Vuoi perdere una taglia del girovita? Fai così
Dimagrire

Vuoi perdere una taglia del girovita? Fai così

Serve un tripudio di vegetali di stagione, cibi fermentati e infine erbe e semi dall’azione carminativa: ecco gli alleati di un girovita perfetto

Per intervenire efficacemente sulla disbiosi, anticamera di molti altri disturbi intestinali e quindi del gonfiore e di "problemi" al girovita, è fondamentale ridurre l’apporto di grassi e proteine (carni rosse, formaggi, salumi, burro), di zucchero bianco (saccarosio) e dei prodotti che lo contengono: provocano fermentazioni. Eliminali del tutto per una settimana insieme al latte vaccino, da sostituire con quello di mandorle. Non devi esagerare con le fibre, né ridurle troppo: l’assunzione raccomandata è di 20 o 35 g giornalieri. Può essere utile anche l’eliminazione periodica dalla dieta di tutte le farine raffinate, del grano e dei derivati (pane, pasta, cracker ecc.), perché attivano putrefazioni, dannose per la flora intestinale. In alternativa al grano si possono utilizzare per almeno un mese quinoa, miglio, grano saraceno, amaranto, riso: in questo modo, anche se non si soffre di intolleranze, è possibile ripulire in profondità la mucosa intestinale regolarizzando l’evacuazione.

I semi di chia per iniziare la giornata

Quando sono impregnati d’acqua, liberano una mucillagine che nell’intestino forma una massa gelatinosa, utile ad ammorbidire le feci, spazzare via le scorie e ripulire le pareti intestinali. Mescola 1 cucchiaio di semi di lino tritati e 1 di chia con 1 bicchiere di acqua naturale. Lascia gonfiare durante la notte e bevi al mattino. Altrimenti puoi farli reidratare con poca acqua e mangiarli a colazione con kefir (o yogurt) e frutta fresca.

Ribes e ananas danno sollievo immediato al colon

Diuretici e sfiammanti, i ribes (come gli altri frutti di bosco) aiutano a lenire le mucose dell’apparato digerente, il cui stato infiammatorio è una delle ragioni per cui il gonfiore diventa cronico. Prova l’abbinamento con l’ananas, che è depurativo a digestivo, in una piccola macedonia (con qualche foglia di menta) a colazione o agli spuntini. Sono buoni anche da bere in un frullato: secondo uno studio bere succo di ribes nero, ananas e prugna aiuta a modulare la risposta infiammatoria del corpo indotta da un’alimentazione sregolata.

Ravanelli sono ricchi di fibre anti-stitichezza

Un pinzimonio di ravanelli con un filo di olio extravergine di oliva (anti stipsi) e succo di limone bio è un buon modo per assumere fibre sgonfia pancia e anche preziose sostanze dall’azione di- Aumenta l’efficacia del pinzimonio con bastoncini di sedano e carote, che proteggono L’idea in più: prova i ravanelli cotti in una saziante frittata con timo pepe nero.

kefir naturale portentoso contro le disbiosi

Il kefir è una bevanda fermentata ricca di fermenti lattici: rigenera la flora batterica intestinale e facilita la digestione. È come un meccanico che “ripara” le disbiosi. Berlo ogni mattina a digiuno è una strategia vincente per conquistare finalmente la pancia piatta! La fermentazione riduce il contenuto di lattosio, che potrebbe dare problemi; mentre è abbondante nella bevanda l’enzima lattasi, che ha il compito di farci digerire senza difficoltà latte e derivati. È perfetto a colazione, al posto dello yogurt o del latte, con _ occhi d’avena, frutta fresca o secca.

Maggiorana l’erba dolce che evita le fermentazioni

Simile all’origano, ma più dolce, la maggiorana (Origanum majorana) ha proprietà digestive, antinfiammatorie e carminative. La cosa migliore è usarla fresca, aggiungendola a fine cottura ai tuoi piatti. Provala con broccoli, spinaci, coste o zucchine: sono vegetali ricchi di fibre, ma che la flora batterica riesce a gestire bene, senza provocare gonfiori.

Avena, un potente depurativo

Questo cereale integrale ricco di fibra solubile, che favorisce la regolarità intestinale e l’eliminazione delle scorie metaboliche circa 30 g di fiocchi d’avena al giorno, sotto forma di porridge: freddo o caldo, è perfetto per la colazione. Altrimenti puoi aggiungerne un cucchiaio a zuppe, frullati e purè.

TAG
DIETA PANCIA PIATTA
AGGIUNGI UN COMMENTO
Articoli collegati
Iscriviti alla newsletter RIZA e ricevi notizie e suggerimenti per prenderti cura di te!
Test della settimana
Test della settimana
Come vivi le tue paure?