Erbe e fitoterapia
Olio di mandorle dolci: tutte le virtù terapeutiche

Il più utilizzato in cosmesi naturale, l’olio di mandorle dolci, era già conosciuto in tempi antichi per le sue proprietà emollienti, nutrienti, addolcenti e lenitive

L’olio di mandorle dolci è in assoluto l’olio vegetale più usato in cosmesi naturale, soprattutto per le sue proprietà emollienti e nutritive. Ottimo sulla pelle come sui capelli, gli antichi Egizi lo usavano per le ricette di bellezza riservate ai nobili, mescolato a miele, cannella e vino aromatico per massaggi terapeutici. Si narra che la regina Cleopatra ne facesse un uso quotidiano, proprio per mantenere la sua pelle sempre liscia e vellutata. Pianta originaria dell’Asia centro-occidentale, fino alla Cina, il mandorlo dolce è stato portato nei Paesi del Mediterraneo dai Fenici, prima in Grecia e poi in Sicilia, fino in Spagna. Gli antichi Romani lo chiamavano “noce greca”.

 

La pianta di mandorlo

L’olio di mandorle dolci si ottiene attraverso la spremitura a freddo del seme oleoso (mandorla) contenuto nel frutto carnoso (drupa) del Prunus dulcis. Un albero appartenente alla famiglia delle Rosaceae, con fiori color bianco-rosato, simbolo di purezza, che sono i primi a sbocciare all’inizio della primavera. Da non confondere con il Prunus amygdalus che, invece, produce le mandorle amare, anch’esse utilizzate per ricavare un olio vegetale che però risulta tossico, addirittura letale, se ingerito sopra una certa quantità (5-7 ml), poiché schiacciando la mandorla si libera acido cianidrico. Dalle mandorle amare si ricava l’olio essenziale. L’olio di mandorle dolci, invece, è innocuo e anche commestibile, infatti, può essere usato sul corpo come per uso interno, dato che contiene sostanze nutritive utili in entrambe i casi.

 

L’olio di mandorle dolci in cosmesi

Contiene un’alta percentuale di grassi insaturi e polinsaturi (acido oleico, linoleico, palmitico e stearico) che determinano le sue proprietà emollienti e nutrienti utili per la pelle. Anche le vitamine e i sali minerali in esso contenuti contribuiscono a rendere l’olio di mandorle dolci un ottimo rimedio nel contribuire al rinnovamento cellulare e nel prevenire l’invecchiamento cutaneo. Particolarmente raccomandato in caso di pelle secca e irritata. Applicato con un leggero massaggio circolare, prima o appena dopo il bagno e la doccia, con la pelle ancora umida, l’olio di mandorle dolci ne garantisce un’idratazione ottimale oltre che svolgere un’azione tonificante. Le sue proprietà emollienti e lenitive, inoltre, lo rendono utile anche per lenire pruriti e irritazioni provocati da eczemi o morbillo e varicella, come pure in caso di scottature. L’olio di mandorle dolci ha anche un elevato potere elasticizzante, per cui è utile nel trattamento e nella prevenzione delle smagliature, sia in gravidanza sia durante diete dimagranti. In questi casi, va applicato quotidianamente sulla zona interessata (addome, fianchi, glutei e seno). Per il viso, poi, l’olio di mandorle dolci rappresenta una valida alternativa al latte detergente (ma non per chi ha la tendenza a pelle grassa) nell’eliminare impurità e make-up, conservando il naturale equilibrio idrolipidico, oltre che essere utile a contrastare l’insorgere delle rughe. Mescolato allo zucchero, oppure al sale, l’olio di mandorle dolci può essere usato anche come scrub. Invece, dopo la depilazione, è ottimo per rimuovere i residui di cera e contro il rossore della pelle. Applicato puro sul contorno occhi prima di andare a dormire, invece, è un ottimo rimedio anche contro le occhiaie. Una goccia sulle labbra può essere utile per idratare al posto del burro cacao. Grazie alla sua composizione, si assorbe rapidamente sulla pelle. La sua consistenza e il suo lieve odore delicato fa sì che l’olio di mandorle dolci si presti come base per i massaggi, miscelato all’olio essenziale di cui si vuole sfruttare le proprietà terapeutiche. Può andare bene quindi per semplici massaggi rilassanti oppure per lenire dolori muscolari e articolari. L’olio di mandorle dolci va benissimo pure sulla delicata pelle dei bambini, anche neonati, per lenire arrossamenti e irritazioni provocate dal pannolino. Inoltre, l’azione nutriente e idratante dell’olio di mandorle dolci è utile per la cura dei capelli secchi e sfibrati, soprattutto in estate per proteggerli da sole e salsedine. Una volta alla settimana si può fare un impacco sui capelli asciutti, 20-30 minuti prima dello shampoo, per rendere la chioma morbida e luminosa. Va bene anche per rivitalizzare capelli trattati e colorati. Applicato sulla cute, poi, aiuta a contrastare la forfora e a curare la dermatite, oltre che prevenire la caduta dei capelli, grazie al suo contenuto in magnesio. Evitare però in caso di capelli grassi. Per contrastare le doppie punte, inoltre, è utile distribuire un po’ di olio di mandorle dolci solo sulle lunghezze. Infine, l’olio di mandorle dolci è ottimo anche per rendere le unghie forti e belle.

 

A uso interno

L’olio di mandorle dolci può essere usato anche come rimedio naturale per curare alcune problematiche gastriche, intestinali etc. Ricco di vitamine (in particolare del gruppo B ed E), sali minerali (zinco, ferro, magnesio, potassio, fosforo e calcio), ha anche un buon contenuto in proteine e acidi grassi. Oltre che per il benessere di pelle e capelli, l’olio di mandorle dolci, infatti, è molto utile per mantenere in salute il nostro organismo, idratandolo e nutrendolo anche dall’interno. Può essere ingerito per lenire il mal di stomaco, nel curare le irritazioni della mucosa gastrica, e migliorare le funzioni intestinali, avendo un effetto blandamente lassativo e disinfiammante. Questo grazie al fatto che lubrifica le anse intestinali e aiuta a smuovere i fecalomi, contrastando così blocchi che possono intossicare l’intero organismo. Può essere somministrato anche ai bambini, proprio per proteggere dalle infiammazioni il loro delicato intestino. L’olio di mandorle dolci, grazie alla presenza di acidi grassi “buoni” che eliminano il colesterolo “cattivo” presente nel sangue, è utile anche a prevenire l’ipertensione. Nella tradizione dello Yoga Kudalini, il maestro Yogi Bhajan, indica alle donne oltre i 28 anni l’assunzione quotidiana di due cucchiai di olio di mandorle dolci per purificare il corpo dalle tossine e rendere la pelle liscia e morbida. L’olio di mandorle dolci viene usato anche nella medicina cinese, dove corrisponde all’elemento Metallo ed è portatore di benessere per la pelle, l’intestino e i polmoni. Infatti, usato internamente è ottimo anche come rimedio contro tosse, bronchiti e irritazioni delle vie aeree, rimuovendo il muco in eccesso. Se non si gradisce ingerire l’olio di mandorle dolci semplicemente al cucchiaio, lo si può usare anche come condimento sulle insalate. Attenzione però che è molto calorico (570 Kcal / 100 gr) quindi è bene farne un uso limitato, non oltre due cucchiai al giorno.

 

Come si conserva e dove trovare l’olio di mandorle dolci

Di color giallo chiaro e dall’aspetto limpido, l’olio di mandorle dolci, viene conservato in bottiglie di vetro scuro, una volta aperto, conservare in frigorifero, altrimenti irrancidisce e perde le sue proprietà, consumare entro due mesi dall’apertura. Si trova in erboristeria, in farmacia, nei supermercati, oppure anche acquistabile online. L’importante che sia puro al 100% e privo di additivi chimici e conservanti, soprattutto se ne fate un uso interno, dato che non tutti gli oli di mandorle in commercio sono a uso alimentare.

APPROFONDISCI
La miracolosa frutta secca

Abbassa il colesterolo, regola l'intestino, mantiene giovani le cellule e spegne l'ansia

AGGIUNGI UN COMMENTO
Vuoi ricevere aggiornamenti sull'argomento?
Iscriviti alla nostra newsletter
Test della settimana
Come affronti una delusione amorosa?