Con l'agnocasto regolarizzi il ciclo
Erbe e fitoterapia

Con l'agnocasto regolarizzi il ciclo

In forma liquida o in polvere, l’estratto di questo arbusto mediterraneo riarmonizza l’ovulazione e scioglie lo stress e favorisce la regolarizzazione del ciclo

Le origini dell'Agnocasto

Originario del Mediterraneo e dell’Asia centrale, l’agnocasto è un arbusto dai fiori violacei che può arrivare fino ai sei metri di altezza; oggi viene coltivato soprattutto in Marocco e in Albania e cresce lungo i letti dei torrenti e sulle sponde dei fiumi. Nell’antica Grecia era usato dalle donne per tenere a bada gli eccessivi stimoli sessuali, tradizione che si perpetua fino al Medioevo, quando i monaci erano soliti metterne i boccioli nelle vesti per frenare la libido. Il suo nome latino, “agnus castus”, sta a indicare la qualità anafrodisiaca della pianta e le sue proprietà progestiniche.

È nei suoi piccoli frutti di forma allungata e di colore nero-rossastro, che si concentra un mix di componenti (tra cui flavonoidi e glucosidi) in grado di agire sull’ipofisi e contrastare i sintomi debilitanti del periodo premestruale. Grazie alla sua azione antispasmodica, l’agnocasto ha la capacità di lenire crampi e tensione mammaria, di placare l’eventuale tachicardia e di attenuare gli stati di stress intenso che si riverberano a livello delle ovaie, causa questi ultimi d’irregolarità del ciclo mestruale, come assenza dello stesso o emorragie troppo abbondanti.

Vince la stanchezza premestruale

Affaticamento lavorativo, tensioni familiari o la semplice interruzione del contraccettivo orale possono essere forieri di amenorrea (riduzione o scomparsa del ciclo mestruale) o di cicli ravvicinati; in questi casi l’agnocasto bilancia il sistema ormonale regolarizzando l’ovulazione, riduce in tal modo i cicli lunghi e allunga i brevi. In questi casi, assumi l’estratto secco in compresse da 100 mg 2 volte al giorno per 12 settimane.

Associa all’agnocasto la salvia sclarea, nota fin dall’antichità per la cura dei malesseri femminili di origine nervosa: usala nei bagni serali diluendone 8 gocce in acqua calda insieme a 10 gocce di tintura di agnocasto, e resta in immersione 15 minuti, soprattutto nei giorni prima del ciclo.

Quando le metruazioni diventano irregolari

In fase di pre-menopausa l’irregolarità del ciclo è spesso accompagnata da irritabilità, rallentamento del metabolismo, stanchezza e talvolta una leggera forma di depressione. Le proprietà antiestrogeniche dell’agnocasto mitigano vissuti ansiosi, sbalzi di umore e vertigini tipici del climaterio. Assumi 30-40 gocce di tintura madre, due volte al giorno e lontano dai pasti per cicli di 2 mesi, interrompi 20 giorni e poi ripeti la cura.

Allevia anche i malesseri della menopausa

L’agnocasto è un valido alleato contro le noiose “caldane” e la costellazione dei sintomi circolatori tipici della menopausa, come gambe pesanti, ritenzione, palpitazioni e aritmie. Per ovviare a questi fastidi puoi seguire un trattamento mirato da ripetere anche quattro volte l’anno. Assumi 30 gocce di tintura madre di agnocasto sciolte in mezzo bicchiere d’acqua 2 volte al dì e associa una perla di olio di Enotera, ottimo riequilibratore ormonale.

TAG
MESTRUAZIONI
MESTRUAZIONI IRREGOLARI
FITOTERAPIA
RIMEDI NATURALI
CICLO
STRESS
OVAIE
APPROFONDISCI
I magnifici 4 rimedi della nonna
I magnifici 4 rimedi della nonna

Sono olio, limone, acqua e bicarbonato:come usarli per la salute e la cosmesi

CONSIGLIATO PER TE
L'arte di rilassarsi in pochi minuti
L'arte di rilassarsi in pochi minuti

Ecco gli esercizi che ci restituiscono subito l'equilibrio interiore

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?