Erbe e fitoterapia
Origano, digestivo e antibiotico naturale

L'origano non è solo un ottimo aroma da utilizzare in cucina: fin dall'antichità era utilizzato come erba medicinale antinfiammatoria e analgesica

Conosciamo l'origano soprattutto grazie al suo aroma, ma il suo utilizzo come pianta medicinale risale ai tempi dell’antica Grecia, quando l'origano veniva prescritto anzitutto per lenire i disturbi gastrici. Racconta Aristotele che l’origano veniva utilizzato anche contro i morsi di serpente, mentre dagli antichi Egizi era ritenuto indispensabile per i processi di imbalsamazione. Quest’arbusto originario del bacino mediterraneo e dal forte odore speziato, è dunque tutt’altro che un semplice aroma da cucina, ma ha proprietà curative importanti: è assai ricco di tannini e fenoli (apigenina e luteolina) che gli conferiscono efficaci proprietà antinfiammatorie; alcune ricerche condotte dal Abdesselam Zhiri e presentate al Congresso Botanica, tenutosi a Dublino nel settembre del 2012, hanno confermato le virtù antinfettive dell’origano.

Leggi anche: via febbre e malesseri con l'origano

L'infuso di origano rigenera lo stomaco

Un altro studio, pubblicato su Phytotherapy Research qualche anno fa, ha messo in luce le proprietà analgesiche di questa pianta. Per di più i flavonoidi contenuti nell’origano hanno un grande potere antiossidante che aiuta a contrastare i processi degenerativi che accelerano l’invecchiamento.  Con l’origano potete fare un infuso per digerire bene: mettete a bollire un cucchiaino di sommità fiorite in 250 ml d’acqua per un paio di minuti. Filtrate e bevetene una tazza mezz’ora dopo i pasti. Un infuso simile è utile anche in caso di tosse con catarro e bronchite. Preparatelo con 15 g di sommità fiorite messe per 10 minuti in 1 litro d’acqua bollente: filtrate come al solito e bevetene 2 tazze al giorno.

L'origano contro i dolori cervicali

Se soffrite di emicrania e dolori cervicali, preparate questo unguento dalle notevoli proprietà: fate macerare per un’ora 100 g di fiori secchi di origano in 500 ml di olio riscaldato a bagnomaria. Poi prendete un tampone, imbevetelo ben bene e massaggiate le parti doloranti.  Potete anche procedere così: mescolate 20 gocce di olio essenziale di origano con un cucchiaio di vaselina, uno di lanolina e uno di ossido di zinco: in caso di pruriti o di eczema, applicatelo sulla pelle. Il risultato è ottimo.

APPROFONDISCI
Guida pratica all'erboristeria

Per conoscere le proprietà delle erbe e come usarle per curare i disturbi

CONSIGLIATO PER TE
La digestione è la fonte della salute

Come eliminare acidità, gonfiori, stipsi e colite, con i rimedi naturali una volta per tutte.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Cosa vorresti eliminare del tuo carattere?