Bagna il letto e si vergogna? Lo aiutano le cure dolci
Crescita e sviluppo

Bagna il letto e si vergogna? Lo aiutano le cure dolci

I rimedi floreali e le tinture madri servono a spegnere paure e piccole ansie che causano le “perdite”, ma servono anche alcune regole pratiche: ecco quali

Per enuresi notturna non s’intende la sporadica emissione di urine di notte (fenomeno abbastanza diffuso fra i bimbi più piccoli), considerata normale fino a sei anni, ma un evento che si ripete regolarmente (almeno 2 volte alla settimana per tre mesi consecutivi) e che riguarda bambini di età compresa in genere fra i 6 e i 10 anni. L’enuresi può avere cause organiche, ma molto spesso l’origine è psicologica. La pipì a letto è un modo per esprimere tensioni, paure, emozioni che di giorno nostro figlio trattiene ma che di notte, quando il controllo cosciente si allenta, sfuggono. Lasciandosi andare il bambino riduce la tensione interna e comunica un forte bisogno di attenzione e di ascolto.

Spesso è una richiesta di attenzione

La regressione è uno dei mezzi più semplici a disposizione per attirare l’attenzione del genitore o manifestare il proprio dissenso e la propria ribellione verso un disagio che il bambino avverte in famiglia o a scuola. Non bisogna drammatizzare perché il disturbo, quando è di origine psicologica, scomparirà da solo e soprattutto bisogna evitare di colpevolizzare il bambino, umiliarlo o arrabbiarsi con lui. Bisogna inoltre evitare di svegliarlo la notte perché questo gli crea tensione e insonnia, così com’è sconsigliato rimettergli il pannolino: se il bambino dorme fuori o in albergo, meglio una mutandina impermeabile, come rimedio di emergenza.

Esistono due diversi tipi di enuresi notturna

L’enuresi primaria si manifesta quando il bambino non raggiunge il controllo dell’emissione notturna della pipì e quindi continua a bagnare il letto. Si ha enuresi secondaria quando l’episodio di pipì a letto compare dopo un periodo di risvegli “asciutti” di almeno sei mesi e il bambino ha il perfetto controllo degli sfinteri. L’enuresi in questo caso insorge sempre in periodi molto stressanti. Al di fuori di questi casi, i disturbi urinari diurni, chiamati scientificamente poliuria (ovvero tanta emissione di urine) e pollacchiuria (emissione frequente di urine) devono far pensare a una patologia, che va verificata con il pediatra. Una volta escluse le cause organiche, è poi utile il ricorso a rimedi naturali come i fi ori di Bach o i granuli omeopatici, che aiutano il bambino a tranquillizzarsi e ad allentare angosce e paure.

Usa le tinture madri di erbe….

La perdita di pipì durante la notte, che compare dopo i 6 anni, segnala nella maggior parte dei casi la tensione emotiva del bambino. In questi casi si può intervenire con macerati glicerici e tinture madri. Si somministrano con acqua prima dei pasti. Il dosaggio dei rimedi fitoterapici va calibrato sul peso del bambino, calcolando (salvo diversa indicazione del pediatra) un massimo di 30 gocce al giorno per le tinture madri, e di 50 gocce al giorno per i macerati glicerici. Non si usano mai più di due fitoterapici alla volta.

- Abies pectinata MG 1 DH, da 30 a 50 gocce prima di colazione.

- Quercus peduncolata MG 1 DH, da 30 a 50 gocce prima di cena.

- Hipericum perforatum è invece indicato quando gli episodi di enuresi si accompagnano a incubi o paure notturne; si usa in tintura madre, nella dose di 10 gocce 2 volte al giorno.

… E i rimedi floreali più efficaci

Una miscela di Aspen, Agrimony e Cherry Plum è quello che serve al bambino. Aspen e Agrimony riducono lo stato di ansia e tensione emotiva, mentre Cherry Plum è un rimedio risolutivo per sciogliere l’angoscia da abbandono. Star of Bethlehem invece è il fiore indicato per il trauma affettivo; il bambino da loquace diventa taciturno: inappetente, si isola. Per tutti i rimedi floreali le dosi sono di 4 gocce, 4 volte al giorno da assorbire sotto la lingua per un mese.

Consigli pratici e i trucchi per rasserenarlo prima della nanna

- Evita di far bere tanto il bambino prima di andare a letto.

- Controlla sempre che faccia pipì prima di coricarsi.

- Usa una cerata impermeabile nel letto, da mettere sotto il lenzuolo.

- Dimostra comprensione al bambino e digli “Niente di male, può capitare”.

- Verifica che il bambino svuoti completamente la vescica. Molte volte il bimbo pensa di avere esaurito la minzione rapidamente e dopo la prima “spinta”; bisogna invece invitarlo a non avere fretta e ad aspettare che tutta la pipì sia uscita.

TAG
RIMEDI FLOREALI
APPROFONDISCI
Enciclopedia dei fiori di Bach, 3 voll.
Enciclopedia dei fiori di Bach, 3 voll.

Esiste un fiore, un rimedio per ogni disagio che ci affligge. Come conoscerlo...

CONSIGLIATO PER TE
La nuova guida ai fiori di Bach
La nuova guida ai fiori di Bach

In questo libro trovi i trentotto fiori di Bach, descritti uno a uno, il test...

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?