Così combatti la carenza di vitamina K
Integratori

Così combatti la carenza di vitamina K

La vitamina K agisce nel processo di coagulazione del sangue e in quello di costituzione delle ossa. Scopri se ne sei carente e come integrarla

La vitamina K, o naftochinone, è una vitamina liposolubile. Dopo l’assorbimento viene principalmente accumulata nel fegato e deve prima essere metabolizzata nella sua forma attiva idrochinonica per potere partecipare ai processi fisiologici in cui è coinvolta. La vitamina K svolge 2 ruoli principali:

  • È necessaria per la corretta coagulazione del sangue nel corpo
  • Assicura il funzionamento delle proteine che costituiscono e mantengono in forma le ossa



  •  

Cosa succede quando siamo carenti di vitamina K?

Il deficit della vitamina K è raro, ma può condurre a problemi di coagulazione e ad eccessivo sanguinamento. Le persone a rischio di carenza sono quelle soggette a malnutrizione cronica, insufficienza epatica, o affette da condizioni (celiachia, colite ulcerosa , fibrosi cistica) che limitano l’assorbimento delle vitamine. Anche lunghe terapie antibiotiche possono ridurre i livelli di vitamina K nel corpo alterando la funzione epatica o distruggendo la flora intestinale batterica.

In quali cibi si trova?

Tra gli alimenti ad elevato contenuto di vitamina K troviamo:

  • Ortaggi a foglia verde (spinaci, biete, lattuga, rucola, crescione, asparagi, broccoli, cavoli, cavolfiore, piselli)
  • Cime di rapa
  • Radicchio
  • Barbabietola
  • Alga wakame
  • Olio di soia
  • Olive
  • Fagioli
  • Crusca
  • Pasta integrale
  • Alcol
  • Tè verde

La vitamina K è antagonista dei farmaci anticoagulanti

I farmaci anticoagulanti da assumere per via orale sono antagonisti della vitamina K. Questi farmaci evitano che il sangue coaguli e che formi trombi che ostruiscono la circolazione. Vengono utilizzati per esempio nella profilassi e nel trattamento della Trombosi Venosa Profonda, dell’ Embolia Polmonare e della tromboembolia arteriosa. E’ fortemente consigliato a questa popolazione di pazienti di limitare/evitare i cibi ricchi di vitamina K, che rappresenta l’antidoto naturale del farmaco, la cui azione può essere ridotta con conseguente aumento del rischio trombotico.

TAG
VITAMINA K
COAGULAZIONE
OSSA
PROTEINE
APPROFONDISCI
Come vincere l'osteoporosi
Come vincere l'osteoporosi

Rinforza le ossa con i rimedi naturali

CONSIGLIATO PER TE
I manuali di Riza: Calcio e Vitamina D
I manuali di Riza: Calcio e Vitamina D

Sono i tuoi alleati vincenti

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?