Il buonista fa male a sé e agli altri
Tu | fiducia in se stessi

Il buonista fa male a sé e agli altri

Essere sempre buoni, disponibili e comprensivi non è naturale: il buonismo è una recita che inquina l'anima e nasconde il vero carattere. Ecco le contromisure più efficaci

“Mi tratta male perché in realtà vuole spronarmi”; “Si arrabbia con tutti ma in fondo è un buono”; “Non lo fa apposta: è fatto così, è il suo modo di essere”; “Non è permaloso: è soltanto molto sensibile”. Sono alcune delle frasi che meglio descrivono l’atteggiamento ipercomprensivo di chi a ogni costo vuole vedere negli altri, che prevaricano, offendono o tramano, aspetti o intenti positivi che in realtà non ci sono. È una particolare forma di buonismo a tutto campo ma che viene espresso soprattutto con le persone dai comportamenti più discutibili, che meriterebbero proprio il contrario, ad esempio una critica perentoria o la chiusura del rapporto. È come se si trovasse una particolare soddisfazione nell’essere l’unico a scovare “la vera essenza”, ovviamente buona, di qualcuno che, agli occhi di chiunque altro, appare riprovevole. Come se ci si realizzasse nel vedere quel che gli altri non vedono, attribuendo agli altri la propria buona fede, la propria ingenuità e anche l’inesperienza di vita. 

Attenti al boomerang del buonismo

Ma tutto questo, che a uno sguardo superficiale sembra lodevole, si rivela quasi sempre un boomerang che farà star male la persona, esponendola a delusioni e a manipolazioni. L’ipercomprensivo, proprio per questa sua modalità acritica e giustificante, attira a sé individui che ne approfittano. Essi sanno che, qualsiasi cosa facciano, verranno capiti e perdonati e anzi paradossalmente addirittura valorizzati: il loro interlocutore nel suo buonismo esasperato, ha perso il contatto con la realtà e potrà quindi sopportare l’infrazione di ogni codice morale. È così, ad esempio, che una donna si ritrova ogni volta in balia di partner violenti o che un amico viene di continuo raggirato economicamente o sfruttato per i fini egoistici dell’altro. Molte persone anche senza essere ipercomprensive, possono cadere in questo meccanismo: ciò accade quando “l’approfittatore” ha caratteristiche misteriosamente in sintonia col nostro lato Ombra, caratteristiche a noi sconosciute ma proprio per questo attraenti in modo quasi irresistibile. Comprendere ciò è fondamentale per interrompere questo gioco perverso, che potrebbe mettere in pericolo anche le persone che ci stanno vicino.

Giustificare tutto e tutti è controproducente

L’ipercomprensivo non è un sentimentale. Anzi, è totalmente razionale e sopprime le sue emozioni alla radice, fino a non sentirle più. Esercitati a ricontattarle e poi ad esprimerle. Ogni tanto dì a te stesso, ad altra voce, cosa provi realmente di fronte a vari comportamenti altrui: “In questo momento sono sereno, ansioso, contrariato…”. 

Spegni la recita del buonismo

Quella dell’ipercompresione è una maschera: l’immagine della “bella persona” da cui non escono critiche o emozioni negative, fin da piccoli serve in primis per farsi accettare dagli altri. Salvare l’immagine dell’altro in realtà equivale a salvare se stessi: comprendi questa dinamica e abbandonerai il personaggio buonista. È il primo passo per essere te stesso.

Sii egoista, fatti aiutare!

Se si tenta di giustificare sempre chi non lo merita, negando l’evidenza, si finisce per irritare chi ci sta accanto e si comporta bene, oppure si mettono in pericolo altre persone (oltre che se stessi), ad esempio i figli in balia di un partner aggressivo. Un consulto psicologico può aiutarci a capire se il buonismo sta facendo perdere il contatto con la realtà.

TAG
BUONISMO
APPROFONDISCI
Come riconoscere chi ti manipola
Come riconoscere chi ti manipola

Come scoprirli e neutralizzarli

CONSIGLIATO PER TE
Riza Psicosomatica
Riza Psicosomatica

È il mensile di psicologia che aiuta a occuparsi di sé per vivere bene e migliorare la qualità delle nostre relazioni.

AGGIUNGI UN COMMENTO
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?