più autonomi. Forse è proprio questo trattamento a esser equivocato come volontà di allontanarli, cosa cui rispondono con un atteggiamento opposto. Anche in questo caso va recuperata la naturalezza perduta, ritrovando la giusta distanza che permetta a entrambi di mantenere i propri spazi di autonomia senza per questo rinunciare a momenti esclusivi di contatto, in cui coccolarsi a vicenda.

A turno si allea col papà o con la mamma

A te parla male di lui; con lui critica te. E dire che sia tu sia suo padre vi siete imposti di non farvi mai "la guerra" nonostante la separazione o il divorzio. Che i figli sappiano manipolare la separazione, alleandosi a turno con un genitore contro l'altro per ottenere trattamenti speciali, è noto. Ma questo atteggiamento può dipendere anche da altro: evitare di proferire giudizi negativi sul proprio ex infatti è buona regola; ma se la si rispetta con troppa rigidità, si rischia che l'"aplomb" nei confronti dell'ex-coniuge faccia di lui un innominato. I figli finiscono così per dar voce all'ostilità reciproca che padre e madre reprimono. Meglio concedersi qualche rimbrotto o qualche critica: essere un ex-coniuge imperfetto non significa diventare un genitore scadente!

Quando dopo una separazione o un divorzio tornano bambini

Non vogliono dormire soli, pretendono di essere imboccati, chiamano mille volte, cercano rassicurazioni anche per cose futili: cosa sta succedendo? Per i figli voler tornare piccoli è una tentazione cui è facile cedere quando - come capita durante una separazione o un divorzio - si sentono trattati anzitempo da grandi; oppure è il modo più semplice per riappropriarsi di attenzioni al momento negate. Non allarmiamoci: regredire è  lo stratagemma temporaneo messo in atto dalla psiche per fare un passo indietro, prendere fiato e ricominciare. L'importante è che questo strumento auto-difensivo duri il tempo che serve, evitando che i figli si riabituino ad un ruolo di "poppanti" comodo solo in apparenza.

TAG
SEPARAZIONE
FIGLI
FAMIGLIA
DIVORZIO
ANSIA
STRESS
REGRESSIONE
APPROFONDISCI
L'arte di rilassarsi in pochi minuti
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

CONSIGLIATO PER TE
Breve corso per vincere l'ansia
Breve corso per vincere l'ansia

Siamo convinti che l’ansia dipenda sempre da qualcosa o da qualcuno e c...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?