Comunicazione o manipolazione? Scopri la differenza
Comunicazione

Comunicazione o manipolazione? Scopri la differenza

Convincere gli altri con abili strategie di comunicazione a volte si trasforma in una violazione della psiche altrui: impara a difenderti così

La capacità di comunicare è sempre più importante: è tutto un fiorire di corsi e master finalizzati a migliorare la qualità e l’incisività di quel che uno ha da dire. Corsi che, nel loro insieme, dicono sostanzialmente la stessa cosa, e cioè che bisogna affermare idee ed esigenze con forza, con determinazione, ricorrendo a strategie che, in molti casi, non possono che cadere in forme più o meno velate di manipolazione. Del resto, dai media e dal web arriva quotidianamente la stessa “lezione”: entrano nel nostro tempo senza chiederlo, invadono la privacy, esercitano una continua pressione richiedendo attenzione. Ma c’è un paradosso: proprio nell’epoca della connessione illimitata, la maggior parte delle persone sembra non riuscire a dialogare serenamente.

LEGGI ANCHEScopri il volto di chi ti maipola

L'incomprensione può sfociare nella manipolazione

In psicoterapia, ad esempio, sono sempre di più le persone che mostrano al terapeuta il proprio smartphone per fargli leggere i dialoghi o le discussioni che hanno avuto con il partner, con un amico, un collega, un familiare. Dialoghi scritti - che quindi, in teoria, dovrebbero essere più meditati di un dialogo verbale - da cui emerge con evidenza una grande difficoltà nel farsi capire e nel capire (ovviamente stiamo parlando di argomentazioni su temi personali). Ciò che sorprende è che, a un certo punto della conversazione, i toni si accendono all’improvviso e, da una cortesia ammiccante, si giunge alla provocazione, al sarcasmo, all’aggressività verbale, come se queste fossero le migliori armi a disposizione nei momenti difficili di un confronto. Oppure, per difendersi, si utilizza un linguaggio suadente ma artefatto: ecco che la comunicazione si trasforma in manipolazione.

L'antidoto? Una ferma gentilezza

Non che oggi la gentilezza non esista più, o non ci sia in giro qualche persona gentile. Ma la gentilezza come strumento comunicativo non viene inserita in nessun corso e in nessun social. Eppure costituisce una delle principali chiavi di accesso a ogni tipo di dialogo proficuo. Gentilezza non come parte di una strategia, non come maschera provvisoria pronta a lasciare il campo all’aggressività non appena le aspettative non trovano immediata corrispondenza. Bensì come terreno stesso della comunicazione: un modo di parlare e di porsi in qualche misura “rituale”; viene in mente la ritualità tipica dell’Oriente, fatta di inchini e di formule volte all’accoglienza. Una facoltà che dà all’intento espressivo la capacità di penetrare nella mente e nel cuore dell’interlocutore come nient’altro sa fare. Non c'è antidoto migliore alla manipolazione di una comunicazione basata sulla gentilezza, anche o forse soprattutto quando occorre dire cose spiacevoli.

LEGGI ANCHEI segreti di una comunicazione efficace

Così la manipolazione sfuma

Esistono due modalità in cui la gentilezza può agire. La prima è quella in cui l’atmosfera del dialogo è serena. Qui essere gentili velocizza il dibattito, favorisce l’apertura dell’interlocutore e crea la condizione perché i messaggi giungano a entrambe le parti in modo diretto, non mediato da sospetti o da altre sovrastrutture mentali. Fin qui tutto facile. La seconda é quella in cui il dialogo si fa ostico e l’interlocutore è oppositivo, arrabbiato o pieno di pregiudizi. Qui il modello attuale di comunicazione prevede l’utilizzo di varie strategie volte a far passare comunque il concetto che abbiamo in mente: in altre parole, manipolazione. L’utilizzo della gentilezza, invece, si pone come elemento scioccante, potremmo dire rivoluzionario, capace di trasformare in positivo un conflitto, un equivoco o una forte incomprensione. Spiazza l’interlocutore e, al contempo, lo fa sentire protetto dalla nostra rabbia ma anche dalla sua; gli offre una libertà di pensiero e la possibilità di riflettere meglio, migliorando la sua disposizione d’animo. Gentilezza, dunque, non significa né implodere né manipolare, ma condurre il dialogo in uno spazio di vero, autentico confronto.

TAG
MANIPOLARE
MANIPOLAZIONE
APPROFONDISCI
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

CONSIGLIATO PER TE
Come riconoscere chi ti manipola
Come riconoscere chi ti manipola

Come scoprirli e neutralizzarli

VIDEO
Non farti più manipolare
RAFFAELE MORELLI
RIZA PSICOSOMATICA
MANIPOLARE
MANIPOLATORI
PSICOLOGIA
AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?