Mangiare sano

Vapore, la cottura 10 e lode

Fra i vari metodi di cottura dei cibi, quella al vapore vince per distacco, perché non altera i sapori preservando i nutrienti nascosti nei cibi: ecco le regole per farla perfetta.

In fatto di cucina, affidarsi alla tradizione orientale può rivelarsi spesso una mossa vincente. In Occidente, infatti, l’uso dei grassi e le cotture lunghe fanno più male che bene a noi e al nostro cibo perché fanno aumentare l’apporto calorico ed espongono al rischio di contrarre malattie cardiovascolari. Tra i popoli orientali, al contrario, è molto in voga la cottura al vapore in cui l’assenza di contatto diretto tra acqua e cibo e le temperature di cottura relativamente basse permettono di preservare al meglio il sapore e i preziosi nutrienti racchiusi nei cibi.

Vapore, una cottura a regola d’arte

I vantaggi del vapore non finiscono qui: questa tipologia di cottura permette anche di non eccedere con i condimenti che potranno essere aggiunti in un secondo momento e, soprattutto, a crudo. Da privilegiare olio extravergine d’oliva, spezie ed erbe aromatiche.

LEGGI ANCHECon il vapore dimezzi le calorie

Per la tua cottura al vapore, basta una pentola a pressione con cestello grigliato in acciaio o, in alternativa, una vaporiera in bambù, che può essere messa anche sopra una pentola normale. Come tutte le tecniche culinarie, anche la cottura al vapore richiede il rispetto di una serie di regole per poterne sfruttare al meglio i vantaggi: eccole.

  • Dosa bene il liquido nella pentola sottostante: acqua e pietanze nel cestello non devono mai venire a contatto. L’acqua, inoltre, dovrà essere a un livello sufficiente per non evaporare completamente prima che l’alimento sia cotto.
  • Disponi i cibi nella pentola solo quando si sarà formata una sufficiente quantità di vapore.
  • Lascia la buccia alle verdure: qui sono concentrati importanti quantità di vitamine e minerali.
  • Non aprire il coperchio fino a cottura ultimata: questo consentirà di mantenere costante la temperatura e di ottenere una cottura uniforme.
  • Metti gli alimenti più sodi e duri nel piano inferiore, quelli più teneri nel piano superiore: questa regola vale naturalmente solo se si utilizzano cestelli a più piani sovrapposti.
  • Non solo verdure: sfrutta le potenzialità della cottura al vapore anche per pesce, carne bianca e crostacei.

TAG
COTTURA DEI CIBI
APPROFONDISCI
Alimentazione Naturale

La natura “sa” sempre cosa serve al nostro corpo per stare bene...

CONSIGLIATO PER TE
Cucina senza grassi
Perdi subito peso e ti allunghi la vita
AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come vivi le tue paure?