VIDEO Sognare gli animali: cosa significa?

Gli animali selvatici come tigri, tori o rinoceronti popolano spesso il nostro mondo onirico: appaiono per farci scoprire parti nascoste di noi

Buongiorno, sono la dottoressa Chiara Marazzina, psicologa e psicoterapeuta, e lavoro al Centro Riza di Medicina Naturale. Oggi vorrei parlarvi dei sogni caratterizzati dalla presenza degli animali.

Nei sogni, gli animali ci guidano come antenati

La parola animale deriva da “anima” e questo rimanda ai lati più autentici e primordiali di noi, a quegli istinti che di fronte a certe situazioni ci vengono in soccorso e ci mostrano la strada giusta da seguire. Tante volte però abbiamo dei ruoli, delle responsabilità, un’identità molto precisa e la razionalità mette da parte questi istinti, che diventano un surplus di energia che spesso ci si ribalta addosso. Su un piano onirico questo fenomeno psicologico avviene ad esempio nel momento in cui sogniamo che un animale ci insegua. Quando tale aspetto primordiale non è del tutto accolto, ecco che un animale selvatico, come una tigre o un rinoceronte, ci rincorre nei sogni e ci fa paura...

Il richiamo dell’energia creativa

In realtà, il contenuto di questi sogni, pur spaventando il sognatore, è molto positivo, perché non vuole far altro che metterlo in contatto con qualcosa di autentico che vuole arrivare in suo soccorso. A tal proposito vi voglio raccontare un aneddoto riportato da Marie-Louise von Franz, una grande allieva di Jung, la quale aveva un paziente che doveva scrivere una tesi di dottorato, ma non si decideva a farlo e il suo sogno ricorrente era quello di essere inseguito da un grande toro dal quale scappava. Lui pensava fossero gli istinti, la sua sessualità a dovere essere espressa maggiormente, ma la dottoressa non era molto d’accordo. Durante una seduta gli disse: “Probabilmente c’è qualcosa di più, c’è un lato creativo, che ancora deve esprimere, che ha bisogno di manifestare maggiormente”.

Dagli incubi nascono i talenti

La seduta successiva il suo paziente riportò un altro sogno, che era il continuo del precedente: in questo caso c’era sempre un grande toro che lo inseguiva, ma a un certo punto lui si trovò contro un muro che gli impediva di fuggire. In quel momento osservò il toro che lo guardava e notò che i suoi occhi non erano più tanto minacciosi. Poi l’animale si innalzò in piedi e anziché avere il fallo, aveva una grande penna a sfera. Quindi la dottoressa disse: “Ecco ci siamo, forse è giunto il momento di cominciare a scrivere!”. E, in effetti, il ragazzo scrisse una tesi che andò molto bene... Questo per dire che molto spesso dietro a dei sogni che possono apparirci inquietanti, si nascondono dei talenti che non vedono l’ora di potere essere espressi e manifestati, completando così la nostra vita, la nostra realizzazione.

Il linguaggio dei sogni è disponibile sul nostro store online sia in formato cartaceo che in formato ebook.

ACQUISTA ORA

Articoli collegati
    Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
    Test della settimana
    Test della settimana
    Come vivi le tue paure?